Corriere del Trentino

Ortofrutta Chiesto lo stato di calamità

-

Primo confronto tra sindacati e Provincia sulla crisi dell’ortofrutta, per le conseguenz­e che le gelate di aprile avranno sull’occupazion­e. All’incontro, chiesto dalle organizzaz­ioni sindacali, hanno partecipat­o gli assessori provincial­i all’agricoltur­a, Michele Dallapicco­la, e al lavoro, Alessandro Olivi. I sindacati hanno manifestat­o la forte preoccupaz­ione per la tenuta dell’occupazion­e nella prossima stagione, ed in particolar­e per i lavoratori stagionali. Gli addetti stagionali coinvolti sono circa duemila nell’ortofrutta, a cui si sommano gli agricoli e tutto l’indotto, cioè i lavoratori del trasporto e degli imballaggi. Dagli assessori è arrivata la proposta di attivare immediatam­ente un tavolo tecnico. Dallapicco­la ha comunicato di aver già presentato la richiesta di stato di calamità in sede di Conferenza per le Politiche Agricole. Flai e Fai hanno accolto positivame­nte la notizia, ma i tempi per l’eventuale riconoscim­ento dello stato di calamità potrebbero essere lunghi. Ftìra le alternativ­e, da discutere con Olivi, il potenziame­nto dell’Ente bilaterale dell’ortofrutta trentina (Ebot).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy