TRABALLA L’ANO­MA­LIA TREN­TI­NA

Corriere del Trentino - - Da Prima Pagina - Di Lu­ca Ma­los­si­ni

Si può già af­fer­ma­re che al di là del ri­sul­ta­to del­le ur­ne, per il Tren­ti­no dal 22 ot­to­bre ini­zie­rà una nuo­va fa­se. Se do­ves­se pri­meg­gia­re il cen­tro­de­stra sa­reb­be una svol­ta sto­ri­ca vi­sto che mai que­sta ter­ra è sta­ta go­ver­na­ta da al­lean­ze che non si ri­chia­mas­se­ro a coa­li­zio­ni di cen­tro o di cen­tro­si­ni­stra au­to­no­mi­sta. Se do­ves­se ri­con­fer­mar­si in­ve­ce l’at­tua­le as­set­to di go­ver­no, do­po la dia­spo­ra con­su­ma­ta­si nel cor­so di que­sta esta­te bol­len­te che ha vi­sto il Patt ab­ban­do­na­re la na­ve, nul­la sa­reb­be co­mun­que co­me pri­ma, con un as­set­to po­li­ti­co chia­ma­to, nei fat­ti e non so­lo a pa­ro­le, a da­re con­cre­ti se­gna­li di di­scon­ti­nui­tà ver­so un pas­sa­to che tan­to ha fat­to di­scu­te­re. In­som­ma le pros­si­me ele­zio­ni, da qual­sia­si par­te si vo­glia­no os­ser­va­re, non sa­ran­no eti­chet­ta­bi­li sot­to la vo­ce «nor­ma­le am­mi­ni­stra­zio­ne».

Non abbiamo la sfe­ra di cri­stal­lo per leg­ge­re il fu­tu­ro, fare pro­no­sti­ci quin­di sa­reb­be un az­zar­do vi­sto poi che la po­li­ti­ca è im­pre­ve­di­bi­le: quel­lo che un gior­no ap­pa­re scon­ta­to il gior­no do­po non lo è più. Det­to ciò, non si può ne­ga­re che que­sto cen­tro­de­stra, a for­ti tin­te le­ghi­ste, og­gi più che mai stia vi­ven­do in una con­di­zio­ne di pal­pa­bi­le eu­fo­ria. Se non al­tro per l’on­da lun­ga na­zio­na­le, do­ve il lea­der del Car­roc­cio, Mat­teo Sal­vi­ni, si è or­mai tra­sfor­ma­to in una sor­ta di «san­to­ne» da por­ta­re in pro­ces­sio­ne pu­re nel­le val­la­te tren­ti­ne (il re­cen­te ba­gno di fol­la a Pin­zo­lo è so­lo as­sag­gio di­co­no i le­ghi­sti).

Sor­ge al­lo­ra una do­man­da: ma la tan­to de­can­ta­ta «ano­ma­lia tren­ti­na», al­la qua­le si è do­vu­to pie­ga­re an­che il Ber­lu­sco­ni de­gli an­ni mi­glio­ri, esi­ste an­co­ra o fa or­mai par­te di una nar­ra­zio­ne pas­sa­ta? Og­gi di­ven­ta dif­fi­ci­le dir­lo; non esi­sto­no più i bloc­chi di po­te­re che ga­ran­ti­va­no, a pre­scin­de­re dai va­ri con­te­sti na­zio­na­li, una con­ti­nui­tà po­li­ti­co-am­mi­ni­stra­ti­va lo­ca­le. Ciò che sta suc­ce­den­do all’in­ter­no del­la Coo­pe­ra­zio­ne ne è un esem­pio ecla­tan­te. Il «ma­ni li­be­re» pro­nun­cia­to qual­che set­ti­ma­na fa, at­tra­ver­so un’in­ter­vi­sta con­ces­sa al Cor­rie­re del Tren­ti­no dal­la pre­si­den­te Ma­ri­na Mat­ta­rei, se­gna la fi­ne di un’epo­ca e di con­se­guen­za di un rap­por­to tra po­li­ti­ca e mon­do coo­pe­ra­ti­vo che non è sta­to cer­to il ma­le del Tren­ti­no, tutt’al­tro; ma che ne­gli ul­ti­mi tem­pi si era in­vo­lu­to, qua­si an­nul­lan­do­si vi­cen­de­vol­men­te. Mat­ta­rei ha sco­per­to le car­te fo­to­gra­fan­do una si­tua­zio­ne che avrà ri­ca­du­te sul vo­to di ot­to­bre. Ec­co, ta­le scenario fra­sta­glia­to spin­ge a di­re che l’«ano­ma­lia tren­ti­na» quan­to­me­no traballa sot­to i col­pi di un cli­ma che è in­ne­ga­bil­men­te mu­ta­to, non si sa an­co­ra se in ma­nie­ra de­ter­mi­nan­te per pen­sio­na­re il cen­tro­si­ni­stra, di si­cu­ro in pe­ri­fe­ria si sen­te sem­pre me­no il re­frain che l’Ita­lia è una co­sa e il Tren­ti­no un’al­tra. Una si­mi­le in­cer­tez­za gio­ca a fa­vo­re del­la coa­li­zio­ne gui­da­ta da Mau­ri­zio Fu­gat­ti. Il qua­le Fu­gat­ti avrà un com­pi­to im­pe­gna­ti­vo: da una par­te con­ti­nua­re a sod­di­sfa­re la se­te del po­po­lo e dall’al­tra ac­cre­di­tar­si nei con­fron­ti dell’esta­blish­ment tren­ti­no che al­lo sta­to at­tua­le guar­da con cu­rio­si­tà, ma pu­re con dif­fi­den­za, il cen­tro­de­stra. Gli slo­gan, quin­di, non sa­ran­no suf­fi­cien­ti per co­strui­re una clas­se di­ri­gen­te. Bi­so­gne­rà of­fri­re un pro­get­to di Tren­ti­no e que­sta è una sfi­da che va­le per tut­ti i con­ten­den­ti al­le ele­zio­ni del 21 ot­to­bre.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.