«Rim­pa­sto, nes­sun re­tro­pen­sie­ro: vo­glio l’uni­tà»

Ca­po­luo­go, il sin­da­co An­dreat­ta ri­spon­de al­le ac­cu­se: «Un uo­mo so­lo io? Non è co­sì»

Corriere del Trentino - - Trento E Provincia - Ma. Gio.

TREN­TO Ales­san­dro An­dreat­ta pro­prio non ci sta. Sen­tir­si de­fi­ni­re «uo­mo so­lo al co­man­do» — una cri­ti­ca che gli è sta­ta mos­sa da più par­ti do­po il con­te­sta­to rim­pa­sto di giun­ta — lo ha ama­reg­gia­to. «Non è ve­ro che non ho sen­ti­to nes­su­no per il nuo­vo as­set­to del­la giun­ta» spie­ga il sin­da­co del ca­po­luo­go. «Ho fat­to 40-50 in­con­tri — pro­se­gue —. Ho ascol­ta­to. Ma ascol­ta­re tut­ti non si­gni­fi­ca di­re di sì a tut­ti. Si può ascol­ta­re e poi de­ci­de­re di­ver­sa­men­te, in ba­se al man­da­to in­di­ca­to dal­le for­ze po­li­ti­che». Che, spie­ga An­dreat­ta, è sta­to chia­ro: «Tut­te le for­ze po­li­ti­che mi han­no chie­sto di fa­re di tut­to per man­te­ne­re l’uni­tà del­la coa­li­zio­ne e per ar­ri­va­re a una mag­gio­ran­za di 25 com­po­nen­ti ri­co­no­sci­bi­li. Que­sto ho fat­to».

Uni­tà: il sin­da­co in­si­ste più vol­te su que­sto con­cet­to. «È que­sto del re­sto il sen­so uni­co di que­sto cam­bia­men­to» pre­ci­sa il pri­mo cit­ta­di­no. Che ag­giun­ge: «Per co­strui­re una mag­gio­ran­za com­pat­ta è ne­ces­sa­rio chia­ma­re al­la re­spon­sa­bi­li­tà an­che le for­ze po­li­ti­che che pri­ma non era­no coin­vol­te nel­la giun­ta, con­si­de­ran­do an­che la pre­si­den­za del con­si­glio. Ora nes­su­no è esclu­so: la lo­gi­ca che mi ha mos­so è pro­prio que­sta, l’in­clu­sio­ne. Non ho mai pen­sa­to di agi­re per met­te­re in dif­fi­col­tà una for­za po­li­ti­ca. Non è nel mio sti­le».

Ep­pu­re, le scel­te uf­fi­cia­liz­za­te al­la vi­gi­lia del pon­te di Ognis­san­ti han­no sol­le­va­to un ve­spa­io nel­la coa­li­zio­ne di go­ver­no di via Be­len­za­ni. «Cer­che­rò di far­mi ca­ri­co dei ma­lu­mo­ri — ri­spon­de An­dreat­ta —, ma non ci so­no for­mu­le ma­gi­che per dis­si­par­li: ser­vo­no in­con­tri e con­fron­to. E poi dob­bia­mo pun­ta­re l’at­ten­zio­ne sui te­mi, sul­le prio­ri­tà che era­no già in­di­ca­te nel no­stro pro­gram­ma elet­to­ra­le: ne par­le­re­mo nell’in­con­tro di mag­gio­ran­za di fi­ne me­se. Al­la gen­te, del re­sto, in­te­res­sa­no i te­mi, in­te­res­sa il fu­tu­ro del­la cit­tà. Il re­sto con­ta po­co». Quel «re­sto» — l’as­set­to di giun­ta — fi­ni­rà pe­rò di si­cu­ro sul ta­vo­lo del­la mag­gio­ran­za. «Sia chia­ro: vo­glio be­ne al­le for­ze del­la mia coa­li­zio­ne e ho la­vo­ra­to per te­ne­re in­sie­me la mag­gio­ran­za e la cit­tà, sen­za re­tro­pen­sie­ri, sen­za al­tri sco­pi o ac­cor­di se­gre­ti: al rim­pa­sto ho pen­sa­to gior­ni e gior­ni».

E l’area cen­tri­sta? «È rap­pre­sen­ta­ta — con­clu­de An­dreat­ta — da Mau­le e Pa­net­ta. Mau­le tra l’al­tro se­gue due dei te­mi stra­te­gi­ci che ave­va­mo in­di­ca­to per que­sta con­si­lia­tu­ra: be­ni co­mu­ni e smart ci­ty. Non è po­co».

Nel mi­ri­noIl sin­da­co del ca­po­luo­go Ales­san­dro An­dreat­ta, fi­ni­to nell’oc­chio del ci­clo­ne per il rim­pa­sto di giun­ta an­nun­cia­to di re­cen­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.