Corriere del Trentino

Cento pellicole da 16 Paesi Ritorna il «Film festival»

Cinema Presentato il cartellone della manifestaz­ione, che avrebbe dovuto svolgersi in primavera. Cento pellicole dal vivo e online, tra documentar­i e storie di viaggi

- di Chiara Marsilli

Nell’anno più difficile, il Trento Film Festival alza l’asticella. La 68esima edizione del festival cinematogr­afico di montagna, dopo lo spostament­o dall’abituale periodo primaveril­e alle nuove date 27 agosto 2 settembre, annuncia dei nuovi progetti ideati per rispondere alla delicata situazione post-Covid, ma che propongono al tempo stesso un nuovo modello di festival diffuso sia dal punto di vista geografico che digitale. Quella del 2020 sarà infatti un’edizione ibrida, che si svolgerà a cavallo tra gli spazi fisici del Trentino e la dimensione online. La piattaform­a adottata per la versione online è stata sviluppata da un team di realtà partner web di alcuni dei maggiori festival cinematogr­afici internazio­nali, tra cui anche la Mostra del Cinema di Venezia, e quello di Trento sarà il primo festival a utilizzare questa tecnologia in Italia. Ogni pellicola sarà disponibil­e online per sette giorni, parallelam­ente con le proiezioni che si svolgerann­o non solo nella città di Trento, ma anche in tutto il territorio provincial­e, per avvicinare un pubblico sempre più ampio. «La selezione delle pellicole è avvenuta nel pieno del lockdown - ha ricordato il responsabi­le del programma Sergio Fant -. Abbiamo trascorso settimane a guardare documentar­i di posti lontani e pellicole che raccontano incredibil­i storie di viaggi e di avventure: una coincidenz­a che ha enfatizzat­o il senso di chiusura, ma che ci ha ricordato la forza delle immagini che animano il nostro festival, e ci fa sperare di poter tornare il prima possibile alla normalità». Quasi cento i film selezionat­i, tra gli oltre 600 iscritti, di cui 26 in anteprima mondiale e 37 in anteprima nazionale. Sono 25 le opere in gara per le Genziane d’Oro e d’Argento: 14 lungometra­ggi e 11 cortometra­ggi, di cui 14 anteprime italiane e 2 anteprime internazio­nali, provenient­i da 16 Paesi diversi. Grande spazio avranno le pellicole dedicate al Sudamerica - come La Cordillera de los Sueños del documentar­ista cileno Patricio Guzmán, affascinan­te riflession­e sul significat­o delle Ande per l’identità cilena, che racconta quelle montagne come impo

nente metafora storica, o Cholitas degli spagnoli Jaime Murciego e Pablo Iraburu, che raccontano la storia di un gruppo di donne boliviane che sfidano pregiudizi e altitudine per cimentarsi nella scalata dell’Aconcagua (con 6.962 metri la montagna più alta delle Ande), indossando i coloratiss­imi abiti tradiziona­li della popolazion­e aymara così come le pellicole dedicate alle grandi ascensioni e al rapporto tra l’uomo e la natura come Der baer in mir. Infine l’evento di chiusura vedrà la proiezione di Nomad: In the Footsteps of Bruce Chatwin,

commovente omaggio al grande scrittore, giornalist­a e viaggiator­e inglese diretto dal maestro del cinema Werner Herzog.

Il rapporto tra uomo e natura è al centro della riflession­e dell’intero Trento Film Festival: «Vaia prima e la pandemia di coronaviru­s poi ci hanno insegnato che uno stile di vita e di sviluppo sbagliato può portare a conseguenz­e drammatich­e - ha dichiarato il presidente Mauro Leveghi -. Si dice che “gli uomini vengono dagli alberi” per indicare che è il regno vegetale a permettere la vita a quello animale. Dobbiamo porci dei limiti: il bosco può essere un nobile servo in termini di protezione, produzione e paesaggio, ma solo se non viene sfruttato». Da queste riflession­i ha avuto origine il manifesto simbolo di questa edizione del Festival, opera dell’artista trentino Albino Rossi, che ritrae gli alberi schiantati dopo Vaia e che porta il titolo di Un bosco per non dimenticar­e.

 ??  ??
 ??  ?? Orso in me Una scena di «Der baer in mir», una delle pellicole in concorso al Trento Film Festival 2020
Orso in me Una scena di «Der baer in mir», una delle pellicole in concorso al Trento Film Festival 2020

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy