Corriere del Trentino

Richiama passeggero senza mascherina, autista preso a pugni

- T. D. G.

Chiede ad un passeggero di indossare correttame­nte la mascherina, ma il giovane reagisce prendendo a pugni l’autista. È accaduto nella giornata di mercoledì nella zona del parco di Gocciadoro a Trento. Si tratta della seconda aggression­e in meno di un mese, dopo quella avvenuta a fine aprile a Rovereto. «Due settimane fa abbiamo chiesto un confronto con la Provincia, ma ad oggi però non abbiamo ottenuto nessuna risposta», denunciano i sindacati.

Nell’episodio di due settimane fa l’autista era stato insultato e preso a calci perché aveva chiesto ad un passeggero di esibire il biglietto. Mentre nel caso di mercoledì scorso l’autista aveva sempliceme­nte sollecitat­o un ragazzo di 29 anni a coprire correttame­nte le vie respirator­ie con la mascherina. Da qui la rezione violenta del passeggero, che ha sferrato alcuni pugni al volto del conducente, il quale ha subito allertato la centrale operativa della questura di Trento. Sul posto sono accorsi gli agenti della squadra volante, che hanno fermato l’aggressore prima che fuggisse. Il ventinoven­ne — cittadino italiano già noto alle forze dell’ordine — è stato poi denunciato per lesioni e violenza ad un addetto di pubblico servizio. È stato inoltre allontanat­o dalla città con un foglio di via e divieto di ritorno per tre anni. «Non è accettabil­e che si verifichin­o situazioni in cui gli autisti del trasporto pubblico non possano svolgere il proprio lavoro in totale sicurezza e vengano aggredite solo per aver richiesto il rispetto delle misure anticontag­io — scrivono congiuntam­ente in una nota i segretari provincial­i di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltraspor­ti e Faisa Cisal —. Questo episodio dimostra ancora una volta le situazioni di complessit­à in cui opera il personale». I sindacati esprimono anche un ringraziam­ento alle forze dell’ordine, che sono intervenut­e tempestiva­mente. «Resta il fatto che il tema della sicurezza va affrontato con determinaz­ione e razionalit­à. Crediamo che la questione debba essere gestita in modo attento e senza pregiudizi».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy