Corriere del Trentino

Saja carica l’Itas rosa «Voglio raggiunger­e i traguardi europei del team maschile»

Nuovo tecnico. Il ds: «Un profilo ideale»

- di Marco Vigarani

La nuova Trentino Volley femminile ora ha il suo comandante: al timone della formazione gialloblù che affronterà il prossimo campionato di A2 ci sarà coach Stefano Saja. È stata ufficializ­zata un’operazione già definita da tempo che garantisce alla formazione trentina un allenatore di profonda esperienza.

Saja, milanese classe 1975, è attivo con vari ruoli ormai da due decenni nel volley nazionale e ha guidato per quattro anni San Giovanni in Marignano in A2, conquistan­do anche la Coppa Italia di categoria nel 2018. L’anno scorso la sua prima esperienza in A1 con Roma si è conclusa con un esonero che non intacca però la grande credibilit­à di un profession­ista che nelle prossime settimane sarà anche assistente allenatore del’Italia Under 21 ai Giochi del Mediterran­eo.

«Abbiamo scelto Saja perché riteniamo che il suo sia il profilo ideale per il progetto che inizieremo a sviluppare – ha dichiarato il ds Duccio Ripasarti –. Cercavamo un tecnico che avesse una particolar­e familiarit­à con la A2. Si tratta di un allenatore giovane, ambizioso e con una comprovata esperienza».

L’Itas quindi punta con convinzion­e sul suo nuovo allenatore per gettare le basi di un cammino che vuole essere ambizioso. Saja a sua volta non ha nascosto un sano entusiasmo: «Sono molto felice di essere entrato nel mondo di Trentino Volley e di poter essere uno dei protagonis­ti di questo anno zero. Si tratta di un’opportunit­à che mi ha entusiasma­to fin dal primo momento, perché nasce con presuppost­i eccellenti e punta al top. Non potevo chiedere di meglio. Qui abbiamo davanti agli occhi un modello da seguire, quello del settore maschile, che ha pochi eguali in Italia e in Europa. Il mio impegno sarà massimo per portare anche la formazione femminile agli stessi fasti».

Il tecnico ha però illustrato le linee guida del suo programma: «Sono un allenatore che apprezza l’equilibrio e l’organizzaz­ione, due elementi che saranno il cardine dela squadra. Avremo un roster formato da atlete esperte e giovani di talento, capaci di far divertire il pubblico e togliersi belle soddisfazi­oni attraverso il lavoro quotidiano. Ogni traguardo andrà raggiunto a piccoli passi. Penso che sarà un campionato particolar­e anche grazie alla possibilit­à di tesserare due atlete straniere. Quattro o cinque squadre hanno condotto un mercato di altissimo livello ma anche le lunghe trasferte nascondera­nno insidie: non dovremo dare nulla per scontato».

Il metodo Come allenatore, apprezzo l’equilibrio tra giovani e veterane capaci di mettere a frutto la grande esperienza

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy