«La Bal­la­ta» di Pratt e la na­sci­ta di Cor­to Mal­te­se

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - Ver­ni

Lu­glio 1967. Sul­le pa­gi­ne del pri­mo nu­me­ro di Sgt Kirk, edi­to da Flo­ren­zo Ival­di, si leg­go­no le pri­me ta­vo­le di Una bal­la­ta del ma­re sa­la­to: è il de­but­to di Cor­to Mal­te­se, per­so­nag­gio che sa­reb­be di­ven­ta­to l’ico­na del fu­met­to ita­lia­no nel mon­do. Per fe­steg­gia­re il pri­mo mez­zo se­co­lo del «Gen­ti­luo­mo di for­tu­na», nel mu­seo del­la Sto­ria di pa­laz­zo Pe­po­li a Bo­lo­gna, ha aper­to «Hu­go Pratt e Cor­to Mal­te­se, 50 an­ni di viag­gi nel mi­to», una del­le mo­stre più com­ple­te mai rea­liz­za­te sul di­se­gna­to­re ve­ne­zia­no (www.mo­stra­pratt.it). Gran­de ami­co del pa­pà di Cor­to è sta­to Ivo Pa­vo­ne, clas­se ‘29: con Pratt ha con­di­vi­so gli an­ni del­le guer­ra a Ve­ne­zia, l’av­ven­tu­ra in Ar­gen­ti­na e la pro­fes­sio­ne di fu­met­ti­sta.

Per­ché la «Bal­la­ta» è sta­ta co­sì ri­vo­lu­zio­na­ria per il fu­met­to?

«L’in­no­va­zio­ne fon­da­men­ta­le è sta­ta quel­la di af­fron­ta­re un fu­met­to co­me un ro­man­zo. Hu­go, pri­ma di es­se­re un di­se­gna­to­re, era un nar­ra­to­re ec­ce­zio­na­le: tut­to par­ti­va dal­la scrit­tu­ra, il di­se­gno era una con­se­guen­za».

Pratt ave­va ca­pi­to che Cor­to sa­reb­be po­tu­to di­ven­ta­re un mi­to?

«La Bal­la­ta era na­ta co­me un rac­con­to a sé stan­te e Cor­to Mal­te­se do­ve­va es­se­re era un per­so­nag­gio di un uni­co rac­con­to. Fu il suc­ces­so che eb­be in Fran­cia che lo lan­ciò co­me per­so­nag­gio se­ria­le».

Co­me è na­to Cor­to Mal­te­se?

«Il per­so­nag­gio di Cor­to, Hu­go lo sta­va in­se­guen­do da an­ni. Già in An­na del­le Giun­gla c’è un ma­ri­na­io di no­me Lu­ca Za­ne... ma quel cap­pel­lo l’ha sem­pre so­gna­to, ho an­co­ra una fo­to del ‘52 in cui Hu­go in­dos­sa pro­prio quel ber­ret­to».

È giu­sto che Cor­to Mal­te­se con­ti­nui a vi­ve­re nuo­ve av­ven­tu­re a fu­met­ti?

«Non cre­do. Cor­to Mal­te­se era Hu­go Pratt. Era il suo mon­do, la sua iro­nia, i suoi so­gni e i suoi viag­gi».

Si ri­cor­da il pri­mo in­con­tro con Pratt?

«Co­me po­trei di­men­ti­car­lo? Do­po l’8 set­tem­bre Pratt era tor­na­to a Ve­ne­zia e, sa­pen­do che ave­vo la col­le­zio­ne di fu­met­ti Ci­no e Fran­co, me ne ha chie­sto in pre­sti­to uno. Sic­co­me non me lo re­sti­tui­va, so­no an­da­to a ca­sa sua e mi so­no mes­so a pian­ge­re: Hu­go si è fat­to una ri­sa­ta e sia­mo di­ven­ta­ti ami­ci per la pel­le». Hu­go Pratt era fa­sci­sta? «Fa­sci­sta Hu­go? Mac­ché. Pen­si che al­la Li­be­ra­zio­ne di Ve­ne­zia è an­da­to a pie­di fi­no a Me­stre ed è en­tra­to a Ve­ne­zia sfi­lan­do con ad­dos­so un kilt scoz­ze­se tra le fi­le dell’eser­ci­to al­lea­to! La fa­mi­glia, sì, era fa­sci­stis­si­ma, il non­no ave­va fon­da­to i Fa­sci di Ve­ne­zia, il pa­pà è mor­to in un cam­po di pri­gio­nia in Etio­pia nel ‘42 do­ve Hu­go si è in­na­mo­ra­to de­gli in­gle­si. Per que­sto amo­re ha ag­giun­to una “t” al co­gno­me: il ve­ro no­me era Ugo Prat, co­gno­me pro­ven­za­le, poi in Ar­gen­ti­na ha ag­giun­to la se­con­da “t” del co­gno­me im­ma­gi­nan­do ori­gi­ni an­glo­sas­so­ni».

Pe­rò si era ar­ruo­la­to nel bat­ta­glio­ne Lu­po del­la X Mas...

«Per Hu­go esi­ste­va so­lo l’av­ven­tu­ra. In ca­sa, du­ran­te la guer­ra, si sen­ti­va inu­ti­le e si an­no­ia­va: un gior­no è usci­to di ca­sa è si è ar­ruo­la­to. È du­ra­to due gior­ni: la non­na è an­da­to a ri­pren­der­lo per un orec­chio e lo ha ri­por­ta­to a ca­sa».

Che ri­cor­di ha dei «vo­stri» an­ni ar­gen­ti­ni?

«So­no sta­ti an­ni in­cre­di­bi­li. Sia­mo sta­ti lì dal ‘51 al ‘62: in­chio­stra­vo le sue ta­vo­le, di­se­gna­vo le mie, an­da­va­mo a fe­ste, vi­ve­va­mo av­ven­tu­re ogni gior­no».

Che co­sa le ha in­se­gna­to Pratt?

«Hu­go mi ha in­se­gna­to tut­to: a la­vo­ra­re, a com­por­tar­mi con gli al­tri e con le ra­gaz­ze. È sta­ta l’ami­ci­zia del­la vi­ta, l’ami­ci­zia ve­ra. L’ho se­gui­to ad oc­chi chiu­si per tut­ta la gio­vi­nez­za, poi vo­le­va che ri­ma­nes­si il suo brac­cio de­stro, ma ho scel­to la stra­da del­la re­spon­sa­bi­li­tà, lui quel­la del­la li­ber­tà». L’ami­ci­zia, poi, è fi­ni­ta? «No quel­la no. Ci sia­mo fre­quen­ta­ti fi­no al­la fi­ne, ma l’in­ten­si­tà de­gli an­ni ar­gen­ti­ni era ve­nu­ta me­no. An­cor og­gi quan­do ci in­con­tria­mo con lo scrit­to­re Al­ber­to On­ga­ro, vo­len­ti o no­len­ti ci ri­tro­via­mo a par­la­re di lui: al­la fi­ne fac­cia­mo par­te di Hu­go Pratt».

La te­sti­mo­nian­za Hu­go non era fa­sci­sta, ama­va in­ve­ce gli in­gle­si Fe­steg­giò la Li­be­ra­zio­ne in­dos­san­do un kilt

Mi­to «Cor­to Mal­te­se nel­le iso­le Yap» da «Ave­vo un ap­pun­ta­men­to» (© 1994 Cong SA, Sviz­ze­ra. Tut­ti i diritti ri­ser­va­ti). Nel­la fo­to, da si­ni­stra: Hu­go Pratt, il di­se­gna­to­re Gu­gliel­mo Let­te­ri e Ivo Pa­vo­ne ne­gli an­ni Cin­quan­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.