«Lei» di Ve­la­dia­no La sto­ria uma­na del­la ma­dre di Ge­sù

«Lei», l’ul­ti­mo ro­man­zo di Ve­la­dia­no, è in­cen­tra­to sul­la vi­cen­da del­la ma­dre di Ge­sù

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - De Mi­che­lis

Lei pe­ren­to­ria­men­te si in­ti­to­la il ro­man­zo di Ma­ria­pia Ve­la­dia­no (Guan­da, 17 eu­ro) che dà vo­ce a Ma­ria, ma­dre di Ge­sù, per da­re con­to del­la sua at­te­sa del fi­glio, del­la di lui na­sci­ta e di quel che av­ven­ne ne­gli an­ni suc­ces­si­vi si­no al gior­no nel qua­le mo­rì cro­ci­fis­so, an­zi me­glio, per la­scia­re al­la sua vo­ce il ri­cor­do di quell’espe­rien­za, dei mol­ti sen­ti­men­ti e del­le in­quie­tu­di­ni e del­le ri­fles­sio­ni che su­sci­tò.

Non è un te­sto nar­ra­ti­vo, se non som­ma­ria­men­te, per­ché la scrit­tri­ce dà ov­via­men­te per co­no­sciu­ta la vi­cen­da, piut­to­sto un’in­ti­ma me­mo­ria li­ri­ca, in pro­sa e in ver­si, nel­la qua­le ri­sco­pri­re la straor­di­na­rie­tà di un’av­ven­tu­ra qua­si so­vru­ma­na e le emo­zio­ni che la ac­com­pa­gna­no, un can­to che si ag­giun­ge ai tan­ti al­tri che la tra­di­zio­ne cri­stia­na ci ha con­se­gna­to in­sie­me al­la va­rie­tà di un’ico­no­gra­fia, che dall’An­nun­cia­zio­ne ar­ri­va si­no al­la Pietà, con una ric­chez­za di si­tua­zio­ni e di te­mi che ha ani­ma­to la sto­ria sa­cra e ac­ce­so la fan­ta­sia dei fe­de­li nel pe­ren­ne rin­no­var­si del cul­to ma­ria­no, in­sie­me ter­ra­gno co­me nes­sun al­tro ma an­che su­bli­me, po­po­la­re e do­me­sti­co, ma an­che pro­fon­da­men­te no­bi­le e spi­ri­tua­le.

Lei pren­de su­bi­to la pa­ro­la, ben co­scien­te di quan­to in­tan­to è suc­ces­so nel cor­so dei se­co­li e dei mil­len­ni; è - ri­co­no­sce- umi­le e or­go­glio­sa a un tem­po, «una don­na co­ra­le. Un’ope­ra col­let­ti­va... scrit­ta da uo­mi­ni e don­ne di ogni tem­po»; «co­me l’aria che si re­spi­ra, l’ac­qua che dà vi­ta, l’ab­brac­cio di cui si ha bi­so­gno» ap­par­tie­ne a cia­scu­no e a tut­ti, «an­co­ra e per sem­pre»: «so­no ma­dre e non c’è fi­ne al de­si­de­rio di es­se­re fi­gli».

Ma­ria è una don­na sem­pli­ce che ha con­di­vi­so il de­sti­no fem­mi­ni­le, di­ven­tan­do­ne una te­sti­mo­ne esem­pla­re, an­zi quan­to più la sua vi­cen­da è uni­ca, tan­to più ri­cal­ca le or­me di ogni al­tra; «so­rel­la di tut­te le ma­dri» ri­pe­te il lo­ro iti­ne­ra­rio di gio­ia e di sof­fe­ren­za, la lo­ro me­ta­mor­fo­si nell’al­tro che ver­rà, fi­no al­la di­spe­ra­zio­ne di as­si­ste­re al­la sua mor­te atro­ce e ter­ri­bi­le - «il ma­le di un fi­glio che muo­re è ol­trag­gio al co­spet­to dell’uo­mo e di Dio» - e quin­di al mi­ste­ro del­la re­sur­re­zio­ne.

Nei Van­ge­li e nei ri­trat­ti non ri­de mai, te­sa e se­ve­ra nel suo im­pe­gno ma­ter­no ca­ri­co di re­spon­sa­bi­li­tà e di do­lo­re, af­fan­na­ta, sen­za com­pren­de­re il suo de­sti­no spe­cia­le - «so­no la ma­dre che ha ama­to sen­za ca­pi­re» -, ri­co­no­sce che ciò no­no­stan­te è sta­ta fe­li­ce, «fe­li­ce del­la fe­li­ci­tà che ar­ri­va co­me una sor­pre­sa», che an­che lui «è sta­to un bam­bi­no fe­li­ce», per­ché «la vi­ta è que­sto ser­vi­re la vi­ta, ser­vi­re e ama­re la vi­ta è ac­co­glie­re la gio­ia che vie­ne e il tem­po in cui gioi­re è im­pos­si­bi­le».

Ri­cor­da­te le pa­ro­le che Ja­co­po­ne met­te in boc­ca a Don­na De Pa­ra­di­so..., ca­ri­che di amo­re e pietà, in­vo­can­ti co­me una pre­ghie­ra: «Fi­glio bian­co e ver­mi­glio,/ fi­glio sen­za si­mi­glio,/ fi­glio, a chi m’api­glio?/ Fi­glio, pur m’hai las­sa­to!/... Fi­glio dol­ze e pla­cen­te,/ fi­glio, hat­te la gen­te/ ma­la­men­te trat­ta­to»; ec­co, quel­le di Ve­la­dia­no pos­seg­go­no uguale im­me­dia­tez­za espres­si­va, la stes­sa for­za amo­ro­sa, iden­ti­ca pe­na e an­sia di mi­se­ri­cor­dia: la ma­ter­ni­tà non è una scel­ta o un pro­get­to, piut­to­sto si ap­pa­ren­ta al do­no, al­la gra­zia, per­ché il fi­glio «non è mai sta­to no­stro» e non è «per noi».

«La vi­ta che ar­ri­va cam­bia il mon­do» spie­ga a se stes­sa Ma­ria, per­ché es­sa giun­ge nel­le no­stre ma­ni sen­za che sia sta­ta «ope­ra no­stra», «ar­ri­va­ta co­me ar­ri­va la vi­ta», e a noi re­sta di «ama­re an­che sen­za sa­pe­re», toc­ca di «fa­re quel­lo che è giu­sto an­che sen­za sa­pe­re tut­to»: Ve­la­dia­no rie­sce a da­re vo­ce a Lei sen­za per­der­si nel­le astra­zio­ni di una ri­fles­sio­ne teo­lo­gi­ca, par­lan­do in to­no in­ten­so, ma re­stan­do vi­ci­na, per quan­to è pos­si­bi­le vi­ci­na, al­la no­stra espe­rien­za quo­ti­dia­na, al­la sen­si­bi­li­tà che ci ap­par­tie­ne, mo­der­na cioè, nel­lo sfor­zo di re­sta­re coi pie­di per ter­ra, pri­ma di es­se­re as­sun­ta al­tro­ve.

Vi­sio­ne La scrit­tri­ce vi­cen­ti­na ri­per­cor­re un de­sti­no fem­mi­ni­le, sen­za astra­zio­ni teo­lo­gi­che

Ico­na Una don­na sem­pli­ce che af­fron­ta un iti­ne­ra­rio di gio­ia e do­lo­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.