Par­la Ga­ro­fa­lo «Co­sì ri­sa­ne­re­mo Cas­sa­mar­ca»

Treviso e il pia­no di Ga­ro­fa­lo, pre­si­den­te in pectore «Nuo­va po­li­ti­ca pub­bli­ci­ta­ria per cer­ca­re gli ac­qui­ren­ti»

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - Di Gian­ni Fa­ve­ro

«Cas­sa­mar­ca gua­ri­rà: ven­de­re­mo im­mo­bi­li e co­pri­re­mo i de­bi­ti». Lo as­si­cu­ra Lui­gi Ga­ro­fa­lo, pre­si­den­te in pectore. «Nuo­va po­li­ti­ca pub­bli­ci­ta­ria per cer­ca­re gli ac­qui­ren­ti».

” Fu­sio­ni Pen­se­re­mo a even­tua­li ag­gre­ga­zio­ni o a fu­sio­ni sol­tan­to co­me ex­tre­ma ra­tio

Im­mo­bi­li Bi­so­gne­rà tro­va­re gli ac­qui­ren­ti ma il pa­tri­mo­nio im­mo­bi­lia­re è suf­fi­cien­te per ono­ra­re i de­bi­ti

«Tra­spa­ren­za in ogni at­to, pub­bli­ci­tà a 360 gra­di, co­mu­ni­ca­zio­ne to­ta­le in mo­do che non ci sia nul­la di opa­co e ogni scel­ta sia su­scet­ti­bi­le di con­di­vi­sio­ne e cri­ti­ca». Sa­reb­be suf­fi­cien­te que­sto, enun­cia­to ie­ri a chia­re let­te­re da Lui­gi Ga­ro­fa­lo, av­vo­ca­to di Treviso, pro­fes­so­re all’uni­ver­si­tà di Padova al Bo e pri­mo suc­ces­so­re in pectore di Di­no De Po­li al­la pre­si­den­za di Fon­da­zio­ne Cas­sa­mar­ca, per po­ter di­re che a Ca’ Spi­ne­da non si sta vol­tan­do pa­gi­na ma so­sti­tuen­do un’in­te­ra li­bre­ria.

Ga­ro­fa­lo, 63 an­ni a gen­na­io, è il pri­mo no­me in­di­ca­to nel­la ter­na dei can­di­da­ti al Con­si­glio di in­di­riz­zo di Cas­sa­mar­ca dal Co­mu­ne di Treviso e scel­to da De Po­li, nel­la sua ul­ti­ma se­du­ta di mar­te­dì, co­me mem­bro del board as­sie­me agli al­tri ot­to. Ma è an­che il sog­get­to che il pros­si­mo 11 di­cem­bre, or­mai con cer­tez­za, sa­rà elet­to pre­si­den­te dal Cdi stes­so per i pros­si­mi quat­tro an­ni.

Quin­di ac­cet­ta il ruo­lo di pri­mo no­me del­la li­sta?

«Il con­si­glio sa­rà li­be­ro di espri­mer­si, la mia di cer­to non è un’au­to­can­di­da­tu­ra Pos­so so­lo di­re di es­se­re mol­to ono­ra­to di es­se­re sta­to scel­to dal sin­da­co del­la mia cit­tà, quel­la in cui so­no na­to, ho stu­dia­to e av­via­to la mia at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le».

Pro­fes­so­re, ve­nia­mo subito al cuo­re dei pro­ble­mi. Lei ha svol­to mol­te con­su­len­ze per Cas­sa­mar­ca e co­no­sce ogni sin­go­la ci­fra dei suoi con­ti da pro­gno­si ri­ser­va­ta. Non è spa­ven­ta­to?

«La pa­ro­la spa­ven­to ap­par­tie­ne al pia­no dell’emo­ti­vi­tà e non la rac­col­go. So­no as­so­lu­ta­men­te co­scien­te del­le mie re­spon­sa­bi­li­tà e non c’è dub­bio che ci sia bi­so­gno di un pia­no di ri­sa­na­men­to ri­go­ro­sis­si­mo e ispi­ra­to al­la mas­si­ma ra­zio­na­li­tà. E’ quel­lo che chie­do a tut­ta la squa­dra, so che ne sa­re­mo all’al­tez­za».

In so­stan­za la Fon­da­zio­ne non è un ma­la­to da­to or­mai per spac­cia­to.

«E’ un ma­la­to mol­to ma­la­to ma cu­ra­bi­le e gua­ri­bi­le. A pat­to che ci sia­no ope­ra­to­ri sa­ni­ta­ri di­spo­ni­bi­li a da­re il mas­si­mo di lo­ro stes­si. Le com­pe­ten­ze ci so­no, si può ri­por­ta­re Cas­sa­mar­ca ad uno sta­to di si­cu­rez­za

pa­tri­mo­nia­le e di ca­pa­ci­tà di ero­ga­zio­ne, in pra­ti­ca di ri­tor­na­re a con­dur­re una vi­ta sa­na». Sa­na e an­che au­to­no­ma?

«Cer­to, è sot­tin­te­so. Pen­se­re­mo even­tual­men­te ad ag­gre­ga­zio­ni o a fu­sio­ni so­lo co­me ex­tre­ma ra­tio. Ri­pe­to: non ci ar­ren­de­re­mo fin da subito ad evi­den­ze nu­me­ri­che in­fe­li­ci e non de­cli­ne­re­mo la sfi­da per un re­cu­pe­ro pie­no del­la sa­lu­te». An­dia­mo an­co­ra in pro­fon­di­tà. La ma­dre di tut­te le bat­ta­glie sta in quei 220 mi­lio­ni di de­bi­ti, di cui 182 ver­so Uni­cre­dit da re­sti­tui­re, se­con­do il pia­no di ri­strut­tu­ra­zio­ne che ben co­no­sce, en­tro i pros­si­mi 18 me­si. Cir­ca la me­tà di que­sta som­ma si può rea­liz­za­re ce­den­do ti­to­li fi­nan­zia­ri, per gli al­tri non re­sta che af­fit­ta­re e so­prat­tut­to ven­de­re pa­laz­zi. Pri­ma do­man­da: sa­ran­no suf­fi­cien­ti? Se­con­da: chi li com­pra?

«Sul fat­to che il va­lo­re del pa­tri­mo­nio im­mo­bi­lia­re pos­sa ba­sta­re a ono­ra­re i de­bi­ti

non ci so­no dub­bi so­prat­tut­to per­ché, al­tri­men­ti, la stes­sa Uni­cre­dit non avreb­be nem­me­no aper­to una trat­ta­ti­va con noi, tre an­ni fa. Per quan­to ri­guar­da l’in­di­vi­dua­zio­ne dei pos­si­bi­li ac­qui­ren­ti ri­ten­go si deb­ba­no adot­ta­re mo­da­li­tà più ef­fi­ca­ci e di­ver­se da pri­ma». Si è cercato ma­le o trop­po po­co?

«Pur non es­sen­do le Fon­da­zio­ni sog­get­te al­le re­go­le del co­di­ce de­gli ap­pal­ti va sot­to­li­nea­to co­me ci sia­no dei re­go­la­men­ti nuo­vi, pat­tui­ti fra il Mi­ni­ste­ro dell’eco­no­mia e del­le Fi­nan­ze e l’acri (l’as­so­cia­zio­ne del­le Fon­da­zio­ni e del­le Cas­se di ri­spar­mio, ndr) che fan­no le­va sul­la tra­spa­ren­za e sul­la pub­bli­ci­tà. In pra­ti­ca io ri­ten­go che per tro­va­re sog­get­ti a va­rio ti­to­lo in­te­res­sa­ti ai no­stri im­mo­bi­li si deb­ba usa­re il ca­na­le de­gli av­vi­si pub­bli­ci. Met­te­re in ve­tri­na, far co­no­sce­re Ur­bi et Or­bi qua­li sia­no gli as­set che Cas­sa­mar­ca po­ne in ven­di­ta».

Ul­ti­mo ar­go­men­to, for­se più da chiac­chie­ra in piaz­za che di so­stan­za. Pro­ba­bil­men­te su di lei ci sa­rà un vo­to este­ti­ca­men­te una­ni­me ma og­gi, nel­la sua squa­dra, qual­cu­no non è trop­po fe­li­ce.

«Mah, ho ca­pi­to a chi al­lu­de ma, se è ve­ro, mi pa­re del tut­to com­pren­si­bi­le. Chi stu­dia da an­ni per di­ven­ta­re pre­si­den­te e poi è sor­pas­sa­to è nor­ma­le che re­sti de­lu­so. Ma c’è una no­ti­zia: ades­so il pre­si­den­te di Fon­da­zio­ne Cas­sa­mar­ca sca­de do­po so­li quat­tro an­ni».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.