Li­ti con il Fi­sco, ogni sei me­si 3 mi­la in più

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - Ma. Bo.

«Mi si strin­ge il cuo­re, so­no vi­ci­no ai col­le­ghi in dif­fi­col­tà. E con stu­po­re mi chie­do: dav­ve­ro non ci ren­dia­mo con­to che la Chie­sa mai co­me in que­sto mo­men­to do­vreb­be so­ste­ne­re le sue ini­zia­ti­ve cul­tu­ra­li? Non sen­tia­mo que­sta ne­ces­si­tà, que­sta ur­gen­za? Io cre­do sia per noi una re­spon­sa­bi­li­tà eti­ca, le­ga­ta al no­stro do­ve­re di evan­ge­liz­za­re. La ve­ra sfi­da, per la Chie­sa, og­gi è quel­la cul­tu­ra­le».

Pa­dre Giu­lio Al­ba­ne­se, mis­sio­na­rio com­bo­nia­no e gior­na­li­sta vin­ci­to­re di mol­ti pre­mi, dal Saint Vin­cent al Pre­mio­li­no, ha la vo­ce sin­ce­ra­men­te in­cri­na­ta. Da mol­ti an­ni col­la­bo­ra con il Mes­sag­ge­ro di Sant’an­to­nio, «una re­da­zio­ne di al­tis­si­mo pro­fi­lo, co­me ne ho in­con­tra­re po­che nel mon­do, ca­pa­ce di for­ma­re ge­ne­ra­zio­ni di ot­ti­mi gior­na­li­sti». Ma che pu­re, do­po 128 an­ni, chiu­de­rà i bat­ten­ti.

«Co­no­sco be­ne la cri­si del mer­ca­to edi­to­ria­le, in pas­sa­to an­ch’io ho in­con­tra­to que­sto ti­po di dif­fi­col­tà: l’agen­zia Mi­sna, che fon­dai nel 1997, ha fat­to la stes­sa fi­ne nel 2015. Ma ciò che sta ac­ca­den­do è mol­to gra­ve, ho una brut­ta sen­sa­zio­ne e lo di­co guar­dan­do pro­prio al con­te­sto ec­cle­sia­le. Ci sia­mo for­se scor­da­ti che qual­che an­no fa (nel 2014, ndr) ha chiu­so an­che Po­po­li, la ri­vi­sta dei ge­sui­ti?».

La Chie­sa non ha più le ri­sor­se per so­ste­ne­re i suoi gior­na­li?

«Man­nò, le ri­sor­se ci so­no, ci so­no. Ma è chia­ro che ser­ve un sal­to di qua­li­tà: i gior­na­li non pos­so­no più es­se­re con­si­de­ra­ti so­lo un vei­co­lo per fi­de­liz­za­re i be­ne­fat­to­ri, in­ten­to pur giu­sto e con­di­vi­si­bi­le, ser­vo­no pro­fes­sio­na­li­tà e la ca­pa­ci­tà di co­niu­ga­re car­ta e mul­ti­me­dia­li­tà. In­som­ma, in una pa­ro­la, oc­cor­ro­no in­ve­sti­men­ti».

Non è che pu­re la Chie­sa, og­gi, pre­fe­ri­sca vei­co­la­re il suo mes­sag­gio at­tra­ver­so la Re­te e i so­cial net­work?

«No, as­so­lu­ta­men­te, non avreb­be sen­so per­ché la car­ta con­ti­nua ad ave­re un suo mer­ca­to, cer­to ri­stret­to ri­spet­to ad un tem­po, ma co­mun­que im­por­tan­te sul pia­no eco­no­mi­co e so­prat­tut­to si­gni­fi­ca­ti­vo sul pia­no cul­tu­ra­le, che è ciò che più mi in­te­res­sa».

Per­ché?

«Per­ché, ri­pe­to quan­to le di­ce­vo all’ini­zio, nei tem­pi in cui vi­via­mo ab­bia­mo la ne­ces­si­tà e di più, il do­ve­re, di spin­ge­re al­la ri­fles­sio­ne, far ra­gio­na­re, in­dur­re a pen­sa­re. La sfi­da cul­tu­ra è la sfi­da. Ma co­me pen­sia­mo di com­bat­ter­la se ren­dia­mo via via sem­pre più fle­bi­le la no­stra vo­ce?».

Mai co­me in que­sto mo­men­to la Chie­sa do­vreb­be so­ste­ne­re le sue ini­zia­ti­ve cul­tu­ra­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.