CO­SA SA ES­SE­RE LO SPORT

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - Di Da­nie­le Rea

Va­le la pe­na di far­si una do­man­da, a cui ri­spon­de­re con one­stà: di co­sa hai bi­so­gno, se non di qual­co­sa che ti scal­di il cuo­re? Di un se­gna­le, for­te e chia­ro. Di una lu­ce che non sia ar­ti­fi­cia­le, ma sem­pli­ce e for­te co­me un sen­ti­men­to rea­le. Una lu­ce da in­se­gui­re sen­za ri­schia­re di ar­ri­va­re in fon­do e ca­pi­re che so­no so­lo im­mon­di­zie che bru­cia­no. Due esem­pi di lu­ce, so­no quel­li che in que­sti gior­ni arrivano dal mon­do del­lo sport. Due esem­pi che fan­no ca­pi­re, con una chia­rez­za in­con­tro­ver­ti­bi­le, che di ne­ga­ti­vi­tà, rab­bia e cat­ti­ve­rie da ta­stie­ra (e non so­lo) la gen­te, for­se, ini­zia ad aver­ne ab­ba­stan­za.

Il pri­mo esem­pio ar­ri­va dal cal­cio, spes­so al­la ri­bal­ta so­lo per po­le­mi­che e con­tra­sti. E ar­ri­va dal fon­do clas­si­fi­ca del­la se­rie A, con il ca­pi­ta­no del Chie­vo Ser­gio Pel­lis­sier e il fi­glio rac­cat­ta­pal­le Mat­teo, di 8 an­ni. Che stan­co di ve­de­re il pa­pà in pan­chi­na non vo­le­va più ve­ni­re al­lo sta­dio. «Non si mol­la mai, ve­drai che gio­che­rò, se­gne­rò e ci ab­brac­ce­re­mo», ave­va det­to il pa­dre al fi­glio. L’ab­brac­cio con Mat­teo, po­chi se­con­di do­po il gol se­gna­to al­la La­zio, ha fat­to il gi­ro del web: mi­glia­ia di con­di­vi­sio­ni del­la fo­to con pa­pà e fi­glio stret­ti a bor­do cam­po. Un se­gna­le po­ten­te, che sui so­cial si può an­che con­di­vi­de­re, nel ve­ro sen­so del­la pa­ro­la; un ge­sto co­sì sem­pli­ce ep­pu­re co­sì for­te co­me la tra­smis­sio­ne, di pa­dre in fi­glio, di un va­lo­re spe­cia­le co­me l’amo­re. Ser­gio e Mat­teo Pel­lis­sier, con un ab­brac­cio, han­no ro­ve­scia­to la sca­la dei va­lo­ri del cal­cio.

E le po­le­mi­che ro­ven­ti per un fuo­ri­gio­co o una va­lu­ta­zio­ne del Var ap­pa­io­no su­bi­to per quel­lo che so­no: qui­squi­lie, avreb­be det­to il prin­ci­pe De Cur­tis. Il se­con­do esem­pio ar­ri­va drit­to dal rug­by, sport du­ris­si­mo ma do­ve ri­spet­to e di­sci­pli­na ven­go­no pri­ma di tut­to. E do­ve le ster­za­te fuo­ri dai ca­no­ni ven­go­no pu­ni­te se­ve­ra­men­te. Con­te­sti una de­ci­sio­ne ar­bi­tra­le? Die­ci me­tri in­die­tro sul­la li­nea di di­fe­sa. Per­se­ve­ri? Al­tri die­ci. Non a pu­ni­re te, ma tut­ta la squa­dra. Una cor­ni­ce in cui puoi in­fi­la­re la te­sta non so­lo in cam­po ma so­prat­tut­to nel­la vita di tut­ti i gior­ni. Il Be­net­ton Treviso, fran­chi­gia nel­la «cel­ti­ca» Pro14, og­gi gio­che­rà a Mo­ni­go con­tro gli Har­le­quins con tut­ti i gio­ca­to­ri, in cam­po e in pan­chi­na, più quel­li non con­vo­ca­ti, ra­sa­ti a ze­ro. E ra­sa­ti sa­ran­no an­che il coa­ch e lo staff tec­ni­co tut­to. Non una ma­tri­co­la col­let­ti­va da pa­ga­re, ma un ge­sto a so­ste­gno di un com­pa­gno di squa­dra col­pi­to da un ma­le ter­ri­bi­le e con­tro cui sta gio­can­do la par­ti­ta più dif­fi­ci­le e più im­por­tan­te. Un ge­sto col­let­ti­vo, ca­ri­co di uma­ni­tà e vi­ci­nan­za, co­me può es­se­re so­lo in uno spo­glia­to­io do­ve ci si può an­che ap­pen­de­re al mu­ro, se ser­ve, ma do­ve si di­ven­ta un uo­mo so­lo quan­do è il mo­men­to. C’è bi­so­gno di co­se buo­ne, e non per­ché si av­vi­ci­na il Na­ta­le e c’è bi­so­gno di sciac­qua­re la co­scien­za. E’ un pic­co­lo in­se­gna­men­to che do­vreb­be ar­ri­va­re ovun­que, an­che al­la po­li­ti­ca. Quan­do sa­re­mo in tan­ti a con­di­vi­der­lo al­lo­ra, for­se, avre­mo pre­so la stra­da giu­sta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.