LA CIT­TÀ E LA SFI­DA DEL FU­TU­RO

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - Di Gio­van­ni Mon­ta­na­ro

Ve­ne­zia, Me­stre e Mar­ghe­ra ri­man­go­no (per for­tu­na) un uni­co Co­mu­ne. L’en­ne­si­mo re­fe­ren­dum non ha portato a ri­sul­ta­ti di­ver­si dal pas­sa­to. La vo­lon­tà po­po­la­re, già san­ci­ta in quat­tro «No», si è espres­sa sta­vol­ta con una fra­go­ro­sa asten­sio­ne. Re­sta­no pe­rò i gra­vi pro­ble­mi del Co­mu­ne in­te­ro, e mol­ti te­mi di rab­bia in­su­la­re che il re­fe­ren­dum ha de­to­na­to. Sa­reb­be dun­que su­per­fi­cia­le non re­gi­stra­re un cer­to trend di au­men­to del vo­to dei ve­ne­zia­ni del­la cit­tà sto­ri­ca a fa­vo­re del sì, o li­qui­dar­lo co­me una pa­te­ti­ca re­van­che se­re­nis­si­ma o co­me la ri­vol­ta di quel­la Ztl na­tu­ra­le che è la cit­tà sen­za mac­chi­ne. Da fuo­ri, in­fat­ti, è dif­fi­ci­le da ca­pi­re il di­sa­gio pro­fon­do di Ve­ne­zia. Lo sguar­do del mon­do al­ter­na la com­mo­zio­ne per lo scem­pio dell’ac­qua al­ta al so­spet­to per la cit­tà più vi­si­bi­le, quel­la af­fa­ri­sti­ca. Quel che non si ca­pi­sce è che Ve­ne­zia è cit­tà uni­ca, ma è an­che cit­tà co­me tut­te le al­tre, e vi­ve la drammatica cri­si di iden­ti­tà di chi ve­de i pro­pri ra­gaz­zi an­dar­se­ne, la vi­ta peg­gio­ra­re: me­no op­por­tu­ni­tà di la­vo­ro, me­no pos­si­bi­li­tà re­si­den­zia­li, me­no ne­go­zi uti­li, una bat­ta­glia con­ti­nua an­che so­lo per te­ne­re aper­to l’ospe­da­le. Ten­den­za di mol­te cit­tà, d’ar­te ma non so­lo, fi­glia di tra­sfor­ma­zio­ni spe­ci­fi­che e di ten­den­ze glo­ba­li (il tur­bo­tu­ri­smo, il com­mer­cio on­li­ne, il de­cli­no in­du­stria­le e di in­di­ci de­mo­gra­fi­ci dell’oc­ci­den­te).

Ten­den­za esa­spe­ra­ta a Ve­ne­zia per la ce­su­ra geo­gra­fi­ca con il se­gui­to di là del­la la­gu­na. Quel che di­ce l’esi­to re­fe­ren­da­rio è che la ri­spo­sta per Ve­ne­zia non può es­se­re il rim­pic­cio­li­men­to, il ri­schio di una pa­ro­di­ca Mon­te­car­lo adria­ti­ca. Che l’uni­ca pro­spet­ti­va per Ve­ne­zia è, tutt’ora, la ca­ma­leon­ti­ca in­com­piu­ta no­ve­cen­te­sca, il gran­de ca­po­luo­go del Nor­de­st, che ha via via per­so fun­zio­ni e pe­so po­li­ti­co ma non i guai me­tro­po­li­ta­ni (l’in­si­cu­rez­za di cer­te zo­ne me­stri­ne, la de­pres­sio­ne a mac­chia di leo­par­do di Mar­ghe­ra, il de­lin­quen­zia­le gar­bu­glio del Mo­se). Il re­fe­ren­dum ri­cor­da che per ren­de­re mi­glio­re an­che la Ve­ne­zia in­su­la­re è ne­ces­sa­ria la Zls di Mar­ghe­ra, che at­trar­rà pro­fes­sio­na­li­tà di qua­li­tà. Che per ge­sti­re il tu­ri­smo è inu­ti­le guar­da­re San Mar­co, se poi si apro­no co­los­sa­li strut­tu­re ri­cet­ti­ve che mor­do­no la sta­zio­ne di Me­stre. Che è in­di­spen­sa­bi­le l’at­tua­zio­ne se­ria del­la cit­tà me­tro­po­li­ta­na, che è prio­ri­ta­rio il mi­glio­ra­men­to lo­gi­sti­co del­la ma­cro-cit­tà di fat­to che in­clu­de Pa­do­va e Tre­vi­so. Ma il co­mu­ne uni­to ha bi­so­gno tan­to di gran­dez­za quan­to di spe­ci­fi­ci­tà per i suoi ter­ri­to­ri in­ne­ga­bil­men­te di­ver­si. Pur nel­la ru­vi­dez­za mil­le­na­ri­sti­ca dei gior­ni re­fe­ren­da­ri, il da­to in­co­rag­gian­te è che gli schie­ra­men­ti si so­no di­vi­si non tan­to sul­le prio­ri­tà dei pro­ble­mi, ma sul me­to­do di ri­so­lu­zio­ne più ef­fi­ca­ce, pe­ral­tro in­gi­gan­ten­do il ruo­lo (li­mi­ta­to) di un co­mu­ne. Pa­re chia­ro a tut­ti che c’è ne­ces­si­tà di at­trar­re in­ve­sti­men­ti, di nuo­va re­si­den­zia­li­tà, di una li­mi­ta­zio­ne pro­gres­si­va del tu­ri­smo tem­pe­ra­ta da alternativ­e com­pe­ti­ti­ve, di un nuo­vo rap­por­to con la la­gu­na. Og­gi co­me non mai, pur con nu­me­ro­se con­trad­di­zio­ni pri­va­te (la ge­stio­ne de­gli im­mo­bi­li di­pen­de an­che dal­le scel­te dei cit­ta­di­ni), i ve­ne­zia­ni sem­bra­no uni­ti nel vo­le­re una cit­tà di­ver­sa. Non è tan­to il man­tra del­lo Sta­tu­to spe­cia­le, la nostalgia ca­na­glia dei sol­di fa­ci­li del­la Leg­ge Spe­cia­le, ma è pri­ma di tut­to l’in­di­vi­dua­zio­ne di al­cu­ni in­ter­ven­ti sul­la nor­ma­ti­va tu­ri­sti­ca (com­pe­ten­za in pri­mis re­gio­na­le), su fi­sca­li­tà e locazioni (com­pe­ten­ze in pri­mis sta­ta­li), in­sie­me a una ra­zio­na­liz­za­ta ge­stio­ne dei po­te­ri (si pen­si al puzz­le di chi go­ver­na la la­gu­na) e a un mi­glio­ra­men­to del rap­por­to tra in­su­la­ri­tà e ter­ra­fer­ma. Ma non è so­lo quel­lo; è an­che l’or­go­glio di una cit­tà che, an­co­ra più dai gior­ni tra­gi­ci di no­vem­bre, ha bi­so­gno di in­ter­ro­gar­si sul pro­prio fu­tu­ro. È l’or­go­glio di una cit­tà che ha de­ci­so, an­co­ra una vol­ta, di pro­va­re a es­se­re gran­de.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.