«Ha uc­ci­so la sua Sa­mi­ra» Il ma­ri­to in fu­ga è sta­to ar­re­sta­to

In fu­ga dal Pa­do­va­no, è sta­to ac­ciuf­fa­to in Spa­gna. Lui: «Non so­no un as­sas­si­no, a Ma­drid per cer­car­la» Il giu­di­ce: «Il mo­ven­te? Sper­pe­ra­va i sol­di, era ge­lo­so e ave­va l’os­ses­sio­ne di con­trol­la­re la mo­glie»

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - Di An­drea Pi­sto­re

Ma­ha­med Bar­bri è sta­to ar­re­sta­to a Ma­drid. Il ma­roc­chi­no, che abi­ta­va nel Pa­do­va­no, è ac­cu­sa­to di aver uc­ci­so la mo­glie Sa­mi­ra e aver­ne oc­cul­ta­to il cor­po. Lui si di­fen­de: «Ero in Spa­gna per cer­car­la». Ma per il gip ci so­no mol­te pro­ve con­tro di lui.

Si è con­clu­sa lu­ne­dì mat­ti­na al­le 10.30 lun­go una stra­da di Ma­drid, la fu­ga di Mo­ha­med Bar­bri, in­di­zia­to nu­me­ro uno per il pre­sun­to omi­ci­dio del­la mo­glie Sa­mi­ra El At­tar.

Sul tu­ni­si­no di 41 an­ni, fug­gi­to a Ca­po­dan­no da Stanghella - pae­se di quat­tro­mi­la ani­me nel­la Bas­sa Pa­do­va­na - pen­de­va un man­da­to di cat­tu­ra in­ter­na­zio­na­le fir­ma­to dal­la pro­cu­ra di Ro­vi­go. L’uo­mo è ac­cu­sa­to di aver uc­ci­so e oc­cul­ta­to il ca­da­ve­re del­la don­na, scom­par­sa nel nul­la a 43 an­ni, la mat­ti­na del 21 ot­to­bre. A bloc­car­lo so­no sta­ti gli agen­ti del­la po­li­zia ibe­ri­ca: in­cap­pa­to in un con­trol­lo di rou­ti­ne, è scat­ta­to l’alert per il man­da­to di cat­tu­ra, che gli è val­so le ma­net­te. Ora Mo­ha­med è in una cel­la a Ma­drid, in at­te­sa dell’estra­di­zio­ne che po­treb­be av­ve­ni­re già en­tro die­ci gior­ni.

Il gip di Ro­vi­go Raf­fae­le Bel­ve­de­ri ha ac­col­to la ri­chie­sta di ar­re­sto del pm Fran­ce­sco D’abro­sca , ba­sa­ta su­gli in­di­zi rac­col­ti dai ca­ra­bi­nie­ri del co­man­do pro­vin­cia­le di Padova gui­da­ti dal co­lon­nel­lo Lui­gi Man­zi­ni. «Se non si op­por­rà, i tem­pi per il suo rien­tro sa­ran­no ab­ba­stan­za ra­pi­di», ha spie­ga­to il pro­cu­ra­to­re Car­me­lo Ru­ber­to.

La fu­ga di Mo­ha­med è ini­zia­ta la mat­ti­na di Ca­po­dan­no quan­do, do­po aver sa­lu­ta­to la fi­glia di 4 an­ni e aver­la la­scia­ta in com­pa­gnia dal­la non­na Ma­li­ka, è sa­li­to in sel­la al­la sua bi­ci­clet­ta. «Do­po aver pre­le­va­to un po’ di frut­ta e pa­ne, l’in­da­ga­to si è di­le­gua­to nel nul­la - scri­ve il gip nell’or­di­nan­za - so­lo nel po­me­rig­gio del gior­no suc­ces­si­vo (era il 2 gen­na­io, ndr), Bar­bri chia­ma­va suo cu­gi­no Az­ze­di­ne via Wha­tsapp, ma nell’aver ap­pre­so che era in ca­ser­ma per la de­nun­cia di scom­par­sa, ave­va mes­so giù». Quel­la te­le­fo­na­ta era sta­ta ag­gan­cia­ta da una cel­la del­la Sta­zio­ne Nord di Bar­cel­lo­na, do­ve Mo­ha­med si era re­ca­to viag­gian­do la not­te con un Flix­bus par­ti­to da Mi­la­no. Nel ca­po­luo­go me­ne­ghi­no era ar­ri­va­to in tre­no.

Per un­di­ci gior­ni l’uo­mo ha va­ga­to per la Spa­gna. For­se con l’aiu­to di al­cu­ni ami­ci ma­roc­chi­ni e con i po­chi sol­di a di­spo­si­zio­ne, ha dor­mi­to in stan­ze di for­tu­na e si è tra­sfe­ri­to nel­la ca­pi­ta­le. «Sta­vo so­lo cer­can­do mia mo­glie», avreb­be det­to quan­do l’han­no fer­ma­to.

Nell’or­di­nan­za di cu­sto­dia cau­te­la­re so­no tre i mo­ven­ti dell’omi­ci­dio. Il pri­mo è det­ta­to dal fat­to che «Mo­ha­med ave­va l’abi­tu­di­ne di sper­pe­ra­re i po­chi sol­di del­la fa­mi­glia con le slot e l’al­col e que­sto era mo­ti­vo di scon­tro con la mo­glie». Ad al­cu­ni ami­ci, Sa­mi­ra ave­va con­fi­da­to che il ma­ri­to pre­le­va­va con­tan­ti per gio­ca­re, tan­to che ave­va do­vu­to cam­bia­re il co­di­ce del ban­co­mat e apri­re un li­bret­to ban­ca­rio se­gre­to, do­ve far con­flui­re i 290 eu­ro di pen­sio­ne che la fa­mi­glia ri­ce­ve co­me sus­si­dio per la bam­bi­na. Mo­ha­med, poi, la os­ses­sio­na­va con la sua ge­lo­sia («Non mi at­trae­va più per­ché be­ve­va e puz­za­va di al­col») tan­to che, co­me scri­ve il gip, «ave­va in­stal­la­to un’ap­pli­ca­zio­ne spia per con­trol­la­re i mo­vi­men­ti del­la mo­glie».

A in­ca­strar­lo ci so­no an­che le te­sti­mo­nian­ze dei fa­mi­lia­ri del­la don­na («Era ge­lo­so, non vo­le­va che lei la­vo­ras­se per­ché in con­tra­sto con la tra­di­zio­ne isla­mi­ca») e quel­le del­le as­si­sten­ti so­cia­li di Stanghella che ave­va­no con­fer­ma­to le ten­sio­ni tra i due e il fat­to che la qua­ran­ta­treen­ne fos­se sta­ta pic­chia­ta e stes­se va­lu­tan­do il di­vor­zio. Con­tro il pre­sun­to omi­ci­da emer­go­no va­ri ele­men­ti di col­pe­vo­lez­za. Tra que­sti, il fal­so ali­bi per la mat­ti­na del­la scom­par­sa: Mo­ha­med non è mai sta­to al bar «Due Ar­chi» di Stanghella a be­re il caf­fè e nes­su­no l’ha vi­sto nel suo po­sto di la­vo­ro da brac­cian­te agri­co­lo: «Al­le 10 di mat­ti­na il prin­ci­pa­le l’ha cer­ca­to nel­la sua pro­prie­tà do­ve do­ve­va bru­cia­re al­cu­ne fo­glie», si leg­ge. Mo­ha­med ha an­che chie­sto al suo ti­to­la­re di men­ti­re ai ca­ra­bi­nie­ri in ca­so di do­man­de sul­la sua pre­sen­za al la­vo­ro quel 21 ot­to­bre. L’in­da­ga­to ha di­chia­ra­to il fal­so an­che sul­la pre­sen­za del te­le­fo­ni­no del­la mo­glie nel­la sua abi­ta­zio­ne men­tre l’ap­pa­rec­chio era in real­tà scom­par­so con lei. Un’ami­ca di Sa­mi­ra, ai mi­li­ta­ri ha rac­con­ta­to: «In una del­le lo­ro di­scus­sio­ni, Mo­ha­med ave­va mi­ma­to il se­gno del­lo sgoz­za­men­to».

Ad ag­gra­va­re la po­si­zio­ne dell’uo­mo, an­che le scar­pe di Sa­mi­ra che lui stes­so ha fat­to ri­tro­va­re lun­go la vi­ci­na stra­da sta­ta­le, per de­pi­sta­re le in­da­gi­ni. In­fi­ne c’è la fu­ga: ver­so fi­ne an­no ca­pi­sce che gli in­ve­sti­ga­to­ri gli stan­no col fia­to sul col­lo lui de­ci­de di scap­pa­re. Per gli in­qui­ren­ti, è qua­si un’am­mis­sio­ne di col­pe­vo­lez­za. Ora man­ca l’ul­ti­mo tas­sel­lo: il ca­da­ve­re del­la don­na ma­roc­chi­na, il pez­zo fon­da­men­ta­le del puzz­le. Ma al mo­men­to, sem­bra che so­lo la con­fes­sio­ne di Bar­bri pos­sa for­nir­lo.

In­sie­me Mo­ha­med Bar­bri e la mo­glie Sa­mi­ra. Per la pro­cu­ra, lui l’avreb­be uc­ci­sa per poi far spa­ri­re il ca­da­ve­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.