Gli in­con­tri, le li­ti ave­va ra­gio­ne lui

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - DA PRIMA PAGINA - Di Chia­ra Gam­be­ra­le

Esat­ta­men­te vent’an­ni fa ho esor­di­to con il mio pri­mo ro­man­zo e il me­ri­to e la col­pa so­no sta­ti tut­ti suoi, di Ce­sa­re De Mi­che­lis. Ero trop­po gio­va­ne e di­stur­ba­ta per ca­pi­re che, quan­do la Mar­si­lio ri­spo­se al mio ma­no­scrit­to, si sta­va rea­liz­zan­do quel­lo che era sem­pre sta­to il mio so­gno.

Esat­ta­men­te vent’an­ni fa ho esor­di­to con il mio pri­mo ro­man­zo e il me­ri­to e la col­pa so­no sta­ti tut­ti suoi, di Ce­sa­re De Mi­che­lis. Ero trop­po gio­va­ne e di­stur­ba­ta per ca­pi­re che, quan­do la Mar­si­lio ri­spo­se al mio ma­no­scrit­to, si sta­va rea­liz­zan­do quel­lo che era sem­pre sta­to il mio so­gno. Nean­che in tre­no da Roma ver­so Ve­ne­zia ca­pi­vo che co­sa stes­se suc­ce­den­do, ma quan­do ho in­con­tra­to lui sì, ho co­min­cia­to a ca­pir­lo. Per­ché mi par­la­va di quel­lo che ave­vo scrit­to ed era lui a spie­gar­lo a me. Per­ché ave­va gli oc­chi ve­lo­ci, la bat­tu­ta pron­ta, l’aria di chi men­tre ti ascol­ta sta ascol­tan­do an­che pa­rec­chie al­tre vo­ci, den­tro di sé, men­tre met­te­va in quel­lo che diceva la pas­sio­ne che io, cre­sciu­ta in una ca­sa sen­za li­bri, im­ma­gi­na­vo aves­se­ro tut­te le per­so­ne che in­ve­ce fra i li­bri e per i li­bri vi­ve­va­no. Ma non sa­pe­vo che, fra quel­le per­so­ne, Ce­sa­re era or­mai una ra­ri­tà.

Do­po quel pri­mo in­con­tro e pri­ma del­la pub­bli­ca­zio­ne, ab­bia­mo li­ti­ga­to al­me­no ogni vol­ta che ci sia­mo ri­vi­sti.

Per­ché ci vo­le­va un al­tro ti­to­lo: ave­va ra­gio­ne lui.

Per­ché era me­glio se mi pre­pa­ra­vo da su­bi­to al fat­to che il mio li­bro non sa­reb­be sta­to ac­col­to co­me il ca­po­la­vo­ro che la let­te­ra­tu­ra ita­lia­na sta­va aspettando, ma co­me la te­sti­mo­nian­za di una ra­gaz­za gio­va­ne, e for­se pro­met­ten­te, a tu per tu con i suoi mo­stri: ave­va ra­gio­ne lui. Per­ché la co­per­ti­na, per­ché ci vo­le­va un al­tro ca­pi­to­lo, per­ché mi do­ve­vo fi­da­re. Per­ché an­che tu mi tra­di­rai, co­me han­no fat­to gli al­tri: e pur­trop­po an­che qui ave­va ra­gio­ne. Dal ter­zo ro­man­zo in­fat­ti so­no pas­sa­ta a un’al­tra ca­sa edi­tri­ce.

- Sa­reb­be in­giu­sto dir­ti che

sei una stron­za. Ma che mi stai fa­cen­do ma­le sì, te lo di­co.Non so quan­te vol­te, in cam­po sen­ti­men­ta­le, ho riu­ti­liz­za­to que­sta sua fra­se, con la cer­tez­za di met­te­re in scacco chi ave­vo da­van­ti, ma con sti­le. Per­ché Ce­sa­re era co­sì. Un’ir­ri­pe­ti­bi­le com­bi­na­zio­ne di ca­rat­te­ri­sti­che che nel mon­do edi­to­ria­le fa­ti­ca­no a resistere o che so­no de­sti­na­te a esclu­der­si a vi­cen­da. Era un uo­mo che ne ave­va vi­ste tan­te e pe­rò si ri­vol­ge­va a ogni per­so­na, a ogni ma­no­scrit­to, co­me se fos­se la pri­ma per­so­na, il pri­mo ma­no­scrit­to. Era ele­gan­te, ma sen­za far­lo ap­po­sta, era spi­ri­to­so, pro­fon­da­men­te an­ti­con­for­mi­sta, era un ni­chi­li­sta, ma an­che un’en­tu­sia­sta, era ca­pa­ce di ri­sen­tir­si, ma so­prat­tut­to di per­do­na­re. E ave­va mol­to spes­so ra­gio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.