Vin­ko, il Lu­pin croa­to Da Las Ve­gas a Ba­si­lea so­lo col­pi mi­lio­na­ri

Al giu­di­ce dis­se: do­po la guer­ra de­vo aiu­ta­re la fa­mi­glia

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - REGIONE ATTUALITÀ - di An­drea Prian­te

VE­NE­ZIA «Il mio vil­lag­gio è sta­to at­tac­ca­to nel 1992 e fu com­ple­ta­men­te di­strut­to. La mia uni­ca spe­ran­za era quel­la di la­scia­re il Pae­se e fa­re qual­sia­si co­sa per aiu­ta­re la mia fa­mi­glia a so­prav­vi­ve­re».

Pas­si di una toc­can­te let­te­ra let­ta al­cu­ni an­ni fa nell’au­la di tri­bu­na­le da un giu­di­ce del­le Ha­waii chia­ma­to a de­ci­de­re le sor­ti di uno stra­nie­ro ap­pe­na fi­ni­to in ma­net­te con l’ac­cu­sa di aver fat­to spa­ri­re, die­ci an­ni pri­ma all’in­ter­no di una gio­iel­le­ria, al­cu­ni co­sto­sis­si­mi oro­lo­gi. Un cri­mi­na­le pro­fes­sio­ni­sta, que­sto era ov­vio già all’epo­ca, an­che se quell’uo­mo non si era an­co­ra gua­da­gna­to l’ap­pel­la­ti­vo di «re de la­dri».

La sua sto­ria, al­me­no per co­me la rac­con­ta­va nel­la let­te­ra, è quel­la di un re­du­ce del­la guer­ra nell’ex Ju­go­sla­via ri­ma­sto fe­ri­to in bat­ta­glia nel 1995. Fug­gì a Za­ga­bria e poi in Germania, do­ve pe­rò non riu­scì a tro­va­re uno strac­cio di la­vo­ro one­sto. A det­ta an­che del suo av­vo­ca­to, fu so­lo per que­sto che co­min­ciò a ru­ba­re: per aiu­ta­re eco­no­mi­ca­men­te i suoi fa­mi­lia­ri, che nel frat­tem­po si era­no ri­fu­gia­ti in Croa­zia.

Di cer­to c’è che, en­tran­do a far par­te dei Pink Pan­ther - il ce­le­bre grup­po in­ter­na­zio­na­le di cri­mi­na­li che ha fir­ma­to de­ci­ne di col­pi mi­lio­na­ri - in po­chi an­ni quel la­drun­co­lo «piz­zi­ca­to» al­le Ha­waii di­ven­ne lo spau­rac­chio del­le po­li­zie di mez­zo mon­do.

Chia­ma­te­lo Vin­ko To­mic. Op­pu­re Vin­cent Osma­k­cic, o se pre­fe­ri­te Ju­re Mar­ke­lic: il no­me cam­bia di con­ti­nuo ma la fac­cia è sem­pre la stes­sa, quel­la di un Ar­se­nio Lu­pin dall’ap­pa­ren­za in­no­cua, che og­gi ha 65 an­ni e i ca­pel­li gri­gi. È lui il (pre­sun­to) ca­po del­la ban­da che ha com­piu­to il col­po del se­co­lo al Du­ca­le. Ma nel suo cur­ri­cu­lum c’è dav­ve­ro di tut­to. Nel 2002 fu tra i pro­ta­go­ni­sti del col­po da un mi­lio­ne di dol­la­ri in una gio­iel­le­ria di Las Ve­gas, sen­za con­ta­re i fur­ti di pre­zio­si com­mes­si in Ca­li­for­nia, Ha­waii e Hong Kong. Tut­ti com­piu­ti in po­chi se­con­di, sen­za spa­ra­re un col­po, sen­za vio­len­za, sen­za la­sciar­si die­tro nep­pu­re un ostag­gio.

«Era ri­cer­ca­to da tem­po dal­le au­to­ri­tà sviz­ze­re, che non l’ave­va­no mai tro­va­to. È im­por­tan­te che sia sta­ta la po­li­zia ita­lia­na a ot­te­ne­re que­sto ri­sul­ta­to» ha det­to ie­ri il pro­cu­ra­to­re di Ve­ne­zia, Bru­no Cher­chi. E in ef­fet­ti, To­mic sa­reb­be col­le­ga­to an­che al­la raz­zia di dia­man­ti per ot­to mi­lio­ni di fran­chi sviz­ze­ri av­ve­nu­ta du­ran­te una mo­stra a Ba­si­lea, nel mar­zo del 2011.

Dei Pink Pan­ther si sa po­co, se non che il grup­po è com­po­sto so­prat­tut­to da cri­mi­na­li dell’ex Ju­go­sla­via, mol­ti con al­le spal­le espe­rien­ze nell’eser­ci­to. Un pro­fi­lo che si adat­ta be­ne an­che a un al­tro de­gli ar­re­sta­ti: Gr­gi Zvon­ko, croa­to di 43 an­ni. Su Fa­ce­book si fo­to­gra­fa ar­ma­to di mi­tra e si de­fi­ni­sce un con­trac­tor, in pra­ti­ca un esper­to di tec­ni­che mi­li­ta­ri che può es­se­re «af­fit­ta­to» co­me guar­dia ar­ma­ta. Zvon­ko ha ope­ra­to in tut­to il mon­do, an­che in zo­ne ad al­to ri­schio co­me la So­ma­lia e il Me­dio Orien­te. In­som­ma, è ad­de­stra­to ad af­fron­ta­re si­tua­zio­ni di pe­ri­co­lo su­pe­ran­do gli osta­co­li e in­di­vi­duan­do le vie di fu­ga.

An­che Ze­li­mir Gr­ba­vec è croa­to. I po­li­ziot­ti l’han­no in­di­vi­dua­to a Za­ga­bria, do­ve la­vo­ra per una dit­ta che si oc­cu­pa di rea­liz­za­re im­pian­ti di elet­tro­ni­ca e di co­mu­ni­ca­zio­ne. All’in­ter­no del­la ban­da, po­treb­be es­se­re l’esper­to che ha stu­dia­to i si­ste­mi che re­go­la­va­no l’aper­tu­ra e la chiu­su­ra del­le te­che di Palazzo Du­ca­le.

To­mic, Zvon­ko e Gr­ba­vec so­no sta­ti ar­re­sta­ti mer­co­le­dì. Lo stes­so gior­no, in Istria, gli in­ve­sti­ga­to­ri han­no fer­ma­to an­che Vla­di­mir Djur­kin, 48 an­ni, men­tre Dra­gan Mla­de­no­vic è fi­ni­to nel­la re­te te­sa da­gli in­qui­ren­ti ita­lia­ni a To­var­nik, al con­fi­ne tra Ser­bia e Croa­zia. Al­cu­ni di lo­ro, si so­no già di­chia­ra­ti in­no­cen­ti. Ora si tro­va­no in car­ce­re, in at­te­sa di es­se­re con­se­gna­ti al­le au­to­ri­tà ita­lia­ne.

Ma dei gio­iel­li del Ma­ha­ra­ja, an­co­ra nes­su­na trac­cia.

L’ar­re­sto Vin­ko To­mic, 65 an­ni, è ac­cu­sa­to di es­se­re il ca­po del­la ban­da di la­dri che agì al Du­ca­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.