Be­de­schi: in chia­ro­scu­ro la ma­no­vra per le im­pre­se

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - DA PRIMA PAGINA - Zam­bon

Pa­do­va Gu­gliel­mo Be­de­schi, im­pren­di­to­re for­zi­sta ma con­vin­to so­ste­ni­to­re del le­ghi­sta Bi­ton­ci a sin­da­co di Pa­do­va va­lu­ta la ma­no­vra: «Be­ne il ta­glio dell’Ires ma sul de­cre­to Di­gni­tà pro­prio non ci sia­mo. La Le­ga evol­ve, do­vreb­be pun­ta­re su Za­ia».

VE­NE­ZIA Gu­gliel­mo Be­de­schi, an­zi, il ca­va­lier Be­de­schi, è l’im­pren­di­to­re pa­ta­vi­no as­sur­to agli ono­ri del­le cro­na­che per aver scel­to di ap­pog­gia­re (pur es­sen­do di FI) il per­cor­so po­li­ti­co di Mas­si­mo Bi­ton­ci nel­la sua espe­rien­za di sin­da­co. Lui che, per mas­si­ma tra­spa­ren­za, si era pu­re di­mes­so dal con­si­glio di Con­fin­du­stria Pa­do­va, lui che con una qua­ran­ti­na di im­pren­di­to­ri ave­va so­ste­nu­to Bi­ton­ci, all’epo­ca se­na­to­re del Car­roc­cio, nel­la sua cor­sa a sin­da­co nel­la cit­tà del San­to. Lo de­fi­ni­va «Un le­ghi­sta non estre­mo con un ot­ti­mo cur­ri­cu­lum».

La Le­ga sta vi­ven­do un mo­men­to di tran­si­zio­ne, pun­ti­no su gen­te con­cre­ta

Ca­va­lie­re, lei ha an­co­ra un ot­ti­mo rap­por­to con il sot­to­se­gre­ta­rio Bi­ton­ci, co­sa pen­sa del­le li­nee eco­no­mi­che del go­ver­no?

«Par­tia­mo da una pre­mes­sa, non vo­glio che il mio giu­di­zio sia in­fluen­za­to dal­la mia sti­ma, per al­tro im­mu­ta­ta, nei con­fron­ti di Bi­ton­ci. Va­lu­ta­re la li­nea eco­no­mi­ca di que­sto go­ver­no non è sem­pli­ce, di­cia­mo che al­cu­ni prov­ve­di­men­ti fun­zio­na­no, al­tri me­no».

Par­tia­mo dal­le in­no­va­zio­ni che lei leg­ge co­me po­si­ti­ve.

«Al­cu­ni prov­ve­di­men­ti, co­me l’ab­bas­sa­men­to dell’Ires al­le im­pre­se dal 24 al 15% è senz’al­tro po­si­ti­vo per­ché van­no nel­la di­re­zio­ne dell’al­leg­ge­ri­men­to per le azien­de che si ri­flet­te in un qua­dro fa­vo­re­vo­le an­che per i la­vo­ra­to­ri».

Pas­sia­mo ai prov­ve­di­men­ti che non la ve­do­no sod­di­sfat­ta.

«Se par­lia­mo del de­cre­to Di­gni­tà non pos­so di­re nul­la di po­si­ti­vo. I due par­ti­ti al go­ver­no han­no fat­to ab­ba­stan­za con­fu­sio­ne fin qui e la li­mi­ta­zio­ni del­le as­sun­zio­ni a ter­mi­ne non è po­si­ti­va né per le azien­de, né per i la­vo­ra­to­ri, que­sto è un fat­to, è evi­den­te. Il la­vo­ro non si crea con un de­cre­to, si può fa­vo­ri­re so­ste­nen­do le im­pre­se che a lo­ro vol­ta crea­no la­vo­ro. Ag­giun­gia­mo il qua­dro in­ter­na­zio­na­le che vi­ve un pe­rio­do non ne­ga­ti­vo ma con­tras­se­gna­to da una cer­ta fles­sio­ne e il ri­sul­ta­to è uno so­lo, pri­ma di as­su­me­re ci si pen­sa due vol­te. So­prat­tut­to a fron­te dell’in­cer­tez­za del­la si­tua­zio­ne po­li­ti­ca ita­lia­na».

Ha det­to che Le­ga e M5s fan­no con­fu­sio­ne, che in­ten­de?

«In­ten­do di­re che Le­ga e M5s, per mo­ti­vi di­ver­si, en­tram­bi so­no an­co­ra pie­na­men­te in cam­pa­gna elet­to­ra­le. La Le­ga per ca­pi­ta­liz­za­re al mas­si­mo son­dag­gi in con­ti­nua cre­sci­ta, il M5s per­ché è in dif­fi­col­tà nel man­te­ne­re le sue pro­mes­se elet­to­ra­li che ora si scon­tra­no con gli ari­di con­ti del­lo Sta­to».

La mia sti­ma per Bi­ton­ci re­sta as­so­lu­ta­men­te im­mu­ta­ta

Ep­pu­re lei al­la Le­ga ha cre­du­to.

«La mia im­pres­sio­ne è che il Car­roc­cio stia ge­sten­do un mo­men­to di tran­si­zio­ne. Ha a di­spo­si­zio­ne una se­rie di per­so­ne va­li­de co­me il go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia. Il suo con­sen­so ha mo­ti­va­zio­ni ben pre­ci­se, è un uo­mo che ha di­mo­stra­to di es­se­re con­cre­to e di sa­per am­mi­ni­stra­re una re­gio­ne. È una per­so­na estre­ma­men­te con­cre­ta. Ec­co, la Le­ga do­vreb­be pen­sa­re a Za­ia, è una di quel­le per­so­ne a cui guar­da­re per il fu­tu­ro, gen­te ca­pa­ce, bra­vi am­mi­ni­stra­to­ri, lo­ro in­con­tra­no il fa­vo­re di chi la­vo­ra e pro­du­ce».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.