«Cor­ria­mo ri­schi ogni gior­no trop­pi in­cro­ci pe­ri­co­lo­si»

I sin­da­ca­ti: da an­ni chie­dia­mo di met­ter­li in si­cu­rez­za

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - Venezia E Mestre -

VE­NE­ZIA «Quan­do scen­do dal ca­val­ca­via di San Giuliano, suo­no sem­pre, in quel pun­to c’è un con­ti­nuo via vai di mez­zi pe­san­ti e pull­man: è pe­ri­co­lo­so». Andrea Dal­la Co­sta, rap­pre­sen­tan­te del­la Ci­sl nel­le rsu di Avm, è l’au­ti­sta che il 16 set­tem­bre 2015 ha gui­da­to la pri­ma cor­sa del tram tra Fa­va­ro e piaz­za­le Roma. Tre an­ni do­po può di­re di co­no­sce­re ogni pro­ble­ma e ogni ri­schio lun­go il per­cor­so. «Nel pun­to dell’in­ci­den­te, la se­gna­le­ti­ca è chia­ra ma spes­so non vie­ne ri­spet­ta­ta, c’è mol­ta di­sat­ten­zio­ne sul­la stra­da - sot­to­li­nea - La vi­si­bi­li­tà poi è ri­dot­ta da un gran­de ce­spu­glio, che ren­de qua­si im­pos­si­bi­le ve­de­re se ci so­no mez­zi in im­mis­sio­ne dal­la zo­na in­du­stria­le». Non è l’uni­co pun­to cri­ti­co. Po­co pri­ma c’è l’in­ne­sto tra via­le San Mar­co e l’area di San Giuliano. «La set­ti­ma­na scor­sa, un au­to­car­ro pro­ve­nien­te da via For­te Mar­ghe­ra non ha ri­spet­ta­to il ros­so al se­ma­fo­ro e so­lo per mi­ra­co­lo non mi è ve­nu­to ad­dos­so», con­ti­nua. Al­tro pun­to, una vol­ta su­pe­ra­to il pon­te del­la Li­ber­tà, l’in­cro­cio con lo svin­co­lo per il Tron­chet­to è sem­pre pro­ble­ma­ti­co e gli au­ti­sti han­no im­pa­ra­to a ral­len­ta­re e suo­na­re il clac­son per an­nun­cia­re il lo­ro ar­ri­vo ed evi­ta­re in­ci­den­ti. Tor­nan­do a Me­stre, in via­le San Mar­co, c’è l’at­tra­ver­sa­men­to di via San­so­vi­no a far ve­ni­re i bri­vi­di an­che agli au­ti­sti più esper­ti men­tre in piaz­za­le Cial­di­ni «re­gna il caos», di­co­no tut­ti i di­pen­den­ti di Actv, tra au­to, bus e par­cheg­gio sel­vag­gio. «Il pro­ble­ma è che il tram non do­vreb­be cor­re­re al 90 per cen­to su se­de pro­mi­scua - con­clu­de Dal­la Co­sta - for­se ci fos­se­ro più “tu­tor” (i se­ma­fo­ri con ve­lo­car a mul­ta­re chi non ri­spet­ta il ros­so, ndr) gli au­to­mo­bi­li­sti sta­reb­be­ro più at­ten­ti».

Si in­fiam­ma Val­ter No­vem­bri­ni, se­gre­ta­rio di Filt Cgil: «L’in­ci­den­ti mo­stra che bi­so­gna in­ter­ve­ni­re sul tra­spor­to pub­bli­co - sbot­ta - Sia­mo una cit­tà del­le più in­qui­na­te d’Ita­lia e in­ve­ce di pun­ta­re tut­to su bus e tram si in­cen­ti­va il tra­spor­to pri­va­to». Le au­to­mo­bi­li tra Fa­va­ro e Me­stre rap­pre­sen­ta­no l’in­cu­bo dell’au­ti­sta del tram, tra par­cheg­gi a ri­dos­so, se non pro­prio so­pra, le ro­ta­ie e im­mis­sio­ni sul­la stra­da au­da­ci. Una vol­ta su­pe­ra­to il cen­tro del­la ter­ra­fer­ma, al­le au­to, si ag­giun­go­no i pull­man tu­ri­sti­ci e i ca­mion, che non ri­spet­ta­no le pre­ce­den­te e si but­ta­no in stra­da sen­za te­ne­re con­to che un con­vo­glio è lun­go 32 me­tri. «An­co­ra pri­ma che il tram en­tras­se in ser­vi­zio ave­va­mo mo­stra­to all’azien­da le pro­ble­ma­ti­che di al­cu­ni pun­ti cri­ti­ci del trac­cia­to e chie­de­va­mo che si in­ter­ve­nis­se per la lo­ro mes­sa in si­cu­rez­za - spie­ga Danilo Scat­to­lin, di Sgb - Pur­trop­po, a di­stan­za di an­ni, le cri­ti­ci­tà so­no ri­ma­ste e si è con­fer­ma­to che ave­va­mo ra­gio­ne: ci so­no zo­ne pe­ri­co­lo­sis­si­me, co­me l’im­mis­sio­ne sul pon­te del­la Li­ber­tà, l’in­cro­cio con lo svin­co­lo per il Tron­chet­to e l’in­gres­so in piaz­za­le Roma, ed è per que­sto che gli au­ti­sti van­no pia­no, per tu­te­la­re dell’in­co­lu­mi­tà dei passeggeri». So­lo do­ve i con­vo­gli so­no in se­de de­di­ca­ta, è il ca­so di via San Do­nà tra Fa­va­ro e via Mar­ti­ri, i ri­schi sa­reb­be­ro az­ze­ra­ti. (g. b.)

 Dal­la Co­sta Quan­do scen­do dal ca­val­ca­via suo­no per far sen­ti­re che sto ar­ri­van­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.