Vac­chi: «Nor­de­st, giù i cam­pa­ni­li È una da­ta epo­ca­le»

Con­fin­du­stria Pa­do­va-Tre­vi­so, pa­ro­la all’emi­lia­no Vac­chi: «Giù i cam­pa­ni­li»

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - Da Prima Pagina - Di Gian­ni Fa­ve­ro

«Per il Ve­ne­to è una da­ta epo­ca­le. Nel­la com­pe­ti­zio­ne glo­ba­le, an­che il lan­cio di per­cor­si ag­gre­ga­ti­vi evo­lu­ti è un ele­men­to im­por­tan­te. La mas­sa cri­ti­ca va ri­cer­ca­ta di­men­ti­can­do i cam­pa­ni­li». Co­sì Al­ber­to Vac­chi, presidente di Con­fin­du­stria Emi­lia Cen­tro, sul­la fu­sio­ne Pa­do­va-Tre­vi­so.

VE­NE­ZIA Po­co più di un an­no fa è toc­ca­to a lo­ro, le as­so­cia­zio­ni de­gli industriali di Bo­lo­gna, Mo­de­na e Fer­ra­ra, fon­der­si per da­re vi­ta a Con­fin­du­stria Emi­lia Area Cen­tro. Og­gi, a Ma­ghe­ra, al bat­te­si­mo di As­sin­du­stria Ve­ne­to Cen­tro, cioè l’ag­gre­ga­zio­ne fra le ter­ri­to­ria­li di Pa­do­va e Tre­vi­so, a rac­con­ta­re co­me sia an­da­ta fi­no­ra quell’espe­rien­za sa­rà lo stes­so presidente emi­lia­no, Al­ber­to Vac­chi, in­sie­me al ter­zo vertice del nuo­vo triangolo in­du­stria­le del Nord, cioè l’As­so­lom­bar­da (Milano più Mon­za e Brian­za e Lo­di) di Car­lo Bo­no­mi.

Presidente Vac­chi, pos­sia­mo par­la­re, per il Ve­ne­to, di una da­ta epo­ca­le?

«Lo è si­cu­ra­men­te. Nel­la com­pe­ti­zio­ne glo­ba­le an­che il lan­cio di per­cor­si ag­gre­ga­ti­vi evo­lu­ti è un ele­men­to im­por­tan­te, cre­do sia dif­fu­sa or­mai la con­sa­pe­vo­lez­za che, per chi fa qua­li­tà, in­du­stria e tec­no­lo­gia, la mas­sa cri­ti­ca va­da ri­cer­ca­ta di­men­ti­can­do i cam­pa­ni­li».

A que­sto nuo­vo triangolo in­du­stria­le nel cuo­re del­la pia­nu­ra Pa­da­na cre­de dav­ve­ro fi­no in fon­do?

«Che sia­mo un triangolo virtuoso pen­so non ci sia­no dub­bi. Po­trem­mo trai­na­re mol­tis­si­mo l’in­te­ro Pae­se da un pun­to di vi­sta eco­no­mi­co pe­rò da so­li fa­rem­mo cer­ta­men­te fa­ti­ca. Da qui de­ve par­ti­re un mes­sag­gio chia­ro per l’in­te­ro ter­ri­to­rio ita­lia­no, cioè che non si pos­so­no più dis­si­pa­re ener­gie in po­li­ti­che di svi­lup­po sba­glia­te».

Ve­ne­to, Emi­lia e Lom­bar­dia han­no in co­mu­ne for­ti istan­ze di au­to­no­mia. Co­sa vor­reb­be en­tras­se nel por­ta­fo­glio del­le de­le­ghe?

«In­tan­to cre­do sia uti­le far no­ta­re co­me le stes­se ri­chie­ste giun­ga­no da aree del Pae­se con orien­ta­men­ti po­li­ti­ci tra­di­zio­nal­men­te di­ver­si. Lo spi­ri­to di centrosinistra emi­lia­no espri­me gli stes­si bi­so­gni di quel­lo di cen­tro­de­stra di Ve­ne­to e Lom­bar­dia. Stia­mo par­lan­do di una au­to­no­mia cor­ret­ta e giu­sta, non cer­to as­so­lu­ta e nem­me­no pa­ren­te di una se­pa­ra­zio­ne dal Pae­se, im­pos­si­bi­le quan­to sen­za sen­so. Sul­le de­le­ghe non mi espri­mo, sarebbe mol­to com­pli­ca­to. Co­mun­que è fon­da­men­ta­le sta­re mol­to at­ten­ti a non ri­crea­re

cen­tra­li­smi nel cen­tra­li­smo».

Tor­nia­mo al­la fu­sio­ne del­le ter­ri­to­ria­li ve­ne­te. Il progetto è sta­to li­ma­to nei

det­ta­gli ma for­se voi, che ci sie­te pas­sa­ti, qual­che con­si­glio da da­re lo ave­te.

«Eh, il ro­dag­gio è un’al­tra co­sa. È ine­vi­ta­bi­le che si crei­no pro­ble­mi non pre­vi­sti ma l’as­so­cia­zio­ne gran­de dà cer­ta­men­te una gran­de for­za ad una rap­pre­sen­tan­za che ha bi­so­gno di una ve­ste di­ver­sa. Ci de­ve es­se­re evi­den­te­men­te la ca­pa­ci­tà di met­te­re in­sie­me i va­ri as­set e cer­ca­re i pun­ti co­mu­ni. Di­cia­mo che è un pro­ces­so che si av­via e poi si au­toa­li­men­ta. Una vol­ta partita, cre­do che la macchina non tro­ve­rà più gros­si osta­co­li».

Il Ve­ne­to pe­rò ar­ri­va da uno sce­na­rio eco­no­mi­co re­cen­te mes­so a du­ra pro­va dal col­las­so di una par­te im­por­tan­te del si­ste­ma del cre­di­to. Ci so­no fra­gi­li­tà pro­fon­de che non c’era­no nel con­te­sto in cui le ter­ri­to­ria­li emi­lia­ne han­no tro­va­to la formula per ag­gre­gar­si. Pen­sa pos­sa es­se­re un han­di­cap nel­la ge­ne­si di As­sin­du­stria Ve­ne­to Cen­tro?

«Cre­do che i pro­ble­mi che do­ve­va­no emer­ge­re sia­no già sta­ti tut­ti af­fron­ta­ti e su­pe­ra­ti e nel mo­do in cui la cri­si del­le ban­che è sta­ta fi­no ad og­gi ge­sti­ta ve­do la di­mo­stra­zio­ne del­la gran­de for­za del Ve­ne­to. No­no­stan­te que­sto, cioè, la regione si sta ve­lo­cis­si­ma­men­te al­li­nean­do per es­se­re lo­co­mo­ti­va, in­sie­me a Lom­bar­dia ed Emi­lia Ro­ma­gna».

Un presidente per tre

Al­ber­to Vac­chi è il numero uno di Con­fin­du­stria Emi­lia Area Cen­tro, na­ta un an­no fa dal­la fu­sio­ne tra Bo­lo­gna, Fer­ra­ra e Mo­de­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.