LE ETÀ SEN­ZA FI­NE DELL’AMORE

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - DA PRIMA PAGINA - Di Vit­to­rio Fi­lip­pi

Dell’odier­no San Va­len­ti­no si può cer­ta­men­te di­re che è un even­to com­mer­cia­le e che co­mun­que non na­scon­de la se­rie in­ces­san­te di fem­mi­ni­ci­di, co­me ci se­gna­la la san­gui­no­sa cro­na­ca di que­ste ul­ti­me set­ti­ma­ne (già 13 le don­ne uc­ci­se que­st’an­no). Tut­ta­via San Va­len­ti­no può di­ve­ni­re uti­le se si fa oc­ca­sio­ne per ri­flet­te­re su quel­la gran­de for­za psi­chi­ca che è l’amore. Un sen­ti­men­to di cui dia­mo spes­so per scon­ta­to di es­ser­ne buo­ni co­no­sci­to­ri, sen­za sa­per­lo in real­tà vi­ve­re al me­glio go­den­do del­le sue ca­pa­ci­tà let­te­ral­men­te ri­vo­lu­zio­na­rie e al tem­po stes­so evi­tan­do i suoi ri­schi di­strut­ti­vi. Dav­ve­ro do­vrem­mo tut­ti ri­flet­te­re sull’amore. In­nan­zi­tut­to i gio­va­ni, ov­via­men­te, che si ap­proc­cia­no per la pri­ma vol­ta a que­sta ener­gia po­ten­te e mi­ste­rio­sa. «La gio­ven­tù è un so­gno, l’amore il suo con­te­nu­to», di­ce­va il fi­lo­so­fo da­ne­se Kier­ke­gaard. Cer­to, quan­do si è gio­va­ni in­na­mo­rar­si sem­bra fa­ci­le e na­tu­ra­le, ep­pu­re non man­ca­no già le pri­me de­lu­sio­ni, le sof­fe­ren­ze, le il­lu­sio­ni. Per­ché oc­cor­re im­pa­ra­re al più pre­sto a co­no­sce­re ed a ma­neg­gia­re con gran­de cu­ra e delicatezz­a que­sto im­por­tan­te mo­to­re emo­ti­vo che chia­mia­mo amore. Poi c’è l’età di mez­zo, in cui spes­so – co­me san­no i qua­ran­ten­ni e i cin­quan­ten­ni – ci si tro­va ad af­fron­ta­re due sfi­de al­ter­na­ti­ve tra lo­ro. La pri­ma – se la cop­pia fun­zio­na – è quel­la del­la ri­ge­ne­ra­zio­ne con­ti­nua di quel pat­to fon­dan­te da cui è par­ti­ta l’av­ven­tu­ra amo­ro­sa.

Una

re­la­zio­ne fra­gi­le co­me tut­te le re­la­zio­ni uma­ne che pe­rò, co­me scris­se Tho­mas Mann, ac­qui­sta at­tra­ver­so l’amore «una sta­bi­li­tà che sfi­da il tem­po». Cer­to, non è mai esi­sti­to quell’amore che sen­za fa­ti­ca du­ra per sem­pre. Il «vis­se­ro fe­li­ci e con­ten­ti» va be­ne per le fiabe, ma la real­tà esi­ge un im­pe­gno di con­ti­nua ma­nu­ten­zio­ne. Al­tri­men­ti oc­cor­re ge­sti­re il do­lo­re del di­sin­ve­sti­men­to af­fet­ti­vo e ri­pren­de­re a sa­per ama­re: per­ché «Non è il pri­mo amore che con­ta, è l’ul­ti­mo», af­fer­ma Ro­ma­gno­li nel suo «Sen­za fi­ne. La me­ra­vi­glia dell’ul­ti­mo amore». Mol­to me­glio, se im­pa­ras­si­mo an­che un buon ga­la­teo de­gli ad­dii che tan­to man­ca nel­le tra­va­glia­te rot­tu­re amo­ro­se at­tua­li. In­fi­ne in­vec­chian­do si ar­ri­va al­la ter­za e an­che quar­ta età. So­lo che amore e ses­sua­li­tà non van­no in sof­fit­ta. L’in­vec­chia­men­to at­ti­vo è esi­gen­te, non vuo­le ab­di­ca­re nem­me­no ses­sual­men­te. Non è un ca­so se i di­vor­zi de­gli an­zia­ni og­gi sia­no il 20% del to­ta­le. An­che in que­sta nuo­va fa­se, in­na­mo­ra­men­to e amore dan­no pie­nez­za al­la vi­ta che ri­ma­ne e so­no un ot­ti­mo an­ti-età. L’in­vec­chia­men­to lon­ge­vo di­ven­ta co­sì una ine­di­ta oc­ca­sio­ne per ama­re e far­si ama­re a lun­go. Non era mai suc­ces­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.