Sfa­scia le Po­ste, pre­sto espul­so e ora via il red­di­to di cit­ta­di­nan­za

Pa­do­va, il sot­to­se­gre­ta­rio Va­ria­ti: «Il mi­ni­stro sa». La fi­nan­za: «Non ha i re­qui­si­ti per il sus­si­dio»

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - DA PRIMA PAGINA - Roberta Po­le­se

PA­DO­VA A me­no di 24 ore dal­la se­gna­la­zio­ne in­via­ta dal sin­da­co di Pio­ve di Sac­co, il «dos­sier» su Ab­de­lou­haed Atou­ra­bi è già sui ta­vo­li del mi­ni­stro de­gli In­ter­ni. Lo stra­nie­ro ver­rà pre­sto espul­so dal ter­ri­to­rio na­zio­na­le e, nel frat­tem­po, sa­rà so­spe­sa l’ero­ga­zio­ne del red­di­to di cit­ta­di­nan­za.

A me­no di 24 ore dal­la

PA­DO­VA se­gna­la­zio­ne in­via­ta dal sin­da­co di Pio­ve di Sac­co, il «dos­sier» su Ab­de­lou­haed Atou­ra­bi è già sui ta­vo­li del mi­ni­stro de­gli In­ter­ni Lu­cia­na La­mor­ge­se e del sot­to­se­gre­ta­rio Achil­le Va­ria­ti, che si è per­so­nal­men­te im­pe­gna­to per fa­re in mo­do che lo stra­nie­ro di­mo­stra­to­si ag­gres­si­vo, vio­len­to e pe­ri­co­lo­so, sia al più pre­sto espul­so dal ter­ri­to­rio na­zio­na­le. «Que­sta per­so­na si tro­va in Ita­lia da 18 an­ni, ha un per­mes­so di soggiorno per “lun­go sog­gior­nan­ti”, ha la­vo­ra­to per un cer­to pe­rio­do di tem­po, ma poi si è mac­chia­to di rea­ti gra­vi con­tro il pa­tri­mo­nio e con­tro le per­so­ne – spie­ga Va­ria­ti – ha avu­to un com­por­ta­men­to in­ci­vi­le nei con­fron­ti del pae­se che lo ave­va ac­col­to, il suo è sta­to un tra­di­men­to, la mi­ni­stra La­mor­ge­se è co­stan­te­men­te in­for­ma­ta di quan­to si sta fa­cen­do sul ca­so e an­che la que­stu­ra di Pa­do­va si sta muo­ven­do».

Ora Atou­ra­bi, ma­roc­chi­no di 39 an­ni che in po­che set­ti­ma­ne ha pic­chia­to una guar­da giu­ra­ta, sfa­scia­to un uf­fi­cio po­sta­le, oc­cu­pa­to una ca­sa, fe­ri­to una com­mes­sa, po­treb­be ve­der­si re­vo­ca­re la car­ta di soggiorno dal­la que­stu­ra, la qua­le in­for­me­rà il ma­gi­stra­to che do­po l’ul­ti­mo ar­re­sto ha di­spo­sto la scar­ce­ra­zio­ne con ob­bli­go di fir­ma. Sa­rà il giu­di­ce a emet­te­re il de­cre­to di tra­sfe­ri­men­to al Cie e il rim­pa­trio in Ma­roc­co. «So­no sta­to sin­da­co per mol­to tem­po e co­no­sco le dif­fi­col­tà di chi, co­me l’ot­ti­mo pri­mo cit­ta­di­no di Pio­ve di Sac­co Da­vi­de Gia­nel­la, si tro­va in que­ste con­di­zio­ni – sot­to­li­nea Va­ria­ti –. Gia­nel­la si è mos­so in mo­do inec­ce­pi­bi­le, cer­to nor­me e bu­ro­cra­zia non aiu­ta­no, e non ho nes­sun timore di di­re che le re­go­le van­no ri­vi­ste, e non ci pro­vi la Le­ga a in­ne­sca­re ste­ri­li po­le­mi­che, per­ché è sta­ta per mol­tis­si­mo tem­po una for­za di go­ver­no e ha so­lo peg­gio­ra­to la si­tua­zio­ne – ag­giun­ge – ades­so ci muo­via­mo se­con­do il di­rit­to per­ché sia­mo un pae­se ci­vi­le, io so­no il pri­mo a ten­de­re la ma­no per l’ac­co­glien­za, tut­ta­via ci vuo­le fer­mez­za».

Re­sta an­co­ra un ca­pi­to­lo aper­to, ed è quel­lo del Red­di­to di cit­ta­di­nan­za. Il 7 gen­na­io scor­so lo stra­nie­ro ha sfa­scia­to l’uf­fi­cio po­sta­le di Pio­ve di Sac­co pro­prio per­ché la tes­se­ra del sus­si­dio al qua­le ave­va avu­to ac­ces­so non gli ero­ga­va il suo de­na­ro. La Guar­dia di fi­nan­za ha a sua vol­ta fat­to ac­cer­ta­men­ti sul ca­so e lo ha de­nun­cia­to per vio­la­zio­ne del­le nor­me che re­go­la­no la per­ce­zio­ne del red­di­to, dal mo­men­to che lo stra­nie­ro ave­va di­chia­ra­to di ave­re un do­mi­ci­lio sta­bi­le a Pio­ve di Sac­co quan­do in­ve­ce non era ve­ro. La se­gna­la­zio­ne del­le Fiam­me Gial­le è giun­ta all’Inps af­fin­ché so­spen­da l’ero­ga­zio­ne del red­di­to. Ma evi­den­te­men­te an­che all’Inps ave­va­no ca­pi­to qual­co­sa vi­sto che il 7 gen­na­io i sol­di nel­la card non c’era­no. Atou­ra­bi ha ot­te­nu­to 4.469,22 eu­ro da apri­le fi­no ad og­gi, che equi­val­go­no a un as­se­gno men­si­le pa­ri a 496,58 eu­ro. De­na­ro che ora do­vrà re­sti­tui­re.

Sem­bra che lo stra­nie­ro ab­bia sem­pre la­vo­ra­to nei 16 an­ni di per­ma­nen­za in Ita­lia, poi l’ul­ti­ma azien­da in cui era in ser­vi­zio sa­reb­be sta­ta as­sor­bi­ta da un’al­tra e lui è sta­to li­cen­zia­to. Da due an­ni sa­reb­be quin­di di­soc­cu­pa­to, per que­sto avreb­be avu­to pie­no ti­to­lo per ot­te­ne­re il Red­di­to di cit­ta­di­nan­za, a pat­to di ave­re un do­mi­ci­lio do­ve l’agen­zia può rin­trac­ciar­lo per pro­por­gli nuo­ve oc­cu­pa­zio­ni. Ma il do­mi­ci­lio non c’è.

La vi­cen­da ri­guar­dan­te le tem­pe­sto­se ester­na­zio­ni del ma­roc­chi­no era­no par­ti­te in sor­di­na an­co­ra a no­vem­bre per poi di­ven­ta­re un ca­so che su Fa­ce­book ha sca­te­na­to gli ani­mi. Il sin­da­co Da­vi­de Gia­nel­la, do­po es­se­re sta­to co­per­to di in­sul­ti sui so­cial pro­prio per la de­ci­sio­ne di pro­ce­de­re con me­to­do, ha re­dat­to un do­cu­men­to di t re pa­gi­ne elen­can­do tut­ti i pro­ble­mi che Atou­ra­bi ha pro­vo­ca­to a Pio­ve, de­scri­ven­do­lo co­me un sog­get­to pe­ri­co­lo­so, per que­sto ha chie­sto che il Mi­ni­stro La­mor­ge­se in­ter­ven­ga per l’espul­sio­ne.

Ha fat­to la stes­sa co­sa il sin­da­co del co­mu­ne li­mi­tro­fo di Ar­zer­gran­de, Fi­lip­po Laz­za­rin, an­che se la sua è ap­par­sa più co­me una mos­sa po­li­ti­ca. Ora la pal­la pas­sa al que­sto­re Pao­lo Fas­sa­ri che de­ve met­te­re in­sie­me tut­te le de­nun­ce (quat­tro: due per le­sio­ni una per dan­neg­gia­men­to dell’uf­fi­cio po­sta­le e quel­la per il Red­di­to di cit­ta­di­nan­za), le mo­ti­va­zio­ni dell’ar­re­sto, al­le­gan­do pu­re un Da­spo emes­so dal­la po­li­zia fer­ro­via­ria nel 2017. Il dos­sier ar­ri­ve­rà in tribunale e il giu­di­ce che ha con­va­li­da­to l’ar­re­sto va­lu­te­rà se ci so­no tut­te le con­di­zio­ni per at­ti­va­re l’espul­sio­ne. Non do­vreb­be es­se­re dif­fi­ci­le tro­va­re Atou­ra­bi vi­sto che ha già l’ob­bli­go di fir­ma quo­ti­dia­na ai ca­ra­bi­nie­ri di Pio­ve.

"

Il sot­to­se­gre­ta­rio/1 Nor­me e bu­ro­cra­zia non aiu­ta­no, e non ho nes­sun timore di di­re che le re­go­le van­no ri­vi­ste,

"

Il sot­to­se­gre­ta­rio/2 Ha un com­por­ta­men­to in­ci­vi­le nei con­fron­ti del Pae­se che l’ha ac­col­to, il suo è un tra­di­men­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.