Stu­den­ti di­sa­bi­li: chi è gra­ve non fa le­zio­ne da 40 gior­ni

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - VENEZIA E MESTRE - Ali­ce D’Este

VE­NE­ZIA So­no al­me­no 1600 le fa­mi­glie che nel ve­ne­zia­no da più di 40 gior­ni di scuo­la e di­dat­ti­ca on li­ne si so­no ri­tro­va­te com­ple­ta­men­te so­le. «Ab­ban­do­na­te» dal­le isti­tu­zio­ni sco­la­sti­che, sen­za un sup­por­to e sen­za nes­sun con­tat­to on li­ne per i lo­ro fi­gli con di­sa­bi­li­tà im­por­tan­ti. Una si­tua­zio­ne par­ti­co­la­re, un ca­so li­mi­te che pe­rò in­ve­ste tan­tis­si­mi stu­den­ti di ogni or­di­ne e gra­do. Ba­sta guar­da­re i da­ti: so­no 1.659 a Ve­ne­zia le cat­te­dre di so­ste­gno. E ognu­na (as­se­gna­ta ad un do­cen­te) si oc­cu­pa in me­dia di 2 o 3 ra­gaz­zi­ni per un to­ta­le sti­ma­bi­le di 4000 fa­mi­glie. La si­tua­zio­ne ov­via­men­te non è ugua­le per tut­ti. C’è chi ha do­cen­ti più or­ga­niz­za­ti che rie­sco­no a fa­re eser­ci­zi, can­zon­ci­ne, di­se­gni e a sti­mo­la­re il suo stu­den­te an­che at­tra­ver­so i mez­zi tec­no­lo­ma ci so­no an­che in­se­gnan­ti che non rie­sco­no a su­pe­ra­re la mo­le di dif­fi­col­tà di una si­tua­zio­ne co­sì com­ples­sa.

«Pur­trop­po la di­dat­ti­ca on li­ne per si­tua­zio­ni co­me que­ste è dif­fi­ci­lis­si­ma - spie­ga Gio­van­ni Gior­da­no del­lo Snals di Ve­ne­zia - il mez­zo che vie­ne uti­liz­za­to dai do­cen­ti è già dif­fi­ci­le di per sé, per dei ra­gaz­zi­ni con dif­fi­col­tà di que­sto ti­po lo è an­co­ra di più. Non è que­stio­ne di cat­ti­va vo­lon­tà, so­no si­tua­zio­ni dav­ve­ro com­pli­ca­te».

Dall’al­tra par­te del­la «bar­ri­ca­ta» ci so­no pe­rò le fa­mi­glie. Che in que­sto mo­men­to si sen­to­no (e so­no) la­scia­te so­le. «Io da tre an­ni la­vo­ro con un ra­gaz­zi­no con sin­dro­me di Do­wn e di­sa­bi­li­tà al 100% - spie­ga un’edu­ca­tri­ce pa­ga­ta dal­la fa­mi­glia per l’af­fian­ca­men­to del fi­glio in clas­se e che pre­fe­ri­sce ri­ma­ne­re ano­ni­ma - da quan­do i ra­gaz­zi so­no a ca­sa Gian­lu­ca (il no­me è di fan­ta­sia) non ha più sen­ti­to le sue due in­se­gnan­ti di so­ste­gno pre­sen­ti in clas­se. A par­te per qual­che telefonata, au­gu­ri di Pa­squa com­pre­si. Io lo se­guo ogni gior­no al­tri­men­ti sa­reb­be so­lo».

La si­tua­zio­ne di Gian­lu­ca, è una di quel­le più for­tu­na­te. L’af­fian­ca­men­to dell’edu­ca­tri­ce è equi­pa­ra­to con­trat­tual­men­te ad un con­trat­to di cu­ra (co­me le ba­dan­ti) quin­di il ra­gaz­zi­no può es­se­re se­gui­to ogni mat­ti­na sen­za ti­mo­re di con­trav­ve­ni­re al­le or­di­nan­ze Co­vid. Ma gli al­tri? Le fa­mi­glie in cui i ge­ni­to­ri la­vo­ra­no e il fi­glio non può ac­ce­de­re a que­sto ti­po di cu­re? Quel­le in cui la di­sa­bi­li­tà è ta­le da non po­ter ave­re al­cun ac­ces­so a pos­si­bi­li di­dat­ti­che on li­ne? «Io sin­ce­ra­men­te so­no pro­prio in dif­fi­col­tà in que­sto mo­men­to - di­ce un’al­tra in­se­gnan­te del­le scuo­le me­die - ho due ca­si mol­to gra­vi e un ra­gaz­zi­no che ha bi­so­gno di un aiu­to più leg­ge­ro. Con lui rie­sco a la­vo­ra­re ma con i due ca­si gra­vi pur­trop­po non si rie­sce a fa­re nul­la. Mi di­spia­ce mol­to, ma non sa­prei co­me fa­re».

In­tan­to pro­prio in que­sti gior­ni nel­le mail de­gli iscrit­ti al­le gra­dua­to­rie dei do­cen­ti stan­no ar­ri­van­do nuo­ve con­vo­ca­zio­ni, pro­prio per po­sti di so­ste­gno per so­sti­tui­re ma­lat­tie e ma­ter­ni­tà. All’in­ter­no ha fat­to ca­po­li­no una di­ci­tu­ra nuo­va: «Vi­ste le di­spo­si­zio­ni le­ga­te all’emer­gen­za Co­vid-19 è ob­bli­ga­to­ria la com­pe­ten­za di­gi­ta­le e il pos­ses­so di con­net­ti­vi­tà e stru­men­ta­zio­ni ade­gua­te per la di­dat­ti­ca a di­stan­za». Un’in­di­ca­zio­ne uf­fi­cia­le da par­te del Mi­ni­ste­ro che mi­ra a sa­na­re al­me­no in par­te il vuo­to che mol­te fa­mi­glie si so­no tro­va­te a fron­teg­gia­re.

"

Gior­da­no

La di­dat­ti­ca on li­ne è dif­fi­ci­le, ma per i ra­gaz­zi con di­sa­bi­li­tà im­por­tan­ti di­ven­ta com­pli­ca­tis­si­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.