IL DI­RIT­TO DI AVE­RE PAU­RA

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - DA PRIMA PAGINA - Di Lau­ra Bon­dì

In que­sti gior­ni in cui i do­cen­ti so­no tor­na­ti sul­le pri­me pa­gi­ne dei gior­na­li, ine­so­ra­bil­men­te par­la­no di scuo­la po­li­ti­ci, so­cio­lo­gi, gior­na­li­sti, psi­co­lo­gi, ma la ca­te­go­ria in­te­res­sa­ta è sem­pre as­sen­te. La co­sa è biz­zar­ra poi­ché sia­mo noi i più com­pe­ten­ti co­no­sci­to­ri del­le di­na­mi­che di un’au­la, sia­mo noi che sap­pia­mo co­sa si­gni­fi­chi ave­re per cin­que ore al gior­no una tren­ti­na di ado­le­scen­ti/bam­bi­ni da­van­ti, sia­mo noi il cui la­vo­ro con­si­ste nel col­lo­quia­re emet­ten­do tut­ti in­sie­me fia­to e sa­li­va – esat­ta­men­te i pri­mi vei­co­li di tra­smis­sio­ne del vi­rus. Ep­pu­re ve­nia­mo igno­ra­ti men­tre ogni gior­no l’esper­to di tur­no ci at­tac­ca per sie­ro­lo­gi­ci man­ca­ti e app non sca­ri­ca­te; ad­di­rit­tu­ra una ono­re­vo­le Cin­que Stel­le sug­ge­ri­va una qua­ran­te­na per tut­ti i do­cen­ti pri­ma dell’ini­zio del­la scuo­la. Il sie­ro­lo­gi­co gra­tui­to si può fa­re fi­no al 4 set­tem­bre. Ma già do­po tre gior­ni mol­ti im­pre­ca­va­no con­tro i do­cen­ti cat­ti­vi che si ri­fiu­ta­va­no di fa­re il te­st. Un ap­pun­to, ri­cor­dan­do che co­mun­que il te­st è vo­lon­ta­rio: i miei stu­den­ti ter­mi­na­li, quel­li che in­con­tre­rò (con o sen­za ma­sche­ri­na?) tra un pa­io di set­ti­ma­ne, han­no pas­sa­to l’esta­te a gio­ca­re a cal­cio.

Aviag­gia­re for­se in Croa­zia, a spri­tzet­ta­re in al­le­gro as­sem­bra­men­to nel­la piaz­za del lo­ro pae­se. An­che a fron­te del fat­to che que­sta esta­te l’età dei con­ta­gia­ti si è ab­bas­sa­ta ver­ti­gi­no­sa­men­te, non sa­reb­be più op­por­tu­no in­vi­ta­re lo­ro a fa­re il te­st?

Il 14 di set­tem­bre si muo­ve­ran­no cir­ca 9.000.000 di per­so­ne. Gli in­se­gnan­ti so­no me­no del 10 per cen­to: mi chie­do qua­le mi­ste­rio­sa lo­gi­ca ga­ran­ti­sca o com­pro­met­ta la sa­lu­te in au­la se il te­st lo fan­no so­lo lo­ro. Chi ac­cu­sa i do­cen­ti do­vreb­be ad ogni mo­do «star se­re­no»: la mag­gio­ran­za non ve­de l’ora di tor­na­re in qual­sia­si con­di­zio­ne si ri­fi­li lo­ro per si­cu­ra e quin­di la po­si­zio­ne a cui do vo­ce non esau­ri­sce quel­la del­la ca­te­go­ria. Sia­mo pe­rò tan­tis­si­mi in­se­gnan­ti e ge­ni­to­ri a nu­tri­re per­ples­si­tà e ti­mo­ri che na­sco­no dal­la la­pa­lis­sia­na con­trad­dit­to­rie­tà con cui a scuo­la si vuol spac­cia­re per si­cu­rez­za quel­lo che non lo è al­tro­ve. Per coe­ren­za pren­do l’esem­pio del set­to­re pub­bli­co, do­ve i la­vo­ra­to­ri so­no tu­te­la­ti die­tro ad un ple­xi­glas, in­te­ra­gi­sco­no con una per­so­na adul­ta per vol­ta, la­vo­ra­no in lo­ca­li con ac­ces­si con­tin­gen­ta­ti e par­zial­men­te in smart­wor­king. Noi sa­re­mo gli uni­ci chiu­si in una stan­za con tren­ta per­so­ne ap­par­te­nen­ti a grup­pi non esat­ta­men­te no­ti per ri­ma­ne­re im­mo­bi­li, con cui do­vre­mo in­te­ra­gi­re par­lan­do, ov­ve­ro emet­ten­do fia­to e sa­li­va.

In que­ste con­di­zio­ni l’espo­si­zio­ne al vi­rus è per­fi­no più al­ta di quel­la di un sa­ni­ta­rio, che ha tut­ti i di­spo­si­ti­vi di pro­te­zio­ne che noi non avre­mo. Nem­me­no del ple­xi­glas sul­la cat­te­dra sia­mo ap­par­si de­gni. Me­glio in­ve­sti­re sui ban­chi gi­rel­li.

Poi c’è la que­stio­ne mez­zi di tra­spor­to. Al­le su­pe­rio­ri mol­tis­si­mi stu­den­ti viag­gia­no per al­me­no mezz’ora in bus in­de­re. co­ro­sa­men­te sti­pa­ti nel­le cor­se per l’in­gres­so e l’usci­ta. Ora­ri sca­glio­na­ti al­le­vie­ran­no il pro­ble­ma, ma non lo ri­sol­ve­ran­no: gli stu­den­ti che ci tro­ve­re­mo da­van­ti avran­no viag­gia­to in con­di­zio­ni idea­li per il con­ta­gio.

Sem­bra che co­mun­que la que­stio­ne sia sta­ta ge­nial­men­te ri­sol­ta con una ac­cu­ra­ta ana­li­si fi­lo­lo­gi­ca per cui pa­re che as­sem­bra­men­to sui mez­zi di tra­spor­to de­ri­vi an­ti­ca­men­te da Riu­nio­ne Fa­mi­glia­re. Tut­ti con­giun­ti in bus ( pro­ba­bil­men­te per­ché si viag­gia ap­pic­ci­ca­ti). Poi mi im­ma­gi­no in­ti­ma­re in clas­se a Ros­si di man­te­ne­re il me­tro di di­stan­za da Bian­chi e Ros­si che ri­spon­de: «Ma prof! Ho pas­sa­to 40 mi­nu­ti se­du­ta in brac­cio suo in au­to­bus!».

In par­te, que­gli stu­den­ti ap­par­ten­go­no a quel­la fa­scia di età che sem­bra vei­co­la­re il con­ta­gio con di­sin­vol­tu­ra, ac­cu­san­do­ne po­co i sin­to­mi ma por­tan­do in gi­ro mas­sic­ce ca­ri­che vi­ra­li che po­treb­be­ro far mol­to ma­le ai lo­ro do­cen­ti e ai lo­ro fa­mi­lia­ri. Di que­sto non si par­la mai. Non una pa­ro­la, nem­me­no per quei la­vo­ra­to­ri fra­gi­li a cui con un col­po di spu­gna di mez­za esta­te è sta­to can­cel­la­to il di­rit­to di la­vo­ra­re da ca­sa. Da set­ti­ma­ne il man­tra ri­pe­tu­to all’in­fi­ni­to è ria­pri­re­mo la scuo­la ad ogni co­sto in si­cu­rez­za. Mioz­zo poi am­met­te l’ov­vio: cer­to qual­che con­ta­gio ci sa­rà, l’Rt cre­sce­rà un po’. Già que­sta am­mis­sio­ne stri­de con l’idea di scuo­la luo­go si­cu­ro. Non si può di­re che la scuo­la ria­pri­rà in si­cu­rez­za e che ci sa­ran­no ine­vi­ta­bil­men­te dei con­ta­gi nel­lo stes­so fia­to.

E’ un eser­ci­zio di Bi­pen­sie­ro Or­wel­lia­no che mi ri­fiu­to di im­pa­ra­re. Di Co­vid si muoU­no è già trop­po. Ad ogni co­sto non ri­me­rà mai con si­cu­rez­za. E men­tre a mio av­vi­so la stam­pa as­se­con­da la fi­la­stroc­ca dei ev­vi­vail­di­rit­toal­li­stru­zio­ne, in po­chi ci cre­do­no dav­ve­ro. Al­tri­men­ti ci si sa­reb­be mos­si pri­ma: c’era tut­to il tem­po e c’era­no del­le stra­de pra­ti­ca­bi­li al­ter­na­ti­ve per ga­ran­ti­re una si­cu­rez­za che al­me­no si av­vi­ci­nas­se a quel­la di al­tri am­bien­ti la­vo­ra­ti­vi.

Pa­ra­dos­sal­men­te gli uni­ci che ci cre­do­no dav­ve­ro sia­mo noi, che quan­do la scuo­la ria­pri­rà ci sa­re­mo e fa­re­mo del no­stro me­glio. Ci ven­ga pe­rò la­scia­to il di­rit­to ad ave­re pau­ra, ci ven­ga ri­co­no­sciu­to che que­sta pau­ra è fon­da­ta, e ci ven­ga ri­spar­mia­ta l’en­ne­si­ma cam­pa­gna de­ni­gra­to­ria.

Nes­su­no è riu­sci­to fi­no­ra a con­vin­cer­mi che la que­stio­ne prin­ci­pa­le non sia edu­ca­ti­va, ma po­li­ti­ca ed eco­no­mi­ca. Ad ogni co­sto ri­ma con ele­zio­ni, e con pro­ve ge­ne­ra­li di te­nu­ta del si­ste­ma. C’è bi­so­gno di da­re ri­spo­ste a tut­ti i ge­ni­to­ri che de­vo­no an­da­re a la­vo­ra­re e di ave­re il lo­ro vo­to e c’è bi­so­gno di te­sta­re il si­ste­ma con­tro una se­con­da on­da­ta se il vac­ci­no non do­ves­se ar­ri­va­re in tem­pi bre­vi, per con­trol­la­re il vi­rus e non per­met­te­re che il vi­rus con­trol­li noi. Non rie­sco a pen­sa­re ad oc­ca­sio­ne mi­glio­re per fa­re le pro­ve di cir­ca 9.000.000 di per­so­ne che si muo­vo­no con­tem­po­ra­nea­men­te e, even­tual­men­te, ap­por­ta­re i do­vu­ti cor­ret­ti­vi. Even­tual­men­te. Se qual­co­sa do­ves­se an­da­re ma­le. Ma a quel pun­to le scuo­le po­tran­no ri­chiu­de­re: le ele­zio­ni ci sa­ran­no già sta­te e si po­trà far te­so­ro dei ri­sul­ta­ti del te­st.E’ un’ot­ti­ca di­ver­sa da quel­la do­mi­nan­te.

E’ una sto­ria di­ver­sa da quel­la nar­ra­ta. For­se va­le la pe­na rac­con­tar­la.

Vi­vre­mo da­van­ti a tren­ta ra­gaz­zi che han­no pas­sa­to l’esta­te a di­ver­tir­si con mi­no­ri pro­te­zio­ni che in uf­fi­cio

Do­vrò di­re a Ros­si di star lon­ta­no da Bian­chi sa­pen­do che uno era in brac­cio all’al­tro sull’au­to­bus

Te­st sie­ro­lo­gi­ci Gli in­se­gnan­ti in co­da per ef­fet­tua­re il te­st fa­col­ta­ti­vo pri­ma dell’ini­zio del­la scuo­la (Sar­to­ri)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.