A Za­ia 3 vo­ti su 4 e la sua li­sta stac­ca quel­la del par­ti­to

Lo­ren­zo­ni 6 pun­ti sotto il ri­sul­ta­to di Mo­ret­ti

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - DA PRIMA PAGINA - Mar­ti­na Zam­bon

VENEZIA Un­di­ci pun­ti di di­stac­co fra «la li­sta del pre­si­den­te» e quel­la del par­ti­to. Il son­dag­gio di Ip­sos per il Cor­rie­re del­la Se­ra cri­stal­liz­za il der­by, ma so­prat­tut­to le pau­re, in ca­sa Le­ga. Za­ia de­bor­da con un con­sen­so personale al 74%. Sull’al­tro la­to del cam­po di bat­ta­glia, pro­ie­zio­ni gri­gio­ne­re per Lo­ren­zo­ni fer­mo al 16,3%. Di­mez­za­ti i 5s e FI.

VENEZIA Un nuo­vo son­dag­gio, que­sta vol­ta com­mis­sio­na­to dal Cor­rie­re del­la Se­ra a Ip­sos, im­mor­ta­la una for­bi­ce fra la li­sta «uf­fi­cia­le» del­la Le­ga e la li­sta Za­ia di 11 pun­ti per­cen­tua­li ton­di ton­di. Ov­via­men­te a fa­vo­re del­la li­sta del pre­si­den­te. Co­me guar­da­re in fon­do all’abis­so per i sal­vi­nia­ni. Rie­cheg­gia an­co­ra di se­zio­ne in se­zio­ne il secco dik­tat del com­mis­sa­rio Lo­ren­zo Fon­ta­na: si so­sten­ga­no i can­di­da­ti del­la li­sta uf­fi­cia­le. Pa­re che i ti­mo­ri non fos­se­ro in­fon­da­ti. Poi, a vo­ler guar­da­re il bic­chie­re mez­zo pieno... La li­sta Za­ia, dal­le ul­ti­me Re­gio­na­li del 2015, gua­da­gna l’11,2% ma cre­sce an­che la Le­ga (sep­pur «so­lo» del 5,7%). In buo­na so­stan­za, la li­sta Za­ia ar­ri­ve­reb­be al 34,5% stac­can­do net­ta­men­te la Le­ga « fer­ma » al 23,5%. Mo­de­stis­si­ma la per­for­man­ce del­la co­sid­det­ta «ter­za li­sta» di area le­ghi­sta: Li­sta Veneta Au­to­no­mie che rag­gra­nel­la so­lo l’1,2%. Il cen­tro­de­stra, pe­rò, col so­ste­gno in coa­li­zio­ne di Fra­tel­li d’Ita­lia (che pas­sa dal 2,6 all’8,8) di For­za Ita­lia (che fi­ni­reb­be di­mez­za­ta, dal 6 al 3,5%) to­ta­liz­za un bul­ga­ro 71,5%.

Un ple­bi­sci­to che ha un ri­svol­to ama­ris­si­mo per lo sfi­dan­te di cen­tro­si­ni­stra Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni la cui coa­li­zio­ne ar­ri­ve­reb­be al 18,4% ap­pe­na, lui co­me can­di­da­to si fer­me­reb­be al 16,3. Peg­gio di quan­to riu­scì ad Ales­san­dra Mo­ret­ti in versione la­dy­li­ke un lu­stro fa: 22,7%, ol­tre 6 pun­ti sotto. La li­sta di Lo­ren­zo­ni, Il Ve­ne­to che Vo­glia­mo si fer­me­reb­be po­co so­pra lo zero: 0,7%. A col­pi­re mol­to, poi, è un al­tro ca­pi­to­lo del son­dag­gio, quello del­la dop­pia do­man­da su quan­to i 9 aspi­ran­ti go­ver­na­to­ri sia­no co­no­sciu­ti e qual è il lo­ro gra­di­men­to «personale». Se Za­ia è co­no­sciu­to dal 95% de­gli in­ter­vi­sta­ti ( e ap­prez­za­to co­me uscen­te per­si­no dal 45% de­gli elet­to­ri di cen­tro­si­ni­stra), Lo­ren­zo­ni si fer­ma a uno scon­so­lan­te 30%, va an­che peg­gio al vir­tua­le «bronzo» dei 5s, Enrico Cap­pel­let­ti, co­no­sciu­to so­lo dal 15%. Il ter­zo po­sto, quan­to a po­po­la­ri­tà va, in­ve­ce, al­la si­gno­ra che per un mo­ti­vo o per l’al­tro sta agi­tan­do que­sta ano­ma­la cam­pa­gna elet­to­ra­le di fi­ne esta­te: Si­mo­net­ta Ru­bi­na­to che è co­no­sciu­ta per il 22% e gra­di­ta per l’11%. «So­no con­sa­pe­vo­le dello svan­tag­gio di non es­se­re una per­so­na già no­ta, - com­men­ta Lo­ren­zo­ni - è chia­ro che in que­ste set­ti­ma­ne ciò che cer­che­re­mo di fare è far conoscere la mia fi­gu­ra. È un pe­rio­do dif­fi­ci­le fra va­can­ze e vi­rus e, per di più, moltissimi non sanno nep­pu­re che si an­drà a vo­ta­re». Se M5s e la co­stel­la­zio­ne di al­tre li­ste del mon­do am­bien­ta­li­sta e di sinistra, ren­zia­ni in­clu­si, si fos­se­ro uni­ti sotto un so­lo can­di­da­to si par­le­reb­be di 10 pun­ti in più. «Il progetto a cui ho la­vo­ra­to è l’ag­gre­ga­zio­ne, non ha avu­to un suc­ces­so pieno, - ri­le­va Lo­ren­zo­ni - ma il 20 set­tem­bre è il cal­cio di ini­zio. A Pa­laz­zo Fer­ro Fi­ni fa­rò una giun­ta om­bra per mar­ca­re stret­to ogni as­ses­so­re». E Cap­pel­let­ti che ac­cu­sa il Pd di es­se­re un al­lea­to im­pos­si­bi­le in Re­gio­ne per aver fat­to da stam­pel­la al­la Le­ga su tut­to, dal­la Pe­de­mon­ta­na all’in­ce­ne­ri­to­re di Fu­si­na, pas­san­do per la scel­ta de­gli as­ses­so­ri ester­ni «con pol­tro­ne in più per 7 mi­lio­ni» si ar­rab­bia un po’: «Non sanno chi so­no? So­no quello che ha sco­per­chia­to il va­so di Pan­do­ra dei Pfas, il crac del­le po­po­la­ri quando Za­ia le di­fen­de­va... cer­to, io non so­no sta­to il vi­ce di Ga­lan e non ven­go da 140 con­fe­ren­ze stampa quo­ti­dia­ne, sa­rà per que­sto...». Si ral­le­gra pa­rec­chio, in­ve­ce, Ru­bi­na­to: «È un da­to dav­ve­ro in­co­rag­gian­te, so­prat­tut­to per­ché ne­gli ul­ti­mi due an­ni e mez­zo non ho ricoperto al­cun in­ca­ri­co. Ho sem­pli­ce­men­te fat­to la vo­lon­ta­ria del­la po­li­ti­ca, cre­do mi sia ri­co­no­sciu­to l’im­pe­gno sul cam­po per l’au­to­no­mia che non è ap­pan­nag­gio del­la Le­ga con­si­de­ra­to che tre go­ver­ni do­po sia­mo an­co­ra all’an­no zero...».

( Al­tri servizi sul Cor­rie­re del­la Se­ra)

La giun­ta om­bra Lo­ren­zo­ni an­nun­cia una giun­ta om­bra dai ban­chi dell’op­po­si­zio­ne in con­si­glio re­gio­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.