EN­TRA­RE NEL­LA TE­STA DEI BAM­BI­NI

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - DA PRIMA PAGINA - Di Car­lo Sar­tor

Nel di­bat­ti­to sul­la ri­pre­sa del­le at­ti­vi­tà sco­la­sti­che con­cen­tra­to su ma­sche­ri­ne, di­stan­ze tra i ban­chi e con­di­zio­ni di tra­spor­to, sem­bra­no non tro­va­re spa­zio sufficient­e gli in­ter­ro­ga­ti­vi cir­ca le con­se­guen­ze psi­co­lo­gi­che del Co­vid-19 sui mi­no­ri, in par­ti­co­la­re sui bam­bi­ni più pic­co­li. Ora tut­to il mon­do po­li­ti­co si pre­oc­cu­pa che i ra­gaz­zi non per­da­no nem­me­no un’ora di le­zio­ne e sot­to­li­nea che la scuo­la è l’in­ve­sti­men­to sul no­stro fu­tu­ro ma è pur ve­ro che la scuo­la non è so­lo il luo­go in cui si ap­pren­do­no co­no­scen­ze e stru­men­ti di co­no­scen­za. Tra i mu­ri sco­la­sti­ci i ra­gaz­zi im­pa­ra­no a sta­re in­sie­me, a coo­pe­ra­re e a ri­sol­ve­re con­flit­ti, a co­strui­re le­ga­mi di ami­ci­zia, a par­la­re e a in­ter­ro­gar­si su quel­lo che si è e quel­lo che so­no gli al­tri, a fa­re pro­get­ti, im­pa­ra­no a fa­re tut­to que­sto non nell’am­bien­te anar­chi­co del­la stra­da ben­sì in un am­bien­te suf­fi­cien­te­men­te si­cu­ro. Que­sta espe­rien­za di cre­sci­ta è sta­ta dram­ma­ti­ca­men­te in­ter­rot­ta dal co­ro­na­vi­rus e so­lo le fa­mi­glie più do­ta­te han­no po­tu­to fa­ti­co­sa­men­te e co­mun­que so­lo in par­te of­fri­re un’al­ter­na­ti­va ai pro­pri fi­gli. L’iso­la­men­to so­cia­le, le pre­oc­cu­pa­zio­ni per la sa­lu­te pro­pria e dei fa­mi­lia­ri, le dif­fi­col­tà eco­no­mi­che e l’in­cer­tez­za del fu­tu­ro pro­du­co­no an­sia, ti­mo­ri ipo­con­dria­ci e de­pres­sio­ne in cia­scu­no di noi, bam­bi­ni com­pre­si. Ma ciò che fa­rà più dan­no nei mi­no­ri, tan­to più gra­ve quan­to mi­no­re la lo­ro età, sa­rà un’espe­rien­za pro­lun­ga­ta nel tem­po (me­si? an­ni?) di dif­fi­col­tà ad av­vi­ci­nar­si agli al­tri.

Sap­pia­mo da­gli stu­di di psi­co­lo­gia dell’età evo­lu­ti­va, in par­ti­co­la­re dell’in­fant re­sear­ch, che il mo­do, lo sti­le con cui an­che da adul­ti ci po­nia­mo in re­la­zio­ne con gli al­tri si pla­sma nei pri­mis­si­mi an­ni di vi­ta e che ta­le sti­le ten­de a fis­sar­si nel tem­po. Sap­pia­mo inol­tre che ciò che ci ac­ca­de pri­ma di ave­re ac­qui­si­to il lin­guag­gio si in­scri­ve in una for­ma di me­mo­ria che sfug­ge al­la co­scien­za e di­ven­ta ele­men­to co­sti­tu­ti­vo del­la per­so­na­li­tà.

Qua­li con­se­guen­ze avran­no al­lo­ra sui bam­bi­ni più pic­co­li le espe­rien­ze di una vi­ta in­fluen­za­ta dal­la pan­de­mia?

Im­ma­gi­nia­mo un bam­bi­no di tre an­ni li­mi­ta­to nei suoi mo­vi­men­ti all’in­ter­no di un’au­la, con l’edu­ca­tri­ce col vol­to co­per­to dal­la ma­sche­ri­na, met­tia­mo­ci nei pan­ni di un bam­bi­no che non può go­de­re del­le con­sue­te mo­da­li­tà di in­se­ri­men­to ma pas­sa dal­le ma­ni del ge­ni­to­re a quel­le dell’edu­ca­tri­ce sul­la so­glia del­la scuo­la, un bam­bi­no che nel ca­so un com­pa­gno ri­sul­ti po­si­ti­vo al tam­po­ne e la clas­se ven­ga po­sta in iso­la­men­to ve­drà im­prov­vi­sa­men­te in­ter­rom­per­si l’espe­rien­za sco­la­sti­ca in cor­so e spe­gner­si le sue re­la­zio­ni so­cia­li sen­za com­pren­der­ne be­ne il per­ché.

Il bam­bi­no che in quan­to ta­le ha bi­so­gno di es­se­re pro­tet­to e quin­di di ave­re un in­con­tro fi­du­cio­so con l’al­tro, adul­to o coe­ta­neo che sia, at­tual­men­te vie­ne in­vi­ta­to al di­stan­zia­men­to e quin­di vi­ve l’al­tro come una fon­te di mi­nac­cia.

Qua­li sa­ran­no al­lo­ra le sue rap­pre­sen­ta­zio­ni in­con­sce del­le re­la­zio­ni uma­ne? Gli ef­fet­ti non sa­ran­no im­me­dia­ta­men­te vi­si­bi­li ep­pu­re po­tran­no es­se­re per­ma­nen­ti e pro­ba­bil­men­te non tro­ve­ran­no po­sto nel­la con­ta dei dan­ni.

Sa­reb­be im­por­tan­te te­ne­re a men­te que­sti aspet­ti perchè ge­ni­to­ri ed edu­ca­to­ri avran­no bi­so­gno di es­se­re aiu­ta­ti: a pre­sta­re at­ten­zio­ne ai ri­schi che cor­ro­no i mi­no­ri, so­prat­tut­to i più pic­co­li­ni, a tro­va­re nel con­te­sto pan­de­mi­co mo­da­li­tà più ade­gua­te di re­la­zio­ne, di ascol­to, di so­ste­gno.

A tro­va­re le pa­ro­le giu­ste per spie­ga­re an­che a un bim­bo che gli al­tri non so­no pe­ri­co­lo­si né cat­ti­vi in­di­vi­duan­do for­me di­ver­se di vi­ci­nan­za e in­ti­mi­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.