L’in­se­gnan­te e il ri­cor­do del ma­ri­to uc­ci­so dal vi­rus

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - PRIMO PIANO - An­drea Prian­te

VE­NE­ZIA La ve­ne­zia­na Ales­san­dra Vi­sen­tin, 48 an­ni, in­se­gna Ita­lia­no e La­ti­no al li­ceo Ber­to di Mo­glia­no Ve­ne­to. È la mo­glie di Da­vi­de Fri­so­li, il pre­si­de dei li­cei «Be­ne­det­tiTom­ma­seo» di Ve­ne­zia e «Bru­no Fran­chet­ti di Me­stre, uc­ci­so dal co­ro­na­vi­rus ad apri­le. «Non ho mai in­ter­rot­to la di­dat­ti­ca, nep­pu­re nei gior­ni suc­ces­si­vi al­la mor­te di mio ma­ri­to. Il la­vo­ro mi ha aiu­ta­to a man­te­ne­re vi­vo e a ono­ra­re il ri­cor­do di Da­vi­de, che nel­la Scuo­la ha sem­pre cre­du­to. Mi aiu­te­rà an­che da lu­ne­dì», rac­con­ta.

Stu­den­ti e pro­fes­so­ri si ri­tro­ve­ran­no di nuo­vo, fi­nal­men­te, in au­la...

«Non ho pau­ra, se è que­sto che vuo­le sa­pe­re. So­no con­vin­ta che nel­le scuo­le sia sta­to fat­to tut­to il pos­si­bi­le per ga­ran­ti­re una ri­pre­sa in si­cu­rez­za. Ora pe­rò ser­vo­no re­spon­sa­bi­li­tà e im­pe­gno da par­te di tut­ti: in­se­gnan­ti, stu­den­ti e ge­ni­to­ri de­vo­no ri­spet­ta­re le re­go­le. So­lo co­sì si ri­dur­rà al mi­ni­mo il ri­schio di nuo­vi con­ta­gi».

An­che tra i suoi col­le­ghi, c’è chi di­ce sa­reb­be sta­to più si­cu­ro pro­ce­de­re con la di­dat­ti­ca a di­stan­za. Che ne pen­sa?

«La scuo­la non è so­lo no­zio­ni­smo, è so­prat­tut­to fat­ta di re­la­zio­ni uma­ne. I ra­gaz­zi han­no vis­su­to in mo­do dram­ma­ti­co l’al­lon­ta­na­men­to dal­le clas­si. È ora di ri­tro­var­ci».

Chi è Ales­san­dra Vi­sen­tin, 48 an­ni, è do­cen­te di Ita­lia­no e La­ti­no al li­ceo «Giu­sep­pe Ber­to» di Mo­glia­no Ve­ne­to. Suo ma­ri­to Da­vi­de Fri­so­li, pre­si­de in due li­cei di Ve­ne­zia, è mor­to do­po aver con­trat­to il Co­vid

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.