Corriere del Veneto (Venezia e Mestre)

«Fun­zio­ne­rà nes­sun pro­ble­ma per il ven­to»

- Di Al­ber­to Zor­zi Venice

VE­NE­ZIA In­ge­gne­re, emo­zio­na­to? «No, io so­no un ti­po fred­do». Pe­rò se do­ma­ni il Mo­se fun­zio­ne­rà sa­rà la pri­ma vol­ta in cui di­fen­de­rà Ve­ne­zia.

«La pre­go di non usa­re quel “se”. Il Mo­se fun­zio­ne­rà».

Al­ber­to Scot­ti, lei è il pro­get­ti­sta del Mo­se ed è nor­ma­le che di­fen­da la sua ope­ra. Ma c’è chi di­ce il con­tra­rio.

«Il si­ste­ma è com­pli­ca­to per le tan­te com­po­nen­ti da te­ne­re sot­to con­trol­lo. Ma ab­bia­mo già di­mo­stra­to che si al­za».

Pe­rò fi­no­ra l’ave­te fat­to so­lo con ma­re cal­mo. Che co­sa cam­bia con lo sfer­zan­te sci­roc­co pre­vi­sto, che por­te­rà on­de im­por­tan­ti?

«Po­co o nul­la. An­zi so­no con­ten­to che po­tre­mo fi­nal­men­te di­mo­stra­re che il Mo­se si al­za an­che con il mo­to on­do­so e il ven­to. D’al­tra par­te non è che nei te­st ab­bia­mo evi­ta­to le on­de: sem­pli­ce­men­te quan­do li ab­bia­mo fat­ti non ce n’era­no».

Pe­rò se l’on­da spin­ge le pa­ra­to­ie ci met­te­ran­no più tem­po per sol­le­var­si o no?

«In real­tà no, per­lo­me­no a re­gi­me. Il ven­to in­ci­de me­no del­la spor­ci­zia sul­la pa­ra­to­ie, cioè sab­bia e in­cro­sta­zio­ni che le fan­no pe­sa­re di più. Ma il pro­ble­ma si su­pe­ra pom­pan­do più aria all’in­ter­no: fa­cen­do l’esem­pio del mo­to­re, se la pa­ra­to­ia è pu­li­ta ac­ce­le­ro nor­mal­men­te, se è spor­ca de­vo an­da­re “a ta­vo­let­ta"».

Ma gli im­pian­ti non so­no an­co­ra in fa­se di com­ple­ta­men­to?

«In­fat­ti que­sto è l’uni­co pro­ble­ma. Ci po­treb­be es­se­re qual­che in­ghip­po a li­vel­lo im­pian­ti­sti­co o ope­ra­ti­vo, an­che per­ché la pro­ce­du­ra è sta­ta ap­pe­na ap­pro­va­ta e sa­reb­be sta­to me­glio ave­re qual­che pro­va per il ro­dag­gio».

L’ac­qua al­ta pe­rò vi ha co­stret­to ad ac­ce­le­ra­re: che co­sa po­treb­be suc­ce­de­re?

«Ma­ga­ri una bar­rie­ra po­treb­be met­ter­ci un po’ di tem­po in più o una pa­ra­to­ia po­treb­be es­se­re di­sal­li­nea­ta. Co­se da po­co, ma che da fuo­ri pos­so­no sem­bra­re gra­vi e in­fat­ti te­mo che qual­cu­no po­treb­be far­ne una tra­ge­dia».

"Qual­che in­ghip­po po­treb­be es­ser­ci, ma non sa­rà una tra­ge­dia

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy