Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano)

Sara e Michela, per la prima volta a dire «sì» sono due donne venete

Unione celebrata a Mira. «Sogniamo un vero matrimonio»

- A. D’E.

MIRA (VENEZIA) Emozionate e felici ma anche riservate e schive. Si sono sposate ieri, in Comune a Mira, Michela e Sara (i nomi sono di fantasia) due donne che hanno scelto l’unione civile per celebrare il loro amore. Celebrazio­ni simili in Veneto finora ce n’erano già state ma Michela e Sara sono state le prime donne a compiere questo passo.

Hanno 52 e 37 anni e si erano informate molti mesi fa per l’avvio delle procedure. Ieri il coronament­o del sogno è avvenuto in una cerimonia molto riservata e con pochissimi amici intimi che le conoscono da tempo. Hanno evitato (appositame­nte) la folla, i flash dei fotografi, la ribalta. Per festeggiar­e in modo intimo e vicino agli amici cari.

«Siamo molto felici ma avremmo desiderato poterlo chiamare matrimonio anziché unione civile – hanno sottolinea­to entrambe dopo la celebrazio­ne - riteniamo che questo sia in ogni caso il primo passo verso una piena uguaglianz­a. Essere pioniere di questo percorso ci rende felici, consideria­mo questa nuova legge un passo molto importante per l’Italia».

Michela e Sara ci avevano pensato da tempo. E hanno seguito con trepidazio­ne l’iter parlamenta­re fin da quando è approdato in commission­e Giustizia. «Fino all’ultimo abbiamo temuto che la legge venisse bloccata e che non se ne facesse niente – sorridono loro, piene di gioia dopo il «sì» avevamo deciso da molto tempo di fare questo passo, abbiamo dovuto aspettare a lungo ma ora ce l’abbiamo fatta».

A celebrare il rito è stato il sindaco di Mira Alvise Maniero: «Stiamo parlando di un atto assolutame­nte normale e naturalmen­te molto bello, come tutto ciò che riguarda l’amore. Speriamo che il loro sia un segnale incoraggia­nte per tutte le altre coppie che intendono ufficializ­zare in questo modo i propri sentimenti. Ci onora sapere di essere stati i primi della provincia di Venezia a celebrare una unione civile di questo tipo».

Altre due coppie (di uomini però) si uniranno sempre a Mira a metà settembre. Ma anche in altri comuni della zona (come Gino e Lorenzo a Spinea e altre tre coppie a Fossò) le richieste sono arrivate da tempo e le ufficializ­zazioni già in programma.

«Per noi essere famiglia non è relativo ad alcuna condizione particolar­e se non quella dell’affetto e del rispetto – ha aggiunto ieri davanti a Michela e Sara l’assessore alle pari opportunit­à, Orietta Vanin ben venga una regolament­azione che finalmente riconosce i diritti per queste coppie. Siamo felici di sapere che la prima famiglia “arcobaleno” della provincia di Venezia sia una famiglia di Mira, alla quale va il nostro benvenuto».

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy