Fon­ta­na: «Casellati la scel­ta più pro­ba­bi­le»

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Regione Attualità - © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­RO­NA Il pre­lu­dio, ie­ri, con la vi­gnet­ta di Gian­nel­li in cui Di Ma­io e Sal­vi­ni al Vi­ni­ta­ly si met­to­no di spal­le uno con­tro l’al­tro, con un bic­chie­re in ma­no. «Ma nes­su­no dei due vuo­le che l’al­tro glie­la dia a be­re». Il va­ti­ci­nio, al­la pre­sen­ta­zio­ne del suo li­bro, «Un pae­se sen­za lea­der», ie­ri al­la Ban­ca Po­po­la­re di Ve­ro­na, in un dia­lo­go con l’av­vo­ca­to Gua­rien­te Gua­rien­ti. «Do­ma­ni (og­gi per chi leg­ge, ndr) po­treb­be­ro al mas­si­mo in­cro­ciar­si. Ma a quan­to pa­re l’or­di­ne di scu­de­ria per en­tram­bi è di evi­tar­si fi­no a quan­do avran­no qual­co­sa di con­cre­to da di­re».

Lu­cia­no Fon­ta­na, di­ret­to­re del Cor­rie­re del­la Se­ra, ha po­chi dub­bi. Per lui quel­lo che in mol­ti han­no già bat­tez­za­to co­me «il pat­to dell’Ama­ro­ne» non ci sa­rà. Ma la pre­sen­za dei due «aspi­ran­ti lea­der», co­me li de­fi­ni­sce, sa­rà il sug­gel­lo di un Vi­ni­ta­ly che tor­na agli an­ti­chi fa­sti di are­na po­li­ti­ca ol­tre che di fie­ra del vi­no. «Per la ma­ni­fe­sta­zio­ne e an­che per Ve­ro­na ave­re i due can­di­da­ti in mar­cia d’av­vi­ci­na­men­to al­la gui­da del go­ver­no è una co­sa im­por­tan­te...». An­che per un Ve­ne­to che do­po an­ni di la­men­te­le per la man­ca­ta «rap­pre­sen­tan­za» a Roma, in­cas­sa la se­con­da ca­ri­ca del­lo Sta­to, il pre­si­den­te del Se­na­to Eli­sa­bet­ta Al­ber­ti Casellati. Co­lei che per Lu­cia­no Fon­ta­na in­car­na an­che la so­lu­zio­ne più pro­ba­bi­le nel­la for­ma­zio­ne del pros­si­mo ese­cu­ti­vo. «Non so­no si­cu­ro - spie­ga Fon­ta­na che ci sia la pos­si­bi­li­tà di un go­ver­no M5S-cen­tro­de­stra. Se le co­se stan­no co­me so­no Sal­vi­ni do­vreb­be rom­pe­re con Ber­lu­sco­ni, ma non può ri­nun­cia­re a quel­la fet­ta di elet­ti. A me­tà set­ti­ma­na Mat­ta­rel­la pren­de­rà una de­ci­sio­ne. O fa­rà un al­tro gi­ro di con­sul­ta­zio­ni o ab­bat­te­rà i pa­let­ti con l’op­zio­ne più pro­ba­bi­le, quel­la di af­fi­da­re l’in­ca­ri­co pro­prio al­la pre­si­den­te del Se­na­to. Po­treb­be es­se­re una so­lu­zio­ne, vi­sto che non è in­vi­sa ai Cin­que Stel­le che l’han­no vo­ta­ta. In real­tà non si ca­pi­sce se la lo­ro con­tra­rie­tà sia so­lo ver­so Ber­lu­sco­ni o tut­ta For­za Ita­lia».

E il Ve­ne­to, a que­sto punto, non so­lo non sa­reb­be «or­fa­no», ma di­ven­te­reb­be qua­si un «fi­glio pre­di­let­to». «Tor­ne­reb­be pro­ta­go­ni­sta - è l’ana­li­si del di­ret­to­re -. In par­te lo è già, con un go­ver­na­to­re, Lu­ca Za­ia, che do­po l’usci­ta di sce­na di Ma­ro­ni è di­ven­ta­to un punto di ri­fe­ri­men­to per l’as­se del Nord in nome dell’au­to­no­mia. Si ri­pren­de­reb­be la cen­tra­li­tà po­li­ti­ca che da tem­po non ave­va».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.