Mo­le­sta la fi­glia, un bi­del­lo in car­ce­re

È sta­to ar­re­sta­to a Vi­cen­za, do­ve vi­ve e la­vo­ra. Ha abu­sa­to del­la ra­gaz­za per 11 an­ni

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Da Prima Pagina - Cen­tin

Gli agen­ti del­la squa­dra mo­bi­le han­no suo­na­to il cam­pa­nel­lo di ca­sa, a Vi­cen­za, ie­ri mat­ti­na. E po­co do­po i bi­del­lo era in car­ce­re, do­ve do­vrà scon­ta­re i no­ve an­ni e mez­zo di con­dan­na per aver vio­len­ta­to la fi­glia adot­ti­va da quan­do ave­va 6 an­ni fi­no ai 17. Nel 2009 la ra­gaz­za ha avu­to il co­rag­gio di al­lon­ta­nar­si e de­nun­cia­re quell’uo­mo che ora vi­ve a Vi­cen­za e la­vo­ra in una scuo­la del cen­tro. Le mo­le­stie so­no av­ve­nu­te a Pa­ler­mo, do­ve vi­ve­va il bi­del­lo di 41 an­ni.

Con­dan­na de­fi­ni­ti­va L’uo­mo de­ve scon­ta­re 9 an­ni e mez­zo per que­gli abu­si. La vit­ti­ma è ri­ma­sta in Si­ci­lia

Era una bam­bi­na quan­do, la pri­ma vol­ta, quel pa­dre adot­ti­vo si era ar­ro­ga­to il di­rit­to di toc­car­la in mo­do mo­le­sto, di vio­la­re il suo cor­pi­ci­no. E co­sì ha con­ti­nua­to a fa­re tra le mu­ra di ca­sa, a Pa­ler­mo, fi­no a quan­do la pic­co­la è di­ven­ta­ta un’ado­le­scen­te e, no­no­stan­te le mi­nac­ce di mor­te di quell’uo­mo, ha tro­va­to il co­rag­gio di con­fes­sa­re di quel­le ri­pe­tu­te e sca­bro­se vio­len­ze al­la mam­ma. Che ha su­bi­to fat­to scat­ta­re la de­nun­cia. Era il 2009.

Ie­ri il 41en­ne, bi­del­lo in ser­vi­zio in un isti­tu­to com­pren­si­vo del cen­tro di Vi­cen­za - cit­tà in cui si è ri­fat­to una fa­mi­glia – è sta­to ar­re­sta­to dai po­li­ziot­ti del­la squa­dra mo­bi­le e por­ta­to in car­ce­re, do­ve scon­te­rà la pe­na di no­ve an­ni e mez­zo di re­clu­sio­ne. La pe­na, pas­sa­ta at­tra­ver­so i tre gra­di di giu­di­zio, è di­ven­ta­ta in­fat­ti de­fi­ni­ti­va per l’uo­mo ac­cu­sa­to di vio­len­za ses­sua­le plu­riag­gra­va­ta e con­ti­nua­ta, che ha per­so la po­te­stà ge­ni­to­ria­le, an­che ver­so i due bim­bi di po­chi an­ni avu­ti dall’at­tua­le com­pa­gna.

La ra­gaz­zi­na che in più oc­ca­sio­ni, per un­di­ci lun­ghi an­ni, ave­va co­stret­to a su­bi­re le sue vio­len­ze, an­che tap­pan­do­le la boc­ca per­ché non ur­las­se, an­che mi­nac­cian­do­la di mor­te se so­lo aves­se rac­con­ta­to di quan­to ac­ca­de­va tra lo­ro, era sua fi­glia adot­ti­va. La fi­glia che la mo­glie ave­va avu­to da una pre­ce­den­te re­la­zio­ne e che il bi­del­lo ave­va ri­co­no­sciu­to co­me sua. Co­me un og­get­to suo vi­sto che non si era fat­to al­cu­no scru­po­lo ad «usar­la» a suo pia­ci­men­to, da quan­do ave­va sei an­ni fi­no ai di­cias­set­te, dal 1997 al 2008, ma­ni­po­lan­do­la an­che psi­co­lo­gi­ca­men­te con mi­nac­ce di uc­ci­der­la per non far­la par­la­re con nes­su­no di quan­to av­ve­ni­va ogni qual vol­ta ri­ma­ne­va­no so­li in ca­sa.

Un in­cu­bo per la ra­gaz­zi­na (og­gi 27en­ne), che so­lo a di­stan­za di an­ni, esa­spe­ra­ta, in­ca­pa­ce di te­ner­si den­tro quel ter­ri­bi­le se­gre­to, lo ha con­fes­sa­to agli as­si­sten­ti so­cia­li e al­la ma­dre, la qua­le si è pre­sen­ta­ta in que­stu­ra a Pa­ler­mo per de­nun­cia­re e ha poi in­ter­rot­to la re­la­zio­ne con quell’uo­mo, quan­do già lei e la fi­glia si era­no tra­sfe­ri­te con lui a Vi­cen­za per la­vo­ro.

Il col­la­bo­ra­to­re sco­la­sti­co ha sem­pre ne­ga­to su ogni fron­te le pe­san­ti con­te­sta­zio­ni e nel frat­tem­po a Vi­cen­za si era ri­fat­to una vi­ta: una nuo­va com­pa­gna e due fi­gli og­gi di po­chi an­ni. Sem­pre con lo spet­tro del­la con­dan­na che lo se­gui­va, di­ve­nu­ta de­fi­ni­ti­va so­lo do­po che nel 2017 la Cor­te di Cas­sa­zio­ne ha di­chia­ra­to inam­mis­si­bi­le il ri­cor­so pre­sen­ta­to dal suo le­ga­le.

Con le at­tua­li nor­ma­ti­ve se quel­le ter­ri­bi­li vio­len­ze fos­se­ro sta­te con­te­sta­te og­gi il bi­del­lo, an­che se so­lo in­da­ga­to, quin­di an­cor pri­ma di es­se­re con­dan­na­to, sa­reb­be sta­to so­spe­so dal ser­vi­zio a scuo­la. Ma co­sì non è sta­to: il 41en­ne per an­ni ha con­ti­nua­to a la­vo­ra­re a scuo­la, ad ave­re a che fa­re con mi­no­ri, an­che a ca­sa. Al­me­no fi­no a ie­ri mat­ti­na quan­do ha aper­to la por­ta ai po­li­ziot­ti del­la que­stu­ra che ave­va­no ef­fet­tua­to in­da­gi­ni su di lui e che lo han­no ar­re­sta­to. E con la con­dan­na de­fi­ni­ti­va a no­ve an­ni e mez­zo per il bi­del­lo scat­ta an­che l’in­ter­di­zio­ne per­pe­tua dai pub­bli­ci uf­fi­ci e da quel­le strut­tu­re e real­tà fre­quen­ta­te da mi­no­ri: ora tut­te off li­mi­ts.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.