Ad­dio a Gia­iot­ti Qua­rant’an­ni sul pal­co dell’Are­na

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Da Prima Pagina - © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Rac­con­ta il bas­so Fran­ce­sco El­le­ro d’Ar­te­gna, suo ami­co: «Gia­iot­ti è sta­to uno de­gli ul­ti­mi gran­di bas­si dell’Are­na di Ve­ro­na, vo­ce d’al­tri tem­pi, per­fet­ta per l’Are­na co­me tem­pio, an­che te­mu­to, del­la gran­de vo­ca­li­tà. Fuo­ri dai ri­flet­to­ri, inol­tre, ave­va un’uma­ni­tà stre­pi­to­sa». È co­sì che D’Ar­te­gna ri­cor­da Bo­nal­do Gia­iot­ti, friu­la­no co­me lui, ori­gi­na­rio di Zi­rac­co (Udi­ne), mor­to la not­te scor­sa all’età di 85 an­ni fa­cen­do scat­ta­re il lut­to nel mon­do del­la li­ri­ca. «Uno dei più gran­di bas­si di tut­ti i tem­pi», Gia­iot­ti, nel­le pa­ro­le di Ce­ci­lia Ga­sdia, so­vrin­ten­den­te del­la Fon­da­zio­ne Are­na: «Un ar­ti­sta in­ter­na­zio­na­le che ha cal­ca­to as­si­dua­men­te il pal­co­sce­ni­co are­nia­no in­ter­pre­tan­do i prin­ci­pa­li ruo­li del re­per­to­rio li­ri­co per qua­si 40 an­ni, dal 1963 al 2001».

Trac­ce la­scia­te un po’ dap­per­tut­to (ve­di i 26 an­ni al Me­tro­po­li­tan di New York), Gia­iot­ti è sta­to dun­que un in­ter­pre­te di ca­sa, per l’Are­na: «Me­mo­ra­bi­le il suo de­but­to nel ‘63 nel ruo­lo di Ram­fis nel­la sto­ri­ca Ai­da di­ret­ta da Tul­lio Se­ra­fin - si leg­ge­va ie­ri nel­la no­ta di Ga­sdia Qui Gia­iot­ti si è esi­bi­to in ol­tre 50 ope­re, tra cui 22 edi­zio­ni di Ai­da, ol­tre a Na­buc­co, La For­za del De­sti­no e Tu­ran­dot, ed è sta­to pro­ta­go­ni­sta di ti­to­li più ra­ri per il no­stro an­fi­tea­tro co­me Si­mon Boc­ca­ne­gra, Mac­be­th, At­ti­la, La Gio­con­da. Inol­tre è sta­to so­li­sta in nu­me­ro­si con­cer­ti, tra cui il me­mo­ra­bi­le Sta­bat Ma­ter ros­si­nia­no e più vol­te nel­la Mes­sa da Re­quiem di Ver­di».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.