DO­VE I BIM­BI SO­NO LE VIT­TI­ME

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Da Prima Pagina - di Vit­to­rio Fi­lip­pi

La stra­ge de­gli in­no­cen­ti non è so­lo un lon­ta­no (ed in­cer­to) episodio evan­ge­li­co ed Ero­de è pur­trop­po sem­pre pre­sen­te nel­la so­cie­tà at­tua­le, che pu­re af­fer­ma di ama­re i bam­bi­ni co­me mai nel pas­sa­to. A par­te le stra­gi di bam­bi­ni ve­re e pro­prie – ie­ri a Sa­ra­je­vo, og­gi in Si­ria o sui bar­co­ni nel Me­di­ter­ra­neo – esi­ste an­che la real­tà po­co co­no­sciu­ta dei mal­trat­ta­men­ti. Una real­tà por­ta­ta al­la lu­ce dall’ul­ti­mo rap­por­to del Ce­svi in­ti­to­la­to «Li­be­ri tut­ti». Qual­che nu­me­ro: i ser­vi­zi so­cia­li dei Co­mu­ni ita­lia­ni se­guo­no ogni an­no cir­ca 100 mi­la ca­si di bam­bi­ni mal­trat­ta­ti, cioè qua­si un mi­no­re ogni cen­to re­si­den­ti. Tut­ta­via si sti­ma che per ogni ca­so emer­so ce ne sia­no ben no­ve na­sco­sti che non ver­ran­no mai né se­gui­ti né cu­ra­ti. Non so­lo quin­di la real­tà del mal­trat­ta­men­to, del­la tra­scu­ra­tez­za e dell’abu­so dei mi­no­ri (so­no ben 25 mi­la i si­ti pe­do­por­no­gra­fi­ci) è mol­to più va­sta di quan­to si pen­si, ma ri­man­da a fa­mi­glie vio­len­te, a re­la­zio­ni de­gra­da­te e ad adul­ti che si por­ta­no den­tro le trac­ce psi­chi­che di ciò che han­no su­bi­to nel buio del­la lo­ro in­fan­zia. Il Ce­svi nel suo rap­por­to fa una let­tu­ra sta­ti­sti­ca del con­te­sto del­le va­rie re­gio­ni ita­lia­ne ri­spet­to ai fat­to­ri di ri­schio che vie­ne poi con­fron­ta­ta con la let­tu­ra dei ser­vi­zi che i ter­ri­to­ri han­no svi­lup­pa­to per la pre­ven­zio­ne ed il con­tra­sto del mal­trat­ta­men­to. Il con­fron­to tra l’in­di­ce di con­te­sto e quel­lo re­la­ti­vo al­le po­li­ti­che e ai ser­vi­zi per­met­te di crea­re un in­di­ce del­le re­gio­ni.

Re­gio­ni che pre­sen­ta­no con­di­zio­ni mi­glio­ri o peg­gio­ri ri­spet­to al­la vul­ne­ra­bi­li­tà al mal­trat­ta­men­to dei bam­bi­ni e la ca­pa­ci­tà o sen­si­bi­li­tà del­le am­mi­ni­stra­zio­ni lo­ca­li di pre­ve­ni­re e con­tra­star­la at­tra­ver­so po­li­ti­che e ser­vi­zi. An­co­ra una vol­ta emer­ge l’Ita­lia fin trop­po ete­ro­ge­nea di sem­pre, do­ve la di­vi­sio­ne non è pe­rò tra il so­li­to nord ed il so­li­to sud, ma tra un so­lo nor­de­st to­tal­men­te vir­tuo­so che ve­de ec­cel­le­re (nell’or­di­ne) Emi­lia, Ve­ne­to, Friu­li e Tren­ti­no ed un sud in cui bril­la­no – in ne­ga­ti­vo pur­trop­po – Pu­glia, Si­ci­lia, Ca­la­bria e so­prat­tut­to Cam­pa­nia. Una Cam­pa­nia di cui è no­to­ria­men­te pa­ra­dig­ma­ti­ca la si­tua­zio­ne dei co­sid­det­ti ra­gaz­zi di Scam­pia. Co­me si è det­to la pri­ma po­si­zio­ne è ap­pan­nag­gio dell’Emi­lia spe­cie per quan­to ri­guar­da il si­ste­ma dei ser­vi­zi de­di­ca­ti al­la ca­pa­ci­tà di cu­ra e di la­vo­ra­re, del Friu­li per la ca­pa­ci­tà di ac­ce­de­re al­le ri­sor­se e del Tren­ti­no per la ca­pa­ci­tà di ac­qui­si­re co­no­scen­za e sa­pe­re; il Ve­ne­to, pur es­sen­do se­con­do nel­la clas­si­fi­ca ge­ne­ra­le, non è pri­mo in nes­su­na ca­pa­ci­tà ma il suo ot­ti­mo po­si­zio­na­men­to è da­to co­mun­que da un buon equi­li­brio com­ples­si­vo su tut­ti gli aspet­ti pre­si in con­si­de­ra­zio­ne dal­la ri­cer­ca.Se si pen­sa che un mi­no­re ri­schia mag­gio­ri mal­trat­ta­men­ti in fa­mi­glie con ele­va­ti li­vel­li di po­ver­tà, bas­si li­vel­li di istru­zio­ne, al­to con­su­mo di al­col e di dro­ghe da par­te dei ge­ni­to­ri, si­tua­zio­ni di di­soc­cu­pa­zio­ne, in­ca­pa­ci­tà dei ser­vi­zi di pre­ve­ni­re ed agi­re, al­lo­ra si può di­re che le quat­tro re­gio­ni del nor­de­st han­no evi­den­te­men­te un tes­su­to so­cia­le con un buon gra­do di te­nu­ta com­ples­si­va.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.