So­nia: «L’Isis? Non è quel­lo che so­gna­vo Fa­te­mi tor­na­re»

Ab­bia­mo in­con­tra­to a Raqqa la 21en­ne spa­ri­ta nel 2014. Ha due fi­gli e il ni­qab: «Mio ma­ri­to uc­ci­so dai dro­ni Usa»

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Da Prima Pagina - di Ivan Groz­ny Com­pas­so

«Se po­tes­si tor­na­re in­die­tro non lo so che scel­ta fa­rei. Og­gi ho due fi­gli, de­vo pen­sa­re a lo­ro, al lo­ro fu­tu­ro. Vor­rei tor­na­re a ca­sa mia ma non lo so se sa­rà mai pos­si­bi­le». Lo di­ce So­nia Khe­d­hi­ri, la gio­va­ne fug­gi­ta nel 2014 dal Tre­vi­gia­no per rag­giun­ge­re l’Isis.

«Se po­tes­si tor­na­re in­die­tro non lo so che scel­ta fa­rei. Og­gi ho due fi­gli, de­vo pen­sa­re a lo­ro, al lo­ro fu­tu­ro. Vor­rei tor­na­re a ca­sa mia ma non lo so se sa­rà mai pos­si­bi­le».

Lo di­ce con un to­no che non è pro­prio con­vin­cen­te, So­nia, ma lo ri­ba­di­sce più vol­te. Og­gi ha ven­tu­no an­ni e due fi­gli. La sua sto­ria è sta­ta og­get­to di in­chie­ste e ha fat­to mol­to scal­po­re quan­do si ven­ne a co­no­scen­za del­la sua ade­sio­ne a Isis. Il suo ac­cen­to tra­di­sce, an­co­ra og­gi, le ori­gi­ni ve­ne­te. I ge­ni­to­ri so­no in­fat­ti ori­gi­na­ri del­la Tu­ni­sia ma So­nia è cre­sciu­ta a Fon­te, pic­co­lo pae­se del­la Mar­ca tre­vi­gia­na do­ve i suoi si so­no tra­sfe­ri­ti cir­ca trent’an­ni fa. In­sie­me a lei ci so­no an­che al­tre don­ne che han­no spo­sa­to guer­ri­glie­ri Dae­sh, tut­ti pro­ve­nien­ti dall’Eu­ro­pa. So­nia è l’uni­ca che in­dos­sa il bur­qa, pe­rò.

Si tro­va a Ein His­sa, un cam­po pro­fu­ghi che di­sta me­no di un cen­ti­na­io di chi­lo­me­tri da Raqqa. Il cam­po ospi­ta due­cen­to­mi­la sfol­la­ti, po­co di­stan­te c’è un set­to­re do­ve ci so­no al­tre don­ne, cir­ca un cen­ti­na­io, che han­no spo­sa­to guer­ri­glie­ri dell’Isis che so­no poi sta­ti uc­ci­si o cat­tu­ra­ti. Raqqa era, in­sie­me a Man­bij, una del­le cit­tà roc­ca­for­te di Isis: gli uo­mi­ni del Ca­lif­fa­to l’han­no con­trol­la­ta fi­no a ot­to­bre del 2017, og­gi è qua­si com­ple­ta­men­te ra­sa al suo­lo. Ci vi­ve­va­no un mi­lio­ne e mez­zo di per­so­ne, ne so­no ri­ma­ste po­co più di cen­to­qua­ran­ta­mi­la. Sac­che di re­si­sten­za del­lo Sta­to Isla­mi­co so­no co­mun­que an­co­ra pre­sen­ti in cit­tà, ci so­no sta­ti due at­ten­ta­ti san­gui­no­si so­lo nell’ul­ti­ma set­ti­ma­na.

Lo sce­na­rio che ci si tro­va di fron­te nel per­cor­re­re le po­che stra­de si­cu­re è apo­ca­lit­ti­co. Dae­sh pri­ma di ri­ti­rar­si ha an­che mi­na­to al­cu­ni quar­tie­ri, ren­den­do inac­ces­si­bi­li in­te­re fet­te di cit­tà e con­dan­nan­do a mor­te chi ha vo­lu­to an­che so­lo av­vi­ci­nar­si al­la pro­pria ca­sa, o a quel che ne ri­ma­ne. La mag­gior par­te dei pon­ti so­pra l’Eu­fra­te so­no sta­ti ab­bat­tu­ti e l’uni­co mo­do per an­da­re da una par­te all’al­tra del fiu­me è uti­liz­za­re del­le zat­te­re.

È an­co­ra mol­to ri­schio­so per­cor­re­re le stra­de di Raqqa, le pre­cau­zio­ni non so­no mai trop­pe e non sem­pre ba­sta­no. «All’ini­zio – rac­con­ta So­nia - a Raqqa non usci­vo nep­pu­re di ca­sa, mi oc­cu­pa­vo so­lo del­le fac­cen­de do­me­sti­che. Per me quin­di sem­bra­va tut­to nor­ma­le. So­lo poi, quan­do ho co­min­cia­to a usci­re, mi so­no re­sa con­to che uc­ci­de­va­no dav­ve­ro tan­ta gen­te. Ma non ho mai as­si­sti­to di­ret­ta­men­te a del­le ese­cu­zio­ni. Una vol­ta pe­rò, ero al mer­ca­to, al suk, lì ho vi­sto un uo­mo ap­pe­so. Si usa­va co­sì: la­sciar­li espo­sti per tre gior­ni, i mor­ti, in mo­do che li po­tes­se­ro ve­de­re tut­ti. È sta­ta la pri­ma vol­ta. Co­mun­que, se la do­man­da è se dav­ve­ro ac­ca­de­va quel­lo che si ve­de nei vi­deo che Isis pro­pa­gan­da­va nel web, la ri­spo­sta è sì: era tut­to ve­ro».

So­nia non tra­di­sce gran­di emo­zio­ni men­tre rac­con­ta e an­zi dà l’im­pres­sio­ne di mi­su­ra­re le pa­ro­le. «Mi so­no spo­sa­ta in Tur­chia e poi sia­mo en­tra­ti in Si­ria. Era il 2015. Sia­mo en­tra­ti con un pas­seur (traf­fi­can­te di uo­mi­ni, ndr) che da Ga­zian­tep ci ha con­dot­ti fi­no al con­fi­ne con la Si­ria».

Non è un ca­so che sia par­ti­ta pro­prio da Ga­zian­tep, cit­tà del sud del­la Tur­chia do­ve so­no mol­ti i so­ste­ni­to­ri di Isis. La cit­tà è no­ta per­ché quan­do ci fu l’at­tac­co al Ba­ta­clan, do­ve per­se la vi­ta an­che la stu­den­tes­sa ve­ne­zia­na Valeria So­le­sin, in mol­ti in-

Com’era e com’è og­gi So­pra, So­nia Khe­d­hi­ri fo­to­gra­fa­ta a Ein His­sa, un cam­po pro­fu­ghi che di­sta me­no di 100 chi­lo­me­tri da Raqqa. A si­ni­stra, com’era nel 2014

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.