Bli­tz del Fa­mi­la a Na­po­li Di­fe­sa, cam­bi e rim­bal­zi fan­no la dif­fe­ren­za

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - SPORT - di Di­mi­tri Ca­nel­lo

Se­ra­ta da emo­zio­ni for­ti, non c’è che di­re. Al­la fi­ne la sen­ten­za gra­ni­ti­ca di­ce 72-67, con un bli­tz in tra­sfer­ta di Schio a Na­po­li che rap­pre­sen­ta for­se la svol­ta del­la sta­gio­ne. Per­ché ar­ri­va do­po tre scon­fit­te in Eu­ro­pa e una (pe­san­te) in cam­pio­na­to. Per­ché è co­me aver scon­fit­to il pas­sa­to re­cen­te.

Da una par­te Lau­ra Mac­chi, Ka­trin Ress e Mar­zia Ta­glia­men­to, che non è il Fa­mi­la 2018-2019 ben­sì una fet­ta di scu­det­to che non c’è più e che si ma­te­ria­liz­za, in­ve­ce, dall’al­tra par­te del par­quet. Con la ma­glia del Di­ke Na­po­li, una squa­dra che cre­sce e una so­cie­tà che vuo­le fa­re le co­se in gran­de.

Per far­lo ha at­tin­to ab­bon­dan­te­men­te al ser­ba­to­io del­le cam­pio­nes­se d’Ita­lia in ca­ri­ca, ag­giun­gen­do al­tre tre pe­di­ne a un’al­tra ex di vec­chia da­ta (Chia­ra Pa­sto­re). Il tut­to men­tre, nel frat­tem­po, Schio ha voltato pa­gi­na. Non sen­za qual­che dif­fi­col­tà, co­me di­mo­stra­to dai tre ko in Eu­ro­lea­gue e dal­lo sci­vo­lo­ne in­ter­no con­tro Ve­ne­zia.

Sul par­quet si gio­ca e non man­ca­no i col­pi du­ri, fra vec­chie e nuo­ve com­pa­gne di squa­dra. Schio re­sta sem­pre una span­na avan­ti, di po­co ma la dif­fe­ren­za sul par­quet c’è. Co­min­cia be­ne e va su­bi­to avan­ti, chiu­de il pri­mo tem­po con un mar­gi­ne esi­guo (tre pun­ti sul 36-39), poi do­mi­na la sce­na a rim­bal­zo (La­ven­der de­va­stan­te, quan­do ser­ve c’è sem­pre) e si por­ta a ca­sa l’in­te­ra po­sta in pa­lio.

Dif­fe­ren­za che c’è e si ve­de. E che si acui­sce con il pas­sa­re dei mi­nu­ti, so­prat­tut­to nell’ul­ti­mo quar­to quan­do le li­mi­ta­te ro­ta­zio­ni a di­spo­si­zio­ne di Ni­no Mo­li­no lo pri­va­no di al­cu­ni ri­fe­ri­men­ti. C’è pu­re l’or­go­glio fi­na­le di Mac­chi, che gio­ca una par­ti­ta al­la vec­chia ma­nie­ra, se­gnan­do 21 pun­ti e di­mo­stran­do di non es­se­re an­co­ra da pen­sio­na­re. Ma Schio vin­ce a rim­bal­zo (48 di squa­dra, 10 del­la so­la La­ven­der), di­fen­de be­ne e con­ce­de quan­to ba­sta.

Al­la fi­ne il suc­ces­so, che ma­tu­ra an­che sen­za Fran­ce­sca Dot­to (ai box per in­for­tu­nio) è di quel­li da cu­sto­di­re ge­lo­sa­men­te nel for­zie­re di fa­mi­glia.

Ora la pau­sa per gli im­pe­gni del­la Na­zio­na­le mag­gio­re. Si tor­ne­rà sul par­quet do­me­ni­ca 25 no­vem­bre al Pa­laRo­ma­re con­tro Luc­ca. Un al­tro big mat­ch, con due set­ti­ma­ne di la­vo­ro sul­le gam­be in più. Per l’Eu­ro­lea­gue, do­ve ci so­no da can­cel­la­re tre scon­fit­te nel­le pri­me tre usci­te con­tro Ca­stors Brai­ne, Pra­ga e Vil­le­neu­ve d’Ascq, l’ap­pun­ta­men­to è per la fi­ne del me­se, gio­ve­dì 29 no­vem­bre, sem­pre al Pa­laRo­ma­re per Be­ret­ta Schio – Bour­ges. Par­ti­ta al­la por­ta­ta in cui non si può più sba­glia­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.