Il prof e la stu­den­tes­sa co­min­cia­to il pro­ces­so «Era­va­mo in­na­mo­ra­ti»

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - DA PRIMA PAGINA - Po­le­se

PADOVA Un rap­por­to na­to fra i ban­chi di scuo­la. Ma i pro­ta­go­ni­sti so­no un prof di 35 an­ni, Mi­che­le C., e una stu­den­tes­sa di 16. Una re­la­zio­ne che - do­po la se­gna­la­zio­ne al­la pre­si­de - è sta­ta de­nun­cia­ta, por­tan­do a pro­ces­so l’in­se­gnan­te. Ma lo­ro: «Era­va­mo in­na­mo­ra­ti».

De­fi­ni­re il pe­ri­me­tro PADOVA tra giu­sto e sba­glia­to in amo­re è sem­pre dif­fi­ci­le, ed è pra­ti­ca­men­te im­pos­si­bi­le far­lo da ado­le­scen­ti, quan­do l’am­mi­ra­zio­ne, l’in­fa­tua­zio­ne e il bi­so­gno di con­fer­me si me­sco­la­no crean­do spes­so mix pe­ri­co­lo­si. Un fat­to di que­sto ti­po è fi­ni­to da­van­ti al tribunale col­le­gia­le di Padova, do­ve mar­te­dì scor­so si è te­nu­ta la pri­ma udien­za di un pro­ces­so che ve­de im­pu­ta­to Mi­che­le C., pro­fes­so­re di Ar­te in un li­ceo dell’Al­ta Pa­do­va­na, che nel 2015 ave­va in­trec­cia­to una re­la­zio­ne con una ra­gaz­za che fre­quen­ta­va la ter­za clas­se nel­lo stes­so isti­tu­to.

La stu­den­tes­sa non si è co­sti­tui­ta par­te ci­vi­le: per lei quel­lo era amo­re, non ha vo­lu­to de­nun­ciar­lo. Le leg­gi de­gli uo­mi­ni so­no pe­rò di­ver­se dal­le leg­gi del cuo­re, e per il co­di­ce pe­na­le quel­la storia è il­le­git­ti­ma: la ra­gaz­za ave­va 16 an­ni quan­do la storia d’amo­re, e di ses­so, è ini­zia­ta, il suo pro­fes­so­re in­ve­ce ne ave­va 35, un gio­va­ne uo­mo che avreb­be do­vu­to sa­pe­re, que­sto di­ce la leg­ge, che una mi­no­ren­ne non è in gra­do di ge­sti­re au­to­no­ma­men­te il pro­prio cor­po, e che avreb­be do­vu­to ri­fiu­ta­re le avan­ce di una pre­ten­den­te co­sì gio­va­ne per la qua­le lui ave­va un ruo­lo edu­ca­ti­vo.

Il pro­fes­so­re, di­fe­so dall’av­vo­ca­to An­na Ma­ria Bel­tra­me, si giu­sti­fi­che­rà in au­la di­cen­do che lui non ha ap­pro­fit­ta­to del suo ruo­lo di in­se­gnan­te per car­pi­re e ma­ni­po­la­re l’af­fet­to del­la ra­gaz­za, tan­to che non era nep­pu­re suo di­ret­to edu­ca­to­re, vi­sto che la ra­gaz­za era in una se­zio­ne di­ver­sa da quel­le as­se­gna­te­gli. Pa­re che i due si fos­se­ro co­no­sciu­ti fuori dal con­te­sto sco­la­sti­co e che il prof non fos­se a co­no­scen­za, il gior­no del pri­mo in­con­tro, che la ra­gaz­za era al­le­va nel­la stes­sa scuo­la in cui lui in­se­gna­va. Non vi era pe­rò il dub­bio che lei fos­se mi­no­ren­ne, tut­ta­via il gio­va­ne prof ha de­ci­so ugual­men­te di av­via­re una re­la­zio­ne du­ra­ta cir­ca un anno. Le chiac­chie­re, pe­rò, cor­ro­no ve­lo­ci e il gos­sip è giun­to an­che alle orec­chie del­la pre­si­de, che ha se­gna­la­to tut­to ai ca­ra­bi­nie­ri.

Sen­ti­ti se­pa­ra­ta­men­te, i due han­no con­fes­sa­to due di­ver­se ve­ri­tà: il pro­fes­so­re ha am­mes­so la re­la­zio­ne so­ste­nen­do di non aver mai co­stret­to la ra­gaz­za a fa­re nul­la che non vo­les­se an­che lei. La gio­va­ne, po­co più che ado­le­scen­te, ha in­ve­ce con­fes­sa­to di aver fat­to ses­so con il prof per­ché in­na­mo­ra­ta. La de­nun­cia è giun­ta sul ta­vo­lo del pm Gior­gio Fal­co­ne, che ha in­da­ga­to il pro­fes­sor Mi­che­le C. che, ora, si tro­va a pro­ces­so con l’ac­cu­sa di vio­len­za su mi­no­re. Og­get­to del dibattimento so­no pro­prio la li­ber­tà e la gio­va­ne età del­la ra­gaz­za e il ruo­lo dell’adul­to, in que­sto ca­so un gio­va­ne edu­ca­to­re.

Quan­to può es­se­re li­be­ra una 16en­ne di «fa­re del pro­prio cor­po quel­lo che vuole», senza pa­ga­re all’adul­to un pe­gno di in­con­sa­pe­vo­lez­za do­vu­ta al­la sua età? Sa­rà lei stes­sa a rac­con­ta­re la sua ve­ri­tà: ad ot­to­bre sa­li­rà sul ban­co dei te­sti­mo­ni e rac­con­te­rà di quell’amo­re e di co­me ricorda tut­ta quel­la li­ber­tà og­gi, che di an­ni ne ha 19.

” Non ho ap­pro­fit­ta­to del ruo­lo, ab­bia­mo fat­to tut­to so­lo per sen­ti­men­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.