Sil­via, la bo­xe ha una re­gi­na «Vi rac­con­to i pu­gni eu­ro­pei»

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - REGIONE ATTUALITÀ - An­drea Pi­sto­re

PA­DO­VA L’in­for­tu­nio che set­te an­ni fa le ave­va ma­ciul­la­to un gi­noc­chio in un cam­po da bea­ch vol­ley po­te­va scri­ve­re la pa­ro­la fi­ne sul­la sua car­rie­ra. In­ve­ce da quell’epi­so­dio la vi­ta spor­ti­va di Sil­via Bor­tot ha tro­va­to nuo­va lin­fa che l’ha por­ta­ta ve­ner­dì se­ra a di­ven­ta­re cam­pio­nes­sa d’Eu­ro­pa dei pe­si su­per­leg­ge­ri di bo­xe.

Per la pri­ma vol­ta un’ita­lia­na si è pre­sa la cin­tu­ra dei 64 chi­li. Un even­to im­pre­zio­si­to dal fat­to che la 34en­ne tre­vi­gia­na ha con­qui­sta­to il ring fran­ce­se di Gym­na­sie de Royal­lieu a Com­pie­gne scon­fig­gen­do la tran­sal­pi­na Ma­rieHé­lè­ne Mé­ron. Un in­con­tro do­mi­na­to quel­lo dell’atle­ta che abi­ta ad Aba­no, che è cre­sciu­ta al­la Pa­do­va Ring e che ogni gior­no rag­giun­ge San Bo­ni­fa­cio nel ve­ro­ne­se do­ve la­vo­ra co­me gra­fi­ca. Bor­tot nel pri­mo round ha man­da­to su­bi­to al tap­pe­to l’av­ver­sa­ria con un de­stro e ha co­strui­to il suo trion­fo all’ini­zio del­la quar­ta ri­pre­sa con una can­no­na­ta che ha man­da­to ko la fran­ce­se. «An­co­ra non ci cre­do - rac­con­ta la bo­xeur ve­ne­ta all’in­do­ma­ni di un so­gno co­strui­to nel tem­po e con la vo­ce ro­ca per i fe­steg­gia­men­ti - que­sta vit­to­ria è ar­ri­va­ta do­po un lun­go pe­rio­do di al­le­na­men­to ed è sta­ta co­strui­ta con tut­to il team». La tren­ta­quat­tren­ne due an­ni fa ha scel­to di fa­re il gran­de sal­to tra i pro­fes­sio­ni­sti: «Ho fat­to 63 in­con­tri tra i di­let­tan­ti, nel 2016 so­no pas­sa­ta tra i pro­fes­sio­ni­sti e ades­so ho uno sco­re di cin­que vit­to­rie e un pa­reg­gio. Di fat­to so­no im­bat­tu­ta. La cin­tu­ra è pre­sti­gio­sa e vin­cer­la fuo­ri ca­sa dà an­co­ra più lu­stro. Cam­bia tut­to quan­do non sei da­van­ti ai tuoi ti­fo­si». Gli sport da com­bat­ti­men­to so­no sem­pre sta­ti la sua pas­sio­ne in un am­bien­te che i cli­ché vo­glio­no pret­ta­men­te ma­schi­le: «A 18 an­ni mi so­no av­vi­ci­na­ta al­la Kick Bo­xe e al­la Thai per di­ma­gri­re. Ero cic­ciot­tel­la e ho sco­per­to que­sta gran­de pas­sio­ne il­lu­mi­na­ta da Van Dam­me e Bru­ce Lee. Ho im­pa­ra­to la de­di­zio­ne al com­bat­ti­men­to. Poi è ar­ri­va­to l’in­for­tu­nio al gi­noc­chio. Una per­so­na pen­sa di far­si ma­le sul ring e in­ve­ce è ca­pi­ta­to lun­go una spiag­gia. Mi so­no do­vu­ta fer­ma­re e quan­do so­no gua­ri­ta ho sco­per­to la bo­xe. All’ini­zio mi di­ce­va­no che avrei usa­to me­no le gam­be, in real­tà so­no fon­da­men­ta­li. La fem­mi­ni­li­tà? La puoi ve­sti­re sul ring co­me ovun­que e io mi sen­to bel­la quan­do com­bat­to».

Una ve­ne­ta a tut­to ton­do la Bor­tot: tre­vi­gia­na d’ori­gi­ne, di Mot­ta di Li­ven­za, ha ti­ra­to i pri­mi pu­gni a Me­stre, si è for­ma­ta nel Pa­do­va­no ed è esplo­sa al­la Ve­ro­na Bo­xing Fight di Lu­ca Te­sca­ro­li che è an­che il suo coa­ch. «Mi ha se­gui­to nel pas­sag­gio ai pro­fes­sio­ni­sti. E’ sta­to uno dei po­chi a cre­de­re in me. In­sie­me a lui rin­gra­zio Pie­tro Oran­te il cut­man, An­drea Via­nel­lo il men­tal coa­ch e Mas­si­mo Bro­gna­ra il ma­na­ger. In Ita­lia la bo­xe non è an­co­ra esplo­sa. Si vi­ve di sa­cri­fi­ci, si gua­da­gna po­co e i pa­laz­zet­ti dif­fi­cil­men­te si riem­pio­no. La de­di­ca? In pri­mis a mio pa­dre Si­le­no scom­par­so tan­ti an­ni fa, poi a mia ma­dre e so­prat­tut­to a me stes­sa». Ades­so il so­gno è quel­lo di di­fen­de­re in ca­sa la cin­tu­ra e pun­ta­re al mon­dia­le sen­za di­men­ti­car­si l’im­pe­gno nel so­cia­le: «Mi al­le­no tut­ti i gior­ni per 4 ore, la­vo­ro co­me gra­fi­ca ma una del­le co­se a cui ten­go di più so­no i pro­get­ti sui di­stur­bi ali­men­ta­ri che ho vis­su­to in pri­ma per­so­na e quel­li con­tro la vio­len­za di ge­ne­re, il bul­li­smo e a fa­vo­re dei ma­la­ti on­co­lo­gi­ci».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.