Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano)

An­to­nel­lo: «So­cie­tà ipo­cri­ta ti la­scia da so­lo»

Con il fi­glio An­drea ha crea­to una fon­da­zio­ne

- Di Mi­che­la Ni­co­lus­si Mo­ro

VE­NE­ZIA Fran­co An­to­nel­lo la co­no­sce «Ca­sa Se­ba­stia­no».

È una del­le 72 as­so­cia­zio­ni ita­lia­ne a cui fi­nan­zia pro­get­ti de­di­ca­ti con la sua im­pre­sa so­cia­le «I bam­bi­ni del­le fa­te», fon­da­ta nel 2005 a Ca­stel­fran­co Ve­ne­to «per so­ste­ne­re eco­no­mi­ca­men­te per­cor­si di in­clu­sio­ne a be­ne­fi­cio di fa­mi­glie con au­ti­smo e al­tre di­sa­bi­li­tà». Fran­co, im­pren­di­to­re, e suo fi­glio An­drea, al qua­le l’au­ti­smo è sta­to dia­gno­sti­ca­to quan­do ave­va 2 an­ni e mez­zo (ora ne ha 25), so­no fa­mo­si. La lo­ro sto­ria è sta­ta nar­ra­ta da Ful­vio Er­vas nel li­bro «Se ti ab­brac­cio non ave­re pau­ra», da cui Ga­brie­le Sal­va­to­res ha trat­to il film di im­mi­nen­te pre­sen­ta­zio­ne al­la Mo­stra del Ci­ne­ma di Ve­ne­zia. Ma an­che lo­ro han­no vis­su­to mo­men­ti mol­to dif­fi­ci­li.

«Pie­na e to­ta­le solidariet­à, an­che se non li co­no­sco, ai ge­ni­to­ri del bim­bo pro­ta­go­ni­sta di una vi­cen­da che può stu­pi­re so­lo gli ipo­cri­ti — di­ce Fran­co An­to­nel­lo —. Noi ri­ce­via­mo fi­no a 30 e-mail al gior­no con se­gna­la­zio­ni del­lo stes­so te­no­re, da par­te di per­so­ne che ci scri­vo­no la lo­ro di­spe­ra­zio­ne. La so­li­tu­di­ne frut­to dell’ab­ban­do­no di una so­cie­tà che non vuo­le ve­de­re. È la quo­ti­dia­ni­tà per que­ste fa­mi­glie. Se non hai un buon li­vel­lo cul­tu­ra­le e con­si­sten­ti ri­sor­se eco­no­mi­che, non ce la puoi fa­re. Nes­su­no ti aiu­ta».

Ci è pas­sa­to an­che lei?

«Io so­no in que­sto mon­do da 15 an­ni. Me li im­ma­gi­no i ge­ni­to­ri del bim­bo di cui par­la tut­ta Ita­lia: sa­ran­no di­strut­ti. Le mam­me in­gri­gi­sco­no pri­ma, i pa­dri sen­to­no so­lo fra­si di cir­co­stan­za da co­no­scen­ti che li com­pa­ti­sco­no. Per for­za non vo­glio­no più il fi­glio, non san­no co­me fa­re. Una si­tua­zio­ne co­mu­ne a 400 mi­la fa­mi­glie ita­lia­ne: un neo­na­to ogni 60 sof­fre di au­ti­smo, per ogni Do­wn ci so­no 12 au­ti­sti­ci. Per mol­ti pa­zien­ti la vi­ta è fat­ta di psi­co­far­ma­ci e cen­tri ina­de­gua­ti, do­ve tra­scor­ro­no lun­ghe ore se­da­ti in una stan­za, per­fi­no le­ga­ti. Ab­ban­do­na­ti e di­men­ti­ca­ti da tut­ti».

Ec­co l’ipo­cri­sia.

«È co­sì. Chi par­la ha mai pro­va­to a sta­re 24 ore con un ra­gaz­zo au­ti­sti­co? Per co­min­cia­re a ve­de­re una so­lu­zio­ne bi­so­gna in­con­tra­re la per­so­na giu­sta, ope­ra­to­ri vo­len­te­ro­si e mal pa­ga­ti e vo­lon­ta­ri bra­vi che pe­rò per vi­ve­re de­vo­no fa­re al­tri la­vo­ri. Nes­sun go­ver­no po­trà mai ri­sol­ve­re il pro­ble­ma se nes­su­no ha mai 10 mi­nu­ti di tem­po per ascol­ta­re que­sti ra­gaz­zi. So­no la­scia­ti nel­la so­li­tu­di­ne più to­ta­le, gli uni­ci ami­ci so­no mam­ma e pa­pà ed è qui che na­sce il pro­ble­ma».

Con «I bam­bi­ni del­le fa­te» che aiu­to da­te?

«Nes­sun con­si­glio nè so­ste­gno psi­co­lo­gi­co, ma sol­di per rea­liz­za­re pro­get­ti. Noi cam­bia­mo le lo­ro vi­te, apren­do­gli la pos­si­bi­li­tà di en­tra­re nel mon­do, di far­ne par­te. Ma­ga­ri le leg­gi per far­lo ci so­no, pe­rò a fi­nan­zia­men­to ze­ro, nes­su­no ti­ra fuo­ri 1 eu­ro».

Che con­tri­bu­to po­treb­be da­re la so­cie­tà?

«Il cam­bia­men­to sta in ognu­no di noi. Se, per esem­pio, il bam­bi­no di cui stia­mo par­lan­do po­tes­se con­ta­re sul­la com­pa­gnia dei vi­ci­ni, dei re­si­den­ti del quar­tie­re, pron­ti a fa­re i tur­ni per te­ner­gli com­pa­gnia an­che so­lo un po­me­rig­gio cia­scu­no al me­se, i ge­ni­to­ri po­treb­be­ro ti­ra­re il fia­to. Il pic­co­lo ini­zie­reb­be il suo in­se­ri­men­to so­cia­le e sa­reb­be ri­sol­to an­che il pro­ble­ma del

do­po di noi. Il dram­ma è che spes­so non si sa co­sa fa­re per­chè non c’è una cu­ra per l’au­ti­smo e nem­me­no una ri­cet­ta per ge­sti­re chi ne sof­fre».

Ci so­no le as­so­cia­zio­ni.

«Sì, ce n’è una qua­si in ogni Co­mu­ne, fon­da­ta dai ge­ni­to­ri per dar­si una ma­no re­ci­pro­ca­men­te, scam­biar­si con­si­gli, espe­rien­ze. Ma non ri­ce­vo­no sol­di dall’am­mi­ni­stra­zio­ne, nè dal­lo Sta­to, non li han­no nem­me­no per la ben­zi­na. La real­tà è que­sta».

Nes­sun aiu­to

Pie­na e to­ta­le solidariet­à, an­che se non li co­no­sco, ai ge­ni­to­ri del bim­bo: sa­ran­no di­strut­ti. Se non hai un buon li­vel­lo cul­tu­ra­le e ri­sor­se eco­no­mi­che, non ce la fai. Nes­su­no ti aiu­ta

Il do­lo­re

Noi ri­ce­via­mo fi­no a 30 e-mail al gior­no con se­gna­la­zio­ni del­lo stes­so te­no­re, le per­so­ne scri­vo­no la lo­ro di­spe­ra­zio­ne. La so­li­tu­di­ne, il sen­so di ab­ban­do­no quo­ti­dia­no

 ??  ?? In­sie­me An­to­nel­lo, Fran­co im­pren­di­to­re nel set­to­re del­la pub­bli­ci­tà, e il fi­glio An­drea, che sof­fre di au­ti­smo Han­no fon­da­to «I bam­bi­ni del­le fa­te»
In­sie­me An­to­nel­lo, Fran­co im­pren­di­to­re nel set­to­re del­la pub­bli­ci­tà, e il fi­glio An­drea, che sof­fre di au­ti­smo Han­no fon­da­to «I bam­bi­ni del­le fa­te»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy