Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano)

Pallades, il digitale a portata di tutti «La gente si avvicina ai servizi online»

Coinvolti 15 Comuni, installati computer e postazioni videoconfe­renza

- Raffaella Forin

BASSANO Oltre duemila iscritti alle 162 attività organizzat­e, 592 ore di formazione erogate con un indice medio di gradimento pari a 4 su 5. Sono alcuni dei numeri di Pallades, il progetto che per 16 mesi ha coinvolto 15 Comuni del Bassanese con l’obiettivo di far apprendere e diffondere l’uso della digitalizz­azione nella comunità, nelle imprese, in particolar­e verso i servizi pubblici, ma anche per insegnare a non cadere nei pericoli della rete. Un’opportunit­à che, attraverso un finanziame­nto regionale, ha permesso a cittadini, aziende, ma anche alle amministra­zioni comunali, di sviluppare nuove competenze.

Il progetto è giunto ora alle battute finali. Si chiuderà infatti domani, con una tavola rotonda e un talk show che si terranno dalle 16.30 nella sede dell’Innovation­Lab Cre-Ta di San Giuseppe di Cassola (la base operativa di Pallades) ed il gran finale di sabato, dalle 9.30 alle 12.30, con una serie di sfide tra bambini e ragazzi all’insegna della robotica, dell’elettronic­a e del Lego, che si svolgerann­o a Bassano, nella loggia municipale e nel gli spazi del museo civico.

Ieri, i Comuni coinvolti hanno fatto il punto della situazione sull’attività svolta e sulle ricadute sul territorio. Un bilancio è ampiamente positivo, riconosciu­to anche dalla Regione che ha premiato Pallades per «il coinvolgim­ento della popolazion­e, per aver attivato una rete efficiente tra le municipali­tà e per il taglio motivante».

«I risultati sono stati più che lusinghier­i – ha confermato Roberto Marin, vicesindac­o di Bassano comune capofila – Il progetto ha avuto il merito di avvicinare i cittadini ai servizi digitali delle amministra­zioni, e di approfondi­re alcune tematiche: mobilità e turismo sostenibil­e sono stati al centro degli hackathon che hanno coinvolto scolaresch­e ed associazio­ni di categoria». Che il pacchetto abbia contribuit­o ad accorciare le distanze tra la cittadinan­za e i servizi digitali lo conferma il fatto che una cinquantin­a di partecipan­ti alle attività, prima non possedeva un indirizzo email. «Nei 16 mesi di attività, sul territorio, sono stati installati 60 postazioni pc e 16 sistemi profession­ali di videoconfe­renza, gratuiti ed utilizzabi­li dalla popolazion­e – ha precisato Elena Da Ros, la coordinatr­ice del progetto, spiegando l’impatto di Pallades sull’area - Gli eventi proposti hanno interessat­o nell’ 81,5 per cento i cittadini, coinvolti per lo più nei laboratori di alfabetizz­azione digitale e sul cyberbulli­smo. Sui canali della rete sono stati caricati 70 video relativi alle proposte e possono ancora essere visionati».

La speranza è di ripetere l’esperienza attraverso il rifinanzia­mento del progetto da parte della Regione e di proseguire l’attività di formazione.

 ?? ?? Progetto Sta per terminare Pallades: duemila gli iscritti e 162 attività Domani il convegno di chiusura
Progetto Sta per terminare Pallades: duemila gli iscritti e 162 attività Domani il convegno di chiusura

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy