Corriere dell Umbria

Gub­bio sen­ti l’ex Pa­ler­mo “Qui la stes­sa si­tua­zio­ne”

Il cen­tro­cam­pi­sta del Ra­ven­na: “Quan­do so­no ar­ri­va­to le co­se era­no si­mi­li”

- Di Eu­ro Gril­li

▶ GUB­BIO - "Pri­ma di ogni al­tra co­sa vo­glio chie­de­re scu­sa ai ti­fo­si del Gub­bio. Sa­rei do­vu­to an­da­re a sa­lu­tar­li pri­ma del­la par­ti­ta, ma ero in com­ple­ta tran­ce ago­ni­sti­ca. Spe­ro in un'al­tra oc­ca­sio­ne, ma­ga­ri quan­do tor­no a Gub­bio a tro­va­re gli ami­ci che­ho, e non man­che­rà mo­do di tra­scor­re­re con lo­ro qual­che bel mo­men­to". Si­mo­nePa­ler­mo­do­me­ni­ca se­ra con la ma­glia del Ra­ven­na ha gio­ca­to una gran­de par­ti­ta con­tro il Gub­bio, sfo­de­ran­do a cen­tro­cam­po po­te­re fi­si­co e tec­ni­ca di ca­te­go­ria su­pe­rio­re. È sta­to in­som­ma l'uo­mo in più nel set­to­re ne­vral­gi­co del­la for­ma­zio­ne emi­lia­no-ro­ma­gno­la.

Co­me ha vi­sto la sua ex squa­dra (ha gio­ca­to ne­lGub­bio al­le­na­to­daAn­drea Sot­til24 par­ti­te, se­gnan­do due re­ti in C1 nel­la sta­gio­ne 2012-2013)? "È una squa­dra or­di­na­ta, che cer­ca di gio­ca­re sem­pre al calcio, che non but­ta via mai la pal­la e che cer­ca di co­strui­re an­che da die­tro".

Qua­li i di­fet­ti che ha tro­va­to? "La clas­si­fi­ca in­cer­ta, la ne­ces­si­tà di con­qui­sta­re pun­ti e sal- vez­za con­di­zio­ne­reb­be­ro­qual­sia­si squa­dra, ma­non­per que­sto il Gub­bio non ha le po­ten­zia­li­tà ne­ces­sa­rie per ti­rar­si fuo­ri da que­sta si­tua­zio­ne".

A cen­tro­cam­po sa­reb­be ser­vi- ta un pò più di grin­ta, è d'ac­cor­do?

"Quan­do so­no ar­ri­va­to a Ra­ven­na a gen­na­io ho tro­va­to una­si­tua­zio­ne for­sean­che­peg­gio­re di quel­la che sta vi­ven­do il Gub­bio. Nel­lo spo­glia­to­io ho par­la­to su­bi­to chia­ro: grin­ta, de­ter­mi­na­zio­ne e "cat­ti­ve­ria" ago­ni­sti­ca so­no ar­mi in­di­spen­sa­bi­li per ri­sa­li­re la chi­na. Gio­ca­re di fio­ret­to è bel­lo e fa spet­ta­co­lo, ma ser­ve la cla­va per­com­bat­te­re e per cer­ca­re­di ar­ri­va­re­sem­pre­pri­mi sul­la pal­la. Le­le­zio­si­tà se fi­ni a se stes­se non ser­vo­no a nien­te an­zi". Vuol di­re che al­lo­ra an­che a lei è sem­bra­ta una squa­dra che più che sul piano tec­ni­co de­ve la­vo­ra­re mol­to su quel­lo del­la per­so­na­li­tà?

"Non so­no cer­to io quel­lo che dà giu­di­zi o espri­me sen­ten­ze, ho par­la­to del­la mia espe­rien­za a Ra­ven­na e ri­ba­di­sco che so­pra­tut­to in Serie C grin­ta, de­ter­mi­na­zio­ne, vo­glia­di­com­bat­te­re su tut­ti i pal­lo­ni so­no in­gre­dien­ti in­di­spen­sa­bi­li e più ne hai e me­glio è".

Che par­ti­ta è sta­ta al­lo­ra? "IlGub­bio­co­me­ho­det­to, gio­ca be­ne la pal­la ma la no­stra di­fe­sa è mol­to for­te e su­bi­sce sem­pre po­chi ti­ri in por­ta per cui an­che attaccanti for­tis­si­mi co­meEt­to­reMar­chi e Da­nie­le Baz­zof­fia han­no fat­to fa­ti­ca. Acen­tro­cam­poab­bia­mo­ri­bat­tu­to­col­po su col­po sen­za ce­de­re di un mil­li­me­tro, cer­can­do di ri­con­qui­sta­re il­mag­gior nu­me­ro di pal­lo­ni pos­si­bi­le per ri­par­ti­re cer­can­do di met­te­re i no­stri attaccanti in con­di­zio­ni di far ma­le. La di­fe­sa del Gub­bio è strut­tu­ra­ta e for­te sul­le pal­le al­te, ma noi sta­ti bra­vi a sfrut­ta­re l'oc­ca­sio­ne buo­na". Ades­so il Ra­ven­na so­gna i playoff?

"Ades­so il Ra­ven­na de­ve con­qui­sta­re pun­ti per la sal­vez­za ma sen­za smet­te­re mai di pro­va­re a mi­glio­rar­ci". Gio­ca­to­ri co­me Pa­ler­mo che ci fan­no in Serie C? "Gio­ca­to­ri co­me Mar­chi che ci fan­no in Serie C?". Ma­ga­ri in­sie­me il pros­si­mo an­no po­treb­be­ro fa­re la dif­fe­ren­za in una squa­dra a quel pun­toim­por­tan­te: ope­ra­zio­ne pos­si­bi­le?

"Chi lo sa?". ◀

 ??  ??
 ??  ?? Pun­to di for­za Si­mo­ne Pa­ler­mo lo è del Ra­ven­na che si è ti­ra­to fuo­ri dai guai
Pun­to di for­za Si­mo­ne Pa­ler­mo lo è del Ra­ven­na che si è ti­ra­to fuo­ri dai guai

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy