Corriere dell Umbria

Tat­ti­ca, ma non so­lo Ser­vo­no più in­ten­si­tà e mag­gio­re co­rag­gio

- Di Lu­ca Mer­ca­di­ni

Non è ba­sta­to l’abi­to giu­sto. Il ve­sti­to più in­cli­ne al­le ca­rat­te­ri­sti­che dei gio­ca­to­ri. A Ra­ven­na il Gub­bio di San­drea­ni pur mi­glio­ra­to dal pun­to di vi­sta tat­ti­co (in cam­po con il 3-5-2) non è riu­sci­to a muo­ve­re una clas­si­fi­ca di gior­no in gior­no sem­pre più pre­oc­cu­pan­te.

La­squa­dra­pur ri­schian­do po­chis­si­mo dal­le par­ti­diVol­pe ha su­bi­to il so­li­to gol in si­tua­zio­ni di pal­la inat­ti­va su tra­ver­so­ne ap­pa­ren­te­men­te in­no­cuo e a di­fe­sa schie­ra­ta. Una re­te pa­ga­ta a ca­ro prez­zo per­ché poi il Gub­bio non è riu­sciu­to arie­qui­li­bra­re la­sfi­da. Epro­prio qui èman­ca­ta la squa­dra. Nel­la rea­zio­ne al gol av­ver­sa­rio. Trop­po blan­da pe­run grup­po che de­ve sal­var­si e do­vreb­be ti­ra­re fuo­ri le un­ghie e ag­grap­par­si con tut­te le for­ze agli ul­ti­mi pun­ti in pa­lio per ti­rar­si fuo­ri dai guai. Un ti­ro di Va­la­gus­sa nel primo tem­po, un pa­io di con­clu­sio­ne di Ric­ci e

Jal­lo­w­nel­la ri­pre­sa, tut­te da fuo­ri, tut­te ol­tre lo spec­chio del­la por­ta di­fe­sa dall’ex Ven­tu­ri.

Una pro­du­zio­ne ec­ces­si­va­men­te mo­de­sta con gli attaccanti che han­no po­tu­to in­ci­de­re po­co. Ser­vi­reb­be mol­to di più, a co­min­cia­re da chi­ha­la qua­li­tà per far­lo. Ca­si­ra­ghi do­vreb­be for­ni­re un con­tri­bu­to mag­gio­re ne­gli ul­ti­mi me­tri, cer­can­do di im­bec­ca­re la gio­ca­ta per le pun­te. Va­la­gus­sa ha abi­tua­to tut­ti in pas­sa­to a con­ti­nui in­se­ri­men­ti che an­co­ra non si ve­do­no, Ma­lac­ca­ri ce lo ri­cor­da­va­mo sgrop­pa­re su e giù sul­la fa­scia. Ec­co, pro­ba­bil­men­te, il Gub­bio odier­no sta an­co­ra pa­gan­do gli in­for­tu­ni che han­no ca­rat­te­riz­za­to la sta­gio­ne e an­che l’inat­ti­vi­tà di qual­che ele­men­to in quel­la pas­sa­ta che si ri­flet­te gio­co for­za in una con­di­zio­ne an­co­ra non al top. E in que­sto qua­dro per nul­la idil­lia­co, ci si met­te pu­re la ma­la­sor­te. Sa­ba­to con­tro il Te­ra­mo in un al­tro scon­tro stra­te­gi­co San­drea­ni non avrà Mar­chi che da so­lo ha fir­ma­to la me­tà del­le re­ti ros­so­blù e nem­me­no Dier­na, uno dei tre del­la di­fe­sa stu­dia­ta dall’ex ca­pi­ta­no del Gub­bio. La­scian­do da par­te le con­si­de­ra­zio­ni sui pos­si­bi­li so­sti­tu­ti (pre­ve­di­bi­le il ri­tor­no­diKa­lom­bo, pos­si­bi­le il rein­se­ri­men­to di Cic­co­ne), San­drea­ni avrà il suo buon da far­si nel­la ri­co­stru­zio­ne psi­co­lo­gi­ca di un grup­po che ap­pa­re a dir po­co sfi­du­cia­to, ol­tre che nell’or­ga­niz­za­zio­ne di un la­vo­ro vol­to so­prat­tut­to a ga­ran­ti­re mag­gio­re in­ten­si­tà al­la ma­no­vra e a cor­reg­ge­re gli er­ro­ri di sem­pre. Dal­le di­sat­ten­zio­ni di­fen­si­ve al­la mag­gio­re in­ci­si­vi­tà of­fen­si­va che va ot­te­nu­ta ol­tre che dal­la dop­pia pre­sen­za in area di ri­go­re an­che dal­la ne­ces­si­tà di tro­va­re i giu­sti in­se­ri­men­ti del cen­tro­cam­po e quei mo­vi­men­ti ca­pa­ci di por­ta­re al­la con­clu­sio­ne chi sta da­van­ti. ◀

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy