Or­to­la­ni sen­za pau­ra “Can­na­ra pe­na­liz­za­to ma non mol­lia­mo Non sia­mo ap­pa­ga­ti”

Corriere dell Umbria - - Sport - di Leo­nel­lo Car­lo­ni

▶ CAN­NA­RA - A quat­tro gior­na­te al ter­mi­ne di que­sto straor­di­na­rio cam­pio­na­to di Ec­cel­len­za, so­no ri­ma­ste Su­ba­sio, Ba­stia e Can­na­ra a so­gna­re la serie D. Rac­chiu­se in un faz­zo­let­to di ap­pe­na tre pun­ti, che ve­de bat­ti­stra­da la Su­ba­sio se­gui­ta a ruo­ta dal Ba­stia, a sua vol­ta tal­lo­na­to dal Can­na­ra. Que­st’ul­ti­ma so­cie­tà è si­cu­ra­men­te la me­glio strut­tu­ra­ta co­me di­ri­gen­za, ol­tre a di­spor­re di una va­li­da ro­sa di gio­ca­to­ri. “A me­no di im­pre­vi­sti crol­li l’ob­biet­ti­vo pre­fis­sa­to ad ini­zio sta­gio­ne di di­spu­ta­re i play off, cre­do sia cen­tra­to” ha af­fer­ma­to com­pia­ciu­to Gian­pie­ro Or­to­la­ni, re­spon­sa­bi­le dell’area tec­ni­ca. “Que­sto non vuol di­re - pro­se­gue - che il no­stro am­bien­te si sen­ta già ap­pa­ga­to. An­co­ra aspi­ria­mo a vin­ce­re que­sto cam­pio­na­to e ta­glia­re per pri­mi lo stri­scio­ne del tra­guar­do. Pur­trop­po, non sia­mo sta­ti for­tu­na­ti con le de­ci­sio­ni pre­se dai di­ret­to­ri di ga­ra nei no­stri con­fron­ti nel cor­so del­le sfi­de di Ri­vo­tor­to e Ba­stia. Con un po’ più di at­ten­zio­ne da par­te de­gli ar­bi­tri la no­stra clas­si­fi­ca sa­reb­be sta­ta de­ci­sa­men­te mi­glio­re”. Ma ol­tre al ri­cor­do di que­sti sfor­tu­na­ti epi­so­di, quel­lo che ha crea­to scal­po­re in tut­to l’am­bien­te che cir­con­da il Can­na­ra è sta­to l’at­teg­gia­men­to par­ti­co­lar­men­te of­fen­si­vo, avu­to dall’ar­bi­tro nel cor­so del mat­ch di Ba­stia, ol­tre che nei con­fron­ti dei gio­ca­to­ri in cam­po an­che nel mo­do scor­te­se in cui si è ri­vol­to ver­so il pre­si­den­te Al­ber­to Bor­ghi nel do­po ga­ra. Bor­ghi, che ave­va svol­to an­che la man­sio­ne di di­ri­gen­te ac­com­pa­gna­to­re in pan­chi­na, nel mo­men­to di ri­tor­na­re in pos­ses­so dei do­cu­men­ti dei suoi gio­ca­to­ri, si è sen­ti­to pro­nun­cia­re in fac­cia un pe­ren­to­rio “vat­te­ne!” da par­te dell’ar­bi­tro. Man­can­do di ri­spet­to a un di­ri­gen­te di lun­go cor­so co­me Al­ber­to Bor­ghi, mai an­da­to fuo­ri le ri­ghe. Da­re del “lei” for­se è or­mai usci­to dal vo­ca­bo­la­rio de­gli ar­bi­tri. Al­la ri­pre­sa del­le osti­li­tà, Ge­rar­chi­ni e com­pa­gni ri­ce­ve­ran­no la vi­si­ta del Pon­te­val­le­cep­pi, for­ma­zio­ne in net­ta ri­pre­sa. ◀

Bi­no­mio af­fia­ta­to Gian­pie­ro Or­to­la­ni (nel­la fo­to, a de­stra) in­sie­me al pre­si­den­te Al­ber­to Bor­ghi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.