Ani­ta, una tra i Mil­le

L’au­tri­ce im­ma­gi­na un in­con­tro tra le due don­ne sul Ru­bi­co­ne La mo­glie di Ga­ri­bal­di nel ro­man­zo di Au­ro­ra Can­ti­ni Un’emi­gra­ta di Avia­ti­co le rac­con­ta la vi­ta nel­le fi­lan­de

Corriere della Sera (Bergamo) - - CULTURA & TEMPO LIBERO - Gi­sel­la La­ter­za

1849. In una sper­du­ta can­to­nie­ra sul Ru­bi­co­ne ar­ri­va una don­na, stan­ca, di­strut­ta, con i ca­pel­li ne­ri ta­glia­ti cor­ti. Ini­zia a rac­con­ta­re la sua sto­ria. È Ani­ta Ga­ri­bal­di, mo­glie del «Ge­ne­ra­le». Co­sì ini­zia l’ul­ti­mo li­bro del­la scrit­tri­ce ber­ga­ma­sca Au­ro­ra Can­ti­ni, «Una tra i Mil­le, Ani­ta», in usci­ta ve­ner­dì per Si­le­le Edi­zio­ni.

Sia­mo an­co­ra lon­ta­ni dal 1861 e Ga­ri­bal­di è in fu­ga da Ro­ma, con­qui­sta­ta da na­po­le­ta­ni e fran­ce­si, per av­viar­si a Ve­ne­zia, che an­co­ra re­si­ste agli au­stria­ci. Nel ro­man­zo, sua mo­glie Ani­ta, in at­te­sa di ri­con­giun­ger­si a lui, lo aspet­ta sul Ru­bi­co­ne, luo­go di con­fi­ne do­ve i con­fi­ni si fan­no sfu­ma­ti e sci­vo­la­no via. Luo­go che è tut­ti i luo­ghi evo­ca­ti dal­le pa­ro­le. Il li­bro è in­fat­ti il rac­con­to fat­to dal­la gio­va­ne mo­glie di Ga­ri­bal­di a una don­na di mez­za età, Adal­gi­sa, ser­va al­la can­to­nie­ra. Ani­ta, brasiliana, ha la­scia­to la sua ter­ra per se­gui­re «Lui, il Ge­ne­ra­le». Adal­gi­sa, ori­gi­na­ria di Amo­ra (Avia­ti­co), quan­do ave­va 14 an­ni è sta­ta co­stret­ta ad an­dar­se­ne dal­le val­li ber­ga­ma­sche a cau­sa di una ma­lat­tia ai pol­mo­ni. Quan­to Ani­ta ha cer­ca­to l’av­ven­tu­ra, tan­to Adal­gi­sa cer­ca la quie­te. Ep­pu­re si tro­va­no in­sie­me, nel mo­men­to so­spe­so del­la no­stal­gia.

Ani­ta rie­vo­ca bat­ta­glie e pas­sio­ne, mor­te e amo­re. Il pri­mo in­con­tro con Ga­ri­bal­di, in Bra­si­le, nel 1839, do­po che i ri­vo­lu­zio­na­ri con­qui­sta­ro­no la cit­tà di La­gu­na. Lei, di­cian­no­ven­ne, che era già spo­sa­ta, lo ve­de per la pri­ma vol­ta in chie­sa do­po la li­be­ra­zio­ne del­la cit­tà. Lui la in­con­tra più tar­di sul mo­lo. Le pri­me pa­ro­le che le di­ce so­no: «Tu de­vi es­se­re mia». La­scia il ma­ri­to. E poi le bat­ta­glie, le fu­ghe nel­la not­te e nel bo­sco con il fi­glio di Ga­ri­bal­di ap­pe­na na­to e por­ta­to ap­pres­so. An­che ora, men­tre Ani­ta, stan­ca e feb­bri­ci­tan­te, par­la ad Adal­gi­sa, ha un bim­bo che de­ve na­sce­re.

Se Ani­ta è «Una tra i Mil­le», Adal­gi­sa è una ed è mil­le. Po­treb­be es­se­re una qual­sia­si del­le tan­te don­ne e bam­bi­ne che, nell’800, in Val­le Se­ria­na, la­vo­ra­va­no nel­le fi­lan­de. L’au­tri­ce rie­vo­ca quell’epo­ca di­cen­do che la Val­le Se­ria­na era «una fo­re­sta di gel­si». A me­tà Ot­to­cen­to, so­lo nel Co­mu­ne di Al­bi­no, ce n’era­no qua­si 6 mi­la. I ba­chi da seta ri­chie­de­va­no una cu­ra gior­na­lie­ra, co­sì co­me le pian­te che li nu­tri­va­no. Nel­le fi­lan­de la­vo­ra­va­no uo­mi­ni, don­ne e an­che bam­bi­ne di so­li 7 an­ni, che do­ve­va­no la­vo­ra­re 12, 15 ore al gior­no per mi­se­ri com­pen­si, tra l’aria umi­da che por­ta­va ma­lat­tie ai pol­mo­ni, le ba­ci­nel­le d’ac­qua cal­da che ustio­na­va le ma­ni, e l’odo­re tre­men­do del­le lar­ve mor­te.

Una con­di­zio­ne di vi­ta dif­fi­ci­le che la scrit­tri­ce, 55 an­ni, ha ri­trat­to per «tor­na­re al­le ori­gi­ni». Sua non­na era ori­gi­na­ria di Amo­ra Bas­sa e an­che lei fu co­stret­ta a trasferirs­i lon­ta­no dal­le fi­lan­de. Ora Au­ro­ra Can­ti­ni vi­ve con il ma­ri­to Oli­vie­ro ad Amo­ra, sull’Al­to­pia­no di Sel­vi­no. È an­che poe­tes­sa e in­se­gnan­te. Dal­le sue pa­gi­ne emer­ge l’amo­re per Ber­ga­mo. Ed emer­ge la vi­ta, a trat­ti mi­se­ra, dell’epo­ca, co­sì a con­tra­sto con le glo­rie del­le im­pre­se mi­li­ta­ri e del­le bat­ta­glie, che tut­ta­via so­no rac­con­ta­te nel la­to uma­no. Ap­pa­io­no i pro­ta­go­ni­sti ber­ga­ma­schi del­la spe­di­zio­ne dei Mil­le, Ga­brie­le Ca­moz­zi, Fran­ce­sco Nul­lo, Da­nie­le Pic­ci­ni­ni, e l’uni­ca don­na che vi pre­se par­te, Ro­sa­lia Mon­tMas­son. In sot­to­fon­do, la guer­ra in ar­ri­vo, bat­ta­glie, ri­cor­di, Ber­ga­mo so­gna­ta e per­du­ta, il Ge­ne­ra­le Ga­ri­bal­di, di­pin­to dal­le pa­ro­le di tut­ti, ma che Adal­gi­sa non ve­drà mai e re­ste­rà lon­ta­no co­me una fi­gu­ra di so­gno.

Al cen­tro ci so­no sem­pre lo­ro, Ani­ta e Adal­gi­sa. Tra lo­ro c’è com­pren­sio­ne e ascol­to, e unio­ne nel­la fi­gu­ra di un bam­bi­no, Ma­ria­no. C’è un ag­grap­par­si l’una all’al­tra, tes­sen­do con le pa­ro­le il fi­lo dei ri­cor­di. Un dia­rio, an­che que­sto im­ma­gi­na­rio, tra­man­da la lo­ro sto­ria. «Una tra i Mil­le, Ani­ta» è un ro­man­zo di fu­ghe e ri­tor­ni, do­ve le co­se, an­che quan­do sem­bra­no per­du­te, tro­va­no il mo­do di tor­na­re a ca­sa.

Se Ani­ta è una tra i Mil­le, Adal­gi­sa è una ed è mil­le, può es­se­re una qual­sia­si del­le tan­te don­ne che nell’800 la­vo­ra­va­no nel­le fi­lan­de in Val­le Se­ria­na

L’in­cro­cio A fian­co, un qua­dro sul­la mor­te di Ani­ta Ga­ri­bal­di, a Man­drio­le di Ra­ven­na, il 4 ago­sto del 1849. L’au­tri­ce ber­ga­ma­sca, nel suo nuo­vo ro­man­zo, la im­ma­gi­na po­chi gior­ni pri­ma di mo­ri­re sul Ru­bi­co­ne, in una ca­sa can­to­nie­ra, ad ascol­ta­re le...

Au­ro­ra Can­ti­ni (fo­to), 55 an­ni, vi­ve con il ma­ri­to Oli­vie­ro ad Amo­ra di Avia­ti­co È poe­tes­sa, in­se­gnan­te e scrit­tri­ce. Tra i suoi vo­lu­mi più noti «Il bam­bi­no con la va­li­gia ros­sa»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.