Fe­sta del­la Dea nel se­gno di Mon­do­ni­co

Do­po due an­ni di stop, tra co­ri e ri­cor­di

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - di Fe­de­ri­co Fu­ma­gal­li

I bam­bi­ni, i lo­ro ge­ni­to­ri e i non­ni. Al­la Fe­sta del­la Dea, nel par­cheg­gio ester­no di Orio­cen­ter, ata­lan­ti­ni di di­ver­se ge­ne­ra­zio­ni. Do­po due an­ni di stop, è ri­par­ti­ta tra co­ri e ri­cor­di. Omag­gio a mi­ster Emi­lia­no Mon­do­ni­co: per lui han­no suo­na­to i No­ma­di.

Sen­za pre­sta­re at­ten­zio­ne al­la leg­ge del gla­mour, se­con­do cui ogni fe­sta che si ri­spet­ti è as­so­cia­ta a uno e un so­lo co­lo­re, la Fe­sta del­la Dea si ri­pre­sen­ta per la 15esi­ma vol­ta in ri­go­ro­so bi­co­lor. Nerazzurro ovun­que. Più in­ten­so se pos­si­bi­le, do­po due an­ni di stop.

Il par­cheg­gio ester­no di Orio­cen­ter, ospi­ta ata­lan­ti­ni di di­ver­se ge­ne­ra­zio­ni. I bim­bi di og­gi (Emi­ly, for­se, è la più pic­co­li­na, un an­no ap­pe­na) spes­so in di­vi­sa d’or­di­nan­za. I lo­ro ge­ni­to­ri e i non­ni. I ra­gaz­zi­ni mol­to en­tu­sia­sti: «Non ve­dia­mo l’ora di gio­ca­re l’Eu­ro­pa Lea­gue, que­st’an­no ab­bia­mo mag­gio­re espe­rien­za e in più c’è Zapata», spie­ga Al­ber­to. So­no tan­ti gli ul­trà del­la Cur­va Nord, che or­ga­niz­za l’even­to.

Ie­ri la pri­ma di sei se­ra­te (si chiu­de mar­te­dì), pie­ne di pas­sio­ne ata­lan­ti­na, mu­si­ca e ri­cor­do. Il pri­mo, in­ten­so omag­gio, è quel­lo a Emi­lia­no Mon­do­ni­co, scom­par­so lo scor­so 29 mar­zo. Per­ché il Mon­do non si è fer­ma­to mai un mo­men­to, sem­pre pre­sen­te nel­la me­mo­ria di chi gli ha vo­lu­to be­ne: «Se pen­so a lui mi vie­ne il ma­go­ne. Il mi­ster re­sta nel cuo­re di tut­ti noi ti­fo­si. Ri­mar­rà un sim­bo­lo», con­fi­da Ma­ria. Suo­na­no, an­che per Mon­do­ni­co, gli ama­ti No­ma­di. Un mi­ni con­cer­to d’ec­ce­zio­ne, fuo­ri tour­née, in cui il grup­po di Bep­pe Car­let­ti (che nel 2018 ce­le­bra i 55 an­ni di car­rie­ra) ha suo­na­to «al­cu­ne can­zo­ni più Io va­ga­bon­do». In sca­let­ta, ol­tre al­le in­tra­mon­ta­bi­li Io vo­glio vi­ve­re e Dio è mor­to, c’è Sen­za pa­tria, com­mo­ven­te sa­lu­to in mu­si­ca all’al­le­na­to­re di Ri­vol­ta d’Ad­da, cui l’in­te­ra sei gior­ni è uf­fi­cial­men­te de­di­ca­ta, an­che con te­sti­mo­nian­ze di ami­ci e fa­mi­glia­ri. Al­tro leit­mo­tiv del­la fe­sta è il tri­bu­to al­le re­cen­ti ban­die­re. Sta­se­ra toc­ca a Giu­lio Mi­gliac­cio. Poi sa­rà il tur­no di Gian­pao­lo Bel­li­ni (do­me­ni­ca) e Cri­stian Rai­mon­di (lu­ne­dì). Nei pros­si­mi gior­ni, i sen­ti­ti «in me­mo­riam» di Da­vi­de Asto­ri e Pier­ma­rio Morosini. Tra gli an­ni­ver­sa­ri del­lo spa­reg­gio di Genova (40 an­ni fa) e di Ata­lan­ta-Ma­li­nes (tren­ten­na­le), spa­zio an­che al con­tem­po­ra­neo. So­no at­te­si, fra gli al­tri, mi­ster Gian Pie­ro Ga­spe­ri­ni, il pre­si­den­te An­to­nio Per­cas­si e la di­ri­gen­za ne­raz­zur­ra, al­cu­ni gio­ca­to­ri dell’at­tua­le ro­sa ata­lan­ti­na.

«So­no con­ten­to che la so­cie­tà pun­ti tan­to sui gio­va­ni. Tum­mi­nel­lo mi pia­ce mol­to», di­ce Da­vi­de, 18 an­ni, che del ven­ten­ne ex at­tac­can­te del Cro­to­ne è qua­si coe­ta­neo. Il gio­va­ne ti­fo­so si con­ge­da con un gri­do, che è co­mu­ne a tut­ti: «For­za Ata­lan­ta!».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.