Ul­ti­mo ver­det­to do­po due er­ga­sto­li Bos­set­ti in­vo­ca un nuo­vo te­st del Dna

Og­gi a Ro­ma l’udien­za di Bos­set­ti: il Dna e la pe­ri­zia al cen­tro del ri­cor­so La vi­si­ta di Ma­ri­ta in car­ce­re: era te­so

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Di Giu­lia­na Ub­bia­li

«Fa­te­mi fa­re la pe­ri­zia sul Dna, se fossi col­pe­vo­le sa­rei un paz­zo a chie­der­la». Mas­si­mo Bos­set­ti, con­dan­na­to an­che in Ap­pel­lo all’er­ga­sto­lo per l’omi­ci­dio di Ya­ra Gam­bi­ra­sio, l’ha in­vo­ca­ta più vol­te. An­che in Cas­sa­zio­ne, og­gi. I suoi av­vo­ca­ti Clau­dio Sal­va­gni e Pao­lo Cam­po­ri­ni chie­do­no che la sen­ten­za ven­ga an­nul­la­ta, per que­sta e per al­tre 22 que­stio­ni: il no al­la pe­ri­zia non è sta­to mo­ti­va­to, so­sten­go­no. Il car­pen­tie­re, 48 an­ni il 28 ot­to­bre, non ci sa­rà, non è pre­vi­sto in Cas­sa­zio­ne. La mo­glie Ma­ri­ta Co­mi è an­da­ta a tro­var­lo in car­ce­re, era te­so.

Do­man­da: all’im­pu­ta­to è sta­to ne­ga­to un di­rit­to? La pa­ro­la «pe­ri­zia» ri­tor­na 60 vol­te nel­le 644 pa­gi­ne del ri­cor­so del­la di­fe­sa e 41 vol­te nel­le 376 pa­gi­ne del­le mo­ti­va­zio­ni d’Ap­pel­lo. Che se ne sia di­scus­so è evi­den­te. E lo è, han­no con­clu­so i giu­di­ci, il mo­ti­vo per cui non è sta­ta con­ces­sa. «L’ap­pro­fon­di­men­to dell’istrut­to­ria sul pun­to pa­le­sa co­me non de­ci­si­vo ogni ul­te­rio­re ap­pro­fon­di­men­to», scri­ve­va l’As­si­se di Ber­ga­mo. Si può tra­dur­re co­sì: «La pro­va del Dna è cer­ta». È esat­ta­men­te quel­lo che con­te­sta la di­fe­sa: non so­no sta­ti ri­spet­ta­ti i pro­to­col­li in­ter­na­zio­na­li sul­le ana­li­si, dai kit per i te­st sca­du­ti al­le con­tro­pro­ve, il Dna «non è nem­me­no un in­di­zio».

Ep­pu­re il Dna è il tim­bro a due er­ga­sto­li. I giu­di­ci di Bre­scia han­no con­fer­ma­to quan­to sen­ten­zia­to a Ber­ga­mo, al­la lu­ce del­lo scar­so con­tra­sto tra la te­si dell’ac­cu­sa e quel­la del­la di­fe­sa (a fa­vo­re del­la pri­ma), del­la com­pa­ra­zio­ne tra le con­su­len­ze del pm e le obie­zio­ni de­gli av­vo­ca­ti, del­le am­mis­sio­ni dei con­su­len­ti stes­si di Bos­set­ti sui ri­sul­ta­ti e del­la «ra­di­cal­men­te scon­giu­ra­ta» con­ta­mi­na­zio­ne del­la trac­cia. La di­fe­sa obiet­ta su tut­to: le re­go­le del­le ana­li­si non so­no sta­te ri­spet­ta­te, i ri­sul­ta­ti non tor­na­no, c’è sta­ta con­ta­mi­na­zio­ne, il Dna nu­clea­re fa a pu­gni con il Dna mi­to­con­dria­le.

Il mi­to­con­dria­le, ap­pun­to, è sta­to uno de­gli ar­go­men­ti più di­bat­tu­ti. Nel­la trac­cia mi­sta con il san­gue di Ya­ra non c’è quel­lo di Bos­set­ti. Ma due sen­ten­ze han­no «cer­ti­fi­ca­to» che so­lo il nu­clea­re iden­ti­fi­ca un sog­get­to. Il mi­to­con­dria­le in­di­ca la li­nea ma­ter­na, ma è un ar­go­men­to sci­vo­lo­so per­ché an­co­ra po­co stu­dia­to. Di so­li­to non si ana­liz­za nem­me­no. Qui lo si è ten­ta­to per cer­ca­re la ma­dre, tro­va­ta poi con il nu­clea­re. La sto­ria di que­sta in­da­gi­ne, uni­ca per le mi­glia­ia di pre­lie­vi del Dna, pas­sa­ta per l’au­ti­sta Giu­sep­pe Gue­ri­no­ni scom­par­so nel 1999 e ri­te­nu­to il pa­dre na­tu­ra­le dell’as­sas­si­no, è ar­ri­va­ta al­la «de­fla­gran­te evi­den­za di da­ti in­con­tro­ver­ti­bi­li», si leg­ge nel­la sen­ten­za. Cioè che Gue­ri­no­ni è il pa­dre di Bos­set­ti, che Igno­to 1 (co­sì ven­ne ri­bat­tez­za­to il kil­ler che la­sciò il suo Dna su Ya­ra) è Bos­set­ti, che il Dna è uni­co per cia­scun es­se­re vi­ven­te. La pos­si­bi­li­tà di sba­glia­re è di 1 su 20 mi­liar­di.

Nem­me­no i con­su­len­ti del­la di­fe­sa l’han­no smen­ti­to, scri­vo­no i giu­di­ci. È una del­le af­fer­ma­zio­ni più con­te­sta­te da­gli av­vo­ca­ti. La Cor­te ha «tra­vi­sa­to», obiet­ta­no: la lo­ro ge­ne­ti­sta Sa­rah Gi­no in au­la non ne­gò gli esi­ti sul Dna so­lo per­ché sta­va leg­gen­do il la­vo­ro di al­tri. Ac­cer­tò lei, pe­rò, su in­ca­ri­co pri­va­to del­la fa­mi­glia, che Mas­si­mo Bos­set­ti non è il fi­glio na­tu­ra­le di Gio­van­ni Bos­set­ti (scom­par­so nel 2015), l’uo­mo che l’ha cre­sciu­to. Un man­tra fa da sfon­do al pro­ces­so: «La di­fe­sa non ha par­te­ci­pa­to agli ac­cer­ta­men­ti». Da qui la ri­chie­sta del­la pe­ri­zia, an­che so­lo su­gli at­ti. An­che, per­ché ri­ma­ne un dub­bio. Se mai ve­nis­se di­spo­sta, ci sa­reb­be an­co­ra del ma­te­ria­le da ana­liz­za­re? No, di­ce la sen­ten­za d’Ap­pel­lo. Il ge­ne­ti­sta Gior­gio Ca­sa­ri del San Raf­fae­le te­sti­mo­niò il con­tra­rio, di­ce la di­fe­sa. Non è chia­ro se sia ri­ma­sto ma­te­ria­le suf­fi­cien­te a nuo­ve ana­li­si per qua­li­tà e quan­ti­tà. La par­te mi­glio­re, emer­se in pri­mo gra­do, è sta­ta uti­liz­za­ta. In mo­do «in­col­pe­vo­le» per ten­ta­re ogni ac­cer­ta­men­to, scris­se­ro i giu­di­ci di Ber­ga­mo. Ve­di il mi­to­con­dria­le. «Inu­til­men­te — cri­ti­ca­no gli av­vo­ca­ti — per eser­ci­zio spe­ri­men­ta­le».

Due er­ga­sto­li I giu­di­ci di 1° e 2° gra­do l’han­no con­dan­na­to. In 644 pa­gi­ne la di­fe­sa con­te­sta tut­to

Mas­si­mo Bos­set­ti si è sem­pre pro­cla­ma­to in­no­cen­te

(An­sa)

Car­pen­tie­re Mas­si­mo Bos­set­ti, 47 an­ni, era sta­to ar­re­sta­to il 16 giu­gno 2014

Stu­den­tes­sa Il cor­po di Ya­ra Gam­bi­ra­sio è sta­to tro­va­to il 26 feb­bra­io 2011. Ave­va 13 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.