LA VE­RI­TÀ DEI GIU­DI­CI E IL TI­FO

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Di Cri­stia­no Gat­ti

Ma­ga­ri i Ro­be­spier­re de noan­tri, Di Ma­io e Sal­vi­ni, chie­de­ran­no via Twit­ter a qua­le ti­to­lo la Cas­sa­zio­ne ab­bia con­fer­ma­to l’er­ga­sto­lo a Bos­set­ti, co­sa sa­rà mai que­sto or­ga­no su­pre­mo del­lo Sta­to, se vuo­le di­re la sua si pre­sen­ti pri­ma al­le ele­zio­ni e si fac­cia vo­ta­re. Tutto è pos­si­bi­le, in que­sto pe­rio­do. Ma fin­ché val­go­no le re­go­le at­tua­li la sen­ten­za de­fi­ni­ti­va di­ven­ta ve­ri­tà in­con­fu­ta­bi­le. Ya­ra ha ot­te­nu­to giu­sti­zia, per quel­lo che può va­le­re. Ma lei, ovun­que si tro­vi, è in un ta­le sta­to di inef­fa­bi­le bea­ti­tu­di­ne, che cer­ta­men­te non ha bi­so­gno di que­st’ul­ti­ma no­ti­zia ter­re­na per sen­tir­si me­glio. La con­dan­na in real­tà di­strug­ge Bos­set­ti. E non so­lo Bos­set­ti, pe­rò. As­sie­me al mu­ra­to­re pia­cio­ne, la con­dan­na in­chio­da que­sto nostro mo­do di se­gui­re il dif­fi­ci­lis­si­mo la­vo­ro del­la leg­ge e del­la giu­sti­zia, que­sto mo­do vol­ga­re e sca­mi­cia­to, na­to e cre­sciu­to ne­gli ul­ti­mi de­cen­ni, ba­sa­to in pri­mo luo­go sul dog­ma di una ma­gi­stra­tu­ra inat­ten­di­bi­le e sfa­scia­ta, quin­di pom­pa­to dal­la fa­ci­lo­ne­ria te­le­vi­si­va, più re­cen­te­men­te av­ve­le­na­to dal­la tut­to­lo­gia del­la ta­stie­ra. La ri­cer­ca del­la ve­ri­tà, quel po­co di ve­ri­tà che ci pos­sia­mo per­met­te­re, è una fa­ti­ca mor­ta­le, che me­ri­ta co­me mi­ni­mo ri­spet­to, scru­po­lo, cau­te­la. Qui in­ve­ce an­dia­mo avan­ti da an­ni con il ti­fo più be­ce­ro, pren­dia­mo po­si­zio­ne co­me al te­le­vo­to del Gran­de Fra­tel­lo, orec­chian­do quat­tro ba­na­li­tà e co­struen­do­ci so­pra fe­ro­ci teo­re­mi.

La fi­glia non tor­na a ca­sa dal­la pa­le­stra e la mam­ma si pre­oc­cu­pa, non pen­sa af­fat­to al­la fu­ga da un’ami­ca. So­no qua­si le 19 del 26 no­vem­bre 2010 e Mau­ra Gam­bi­ra­sio è spa­ven­ta­ta, non tro­va Ya­ra. Al­le 20 è dai ca­ra­bi­nie­ri per lan­cia­re il suo al­lar­me.

La scom­par­sa

La tran­quil­li­tà di una fa­mi­glia con 4 fi­gli, di Brem­ba­te So­pra, è squar­cia­ta in un fred­do ve­ner­dì con la pri­ma ne­ve. Si met­te in mo­to la mac­chi­na del­le ri­cer­che, spun­ta­no te­sti­mo­nian­ze in­ve­ro­si­mi­li, con­di­zio­na­te dal­le tv fuo­ri dal­la por­ta di ca­sa. Nul­la di ve­ro. Su un gran­de vuo­to che pro­spet­ta so­lo l’ipo­te­si più in­quie­tan­te, è ap­pe­na ini­zia­ta un’in­chie­sta che — nes­su­no lo sa an­co­ra — dal­la pau­ra per una nor­ma­li­tà di­strut­ta por­te­rà al­le ac­cu­se nei con­fron­ti di un nor­ma­lis­si­mo e in­so­spet­ta­bi­le pa­pà, Mas­si­mo Bos­set­ti, gra­zie a in­da­gi­ni scien­ti­fi­che che han­no se­gna­to il pre­sen­te e il fu­tu­ro del­la bio­lo­gia fo­ren­se in Italia.

Il pia­strel­li­sta

Ya­ra vie­ne cer­ca­ta in­va­no. Fi­no a quan­do i ca­ni mo­le­co­la­ri por­ta­no al can­tie­re del cen­tro com­mer­cia­le di Ma­pel­lo e le in­ter­cet­ta­zio­ni te­le­fo­ni­che sul­le mae­stran­ze fan­no emer­ge­re il no­me di un pia­strel­li­sta ma­roc­chi­no. «Ha det­to “uc­ci­sa”» al te­le­fo­no, se­con­do un in­ter­pre­te. È la fi­gu­ra che per po­che ore dà sfogo al­la pau­ra per lo stra­nie­ro. «Via i ma­roc­chi­ni...» si leg­ge su alcuni car­tel­li scrit­ti a ma­no. Il pub­bli­co mi­ni­ste­ro Le­ti­zia Rug­ge­ri, ti­to­la­re del­le in­da­gi­ni, non è con­vin­ta. Fa ri­tra­dur­re le fra­si pro­nun­cia­te al te­le­fo­no, non chie­de mi­su­re cau­te­la­ri. Il pia­strel­li­sta usci­rà dall’in­chie­sta.

Il cam­po e il Dna

Ya­ra è sta­ta uc­ci­sa, fe­ri­ta a mor­te, si sco­pre sa­ba­to 26 feb­bra­io, quan­do il suo cor­po stra­zia­to vie­ne tro­va­to in un cam­po di Chi­gno­lo d’Iso­la. Sui leg­gings e su­gli slip del­la ra­gaz­zi­na c’è una trac­cia bio­lo­gi­ca. Il Ris ne estrae un pro­fi­lo ma­schi­le. «È la fir­ma dell’as­sas­si­no, è Igno­to 1», per gli in­ve­sti­ga­to­ri. La di­sua sco­te­ca vi­ci­no al cam­po, Sab­bie Mo­bi­li Evo­lu­tion, ha un elen­co di tut­ti i suoi so­ci. Tra lo­ro c’è an­che un ra­gaz­zo di 26 an­ni che il gior­no del­la scom­par­sa di Ya­ra era in Pe­rù. Ma non si la­scia ca­de­re nul­la: il pre­lie­vo di sa­li­va vie­ne ri­chie­sto an­che a lui. Sua mam­ma è sta­ta an­che col­la­bo­ra­tri­ce do­me­sti­ca dei Gam­bi­ra­sio. Una coin­ci­den­za che re­ste­rà ta­le. Il 21 ot­to­bre la Scien­ti­fi­ca sco­pre che l’aplo­ti­po Y di quel ra­gaz­zo, e cioè la cor­ri­spon­den­za in li­nea ma­schi­le, è mol­to am­pia con Igno­to 1: è suo pa­ren­te, ma bi­so­gna sca­va­re an­co­ra.

Il Dna por­ta al­le origini del­la fa­mi­glia: i Gue­ri­no­ni di Gor­no. Si ar­ri­va a Fro­si­no­ne, do­ve un uo­mo di 47 an­ni, Gue­ri­no­ni an­che lui, ha un pro­fi­lo ge­ne­ti­co nu­clea­re, e non so­lo l’aplo­ti­po, qua­si del tutto corrispondente a Igno­to 1. È lui? No, di­ce l’Uni­ver­si­tà di Ro­ma Tor Ver­ga­ta, è un suo fra­tel­la­stro, per via pa­ter­na, non ma­ter­na. La stra­da è trac­cia­ta: si ri­co­strui­sce bi o sta­ti­sti­ca­men­te il pro­fi­lo ge­ne­ti­co del pa­pà del qua­ran­ta­set­ten­ne di Fro­si­no­ne. Si chia­ma­va Giu­sep­pe Gue­ri­no­ni, di Gor­no, na­to nel 1938 e mor­to nel ‘99, au­ti­sta di pull­man. Ma per an­da­re an­co­ra più sul si­cu­ro si ana­liz­za­no i cam­pio­ni di sa­li­va ri­ma­sti die­tro i fran­co­bol­li di due car­to­li­ne spe­di­te da Gue­ri­no­ni nel 1985 e il 1986, for­ni­te dai fa­mi­lia­ri. Lo stes­so av­vie­ne con un cam­pio­ne estrat­to da una mar­ca da bol­lo del­la pa­ten­te. Si ot­tie­ne co­sì il suo pro­fi­lo: Igno­to 1 ri­sul­ta fi­glio na­tu­ra­le di quell’uo­mo de­ce­du­to nel 1999. È un fi­glio avu­to da un’al­tra don­na, non da sua mo­glie. Il ri­scon­tro, già cer­to ad apri­le 2012, è de­fi­ni­ti­vo con la rie­su­ma­zio­ne del 7 mar­zo 2013. E l’obiet­ti­vo di­ven­ta uno so­lo: tro­va­re la ma­dre.

Le mam­me emi­gra­te

Si sca­va nel­la vi­ta di Giu­sep­pe Gue­ri­no­ni, si ascol­ta­no sto­rie, te­sti­mo­nian­ze e sof­fia­te più o me­no at­ten­di­bi­li di ami­ci del

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.