A Brem­ba­te So­pra «Gran­de do­lo­re ma trop­po sen­sa­zio­na­li­smo»

Il con­ta­di­no a Chi­gno­lo: io ci pen­so sem­pre

Corriere della Sera (Bergamo) - - PRIMO PIANO -

Qui è do­ve tutto è co­min­cia­to. In que­sta pa­le­stra in cui rim­bom­ba­no i rim­bal­zi del­la squa­dra di ba­sket, Ya­ra è sta­ta vi­sta per l’ul­ti­ma vol­ta. Lu­ca fer­ma il pal­lo­ne: «Noi all’epo­ca era­va­mo ra­gaz­zi, ci ave­va col­pi­to. Poi non è che ci ab­bia­mo più pen­sa­to mol­to». Ot­to an­ni so­no tan­ti, quan­do Ya­ra è usci­ta da quel­la por­ta, Lu­ca an­da­va al­le su­pe­rio­ri, e tan­ti dei bam­bi­ni che van­no ver­so la vi­ci­na pi­sci­na non era­no an­co­ra na­ti. In ot­to an­ni la vi­ta va avan­ti. «Qui in Po­li­spor­ti­va non se ne par­la mai, ma­ga­ri i pri­mi an­ni con le com­me­mo­ra­zio­ni poi la co­sa è sta­ta as­sor­bi­ta — spie­ga Alex Espe­ro, al­le­na­to­re del­la se­con­da squa­dra se­nior di ba­sket —. Ho se­gui­to la sto­ria in tv, o dai rac­con­ti di mio pa­dre che è agen­te pe­ni­ten­zia­rio». La vi­cen­da si con­fon­de con le tan­te che si sno­da­no in televisione: «L’ho vi­sta co­me quel­la di Co­gne — con­fer­ma Da­rio Scar­pel­li­ni: il fi­glio cui dà la ma­no è na­to po­chi me­si do­po il ra­pi­men­to —. La co­mu­ni­tà è sta­ta toc­ca­ta dal dram­ma, ma an­che dal sen­sa­zio­na­li­smo che si è crea­to. Non c’era pau­ra, sa­pe­va­mo che era un ca­so iso­la­to».

E qui è do­ve il dram­ma si è com­piu­to: il cam­po di Chi­gno­lo dov’è sta­to tro­va­to il cor­po di Ya­ra sem­bra co­per­to di ster­pa­glie, il si­len­zio è spez­za­to dal ron­zio di due pa­ra­pen­dii a mo­to­re. Il plin­to all’in­gres­so è da an­ni co­per­to di bam­bo­le, pe­lu­che, sta­tui­ne da pre­se­pio, mes­sag­gi, fio­ri di pla­sti­ca. «So­no sem­pre del­le fa­mi­glie a met­ter­le, ar­ri­va­no il gior­no del com­plean­no di Ya­ra o nei va­ri an­ni­ver­sa­ri», rac­con­ta un con­ta­di­no dal­la mac­chi­na con cui ta­glia la so­ia che cre­sce nel cam­po. Si guar­da in­tor­no: «Co­me si fa a non pen­sar­ci? Quan­do ven­go qui fac­cio sem­pre il cal­co­lo de­gli an­ni che Ya­ra avreb­be».

Qui, in­fi­ne, è do­ve la vi­cen­da si è con­clu­sa: il ci­mi­te­ro di Brem­ba­te So­pra è da­van­ti al pun­to del ra­pi­men­to e al par­cheg­gio in cui è sta­to ce­le­bra­to il fu­ne­ra­le di Ya­ra. Sul­la la­pi­de sor­mon­ta­ta da un sor­ri­so con l’ap­pa­rec­chio ci so­no pu­paz­zet­ti di an­ge­li e maz­zi di fio­ri fre­schi. Non si sa se sia­no sta­ti por­ta­ti la mat­ti­na do­po la sen­ten­za: «Ma i fio­ri non man­ca­no mai — as­si­cu­ra il si­gnor Clau­dio —: ar­ri­va­no sco­la­re­sche, gli av­ver­sa­ri del­la Po­li­spor­ti­va, 60 mo­to­ci­cli­sti han­no ap­pe­na por­ta­to una co­ro­na, e lo fan­no ogni an­no». Ha dub­bi sul­la sen­ten­za: «Non pen­sa­va­mo che il ca­so si po­tes­se ri­sol­ve­re, chis­sà se è sta­to dav­ve­ro Bos­set­ti. Ma se è sta­to lui l’er­ga­sto­lo è giu­sto». Più che il dram­ma sem­bra ave­re pe­sa­to l’in­chie­sta, so­stie­ne la mo­glie Ro­si­ta: «È sta­to pe­san­te per­ché han­no pre­so il Dna a tut­ti, ti fa­ce­va­no sen­ti­re col­pe­vo­le, e poi tro­va­vi te­le­ca­me­re dap­per­tut­to, era asfis­sian­te». «Sem­bra­va che fos­se­ro tut­ti col­pe­vo­li, con quei Dna che pren­de­va­no, una co­sa co­sì in pae­se non era mai suc­ces­sa», bron­to­la la si­gno­ra An­ge­la. Che è fer­ra­tis­si­ma sul­le in­da­gi­ni: «Più leg­gi i det­ta­gli e più sei si­cu­ra che han­no de­ci­so be­ne». «Per me la sto­ria era fi­ni­ta con la pri­ma sen­ten­za — è la te­si di Re­mo Gam­ba —. Per me è sta­to so­prat­tut­to un di­scor­so me­dia­ti­co mon­ta­to dal­la stam­pa, la gen­te non è abi­tua­ta e si so­no crea­te si­tua­zio­ne com­pli­ca­te. Cer­to, quan­do si vie­ne al ci­mi­te­ro si va sem­pre a tro­va­re Ya­ra ma non se ne par­la poi tan­to». Da­nie­la Bo­ni tra­sci­na la fi­glia dal par­cheg­gio del cen­tro spor­ti­vo: «Han­no chiu­so il cer­chio — di­ce —. Ades­so Ya­ra sa­rà tran­quil­la».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.