Il film su Ste­fa­no, con la fa­mi­glia Cuc­chi Ila­ria: da Ber­ga­mo un gran­de so­ste­gno

Nei gior­ni del­la svol­ta al pro­ces­so sul­la mor­te del ra­gaz­zo: «Un gra­zie al­la ti­fo­se­ria ata­lan­ti­na»

Corriere della Sera (Bergamo) - - CRONACHE - A.D.L.

Lo stri­scio­ne «Sap­pia­mo chi è Sta­to» in Cur­va Nord cam­peg­gia da an­ni, a più ri­pre­se. Per non di­re ad­di­rit­tu­ra da quell’au­tun­no del 2009 in cui Ste­fa­no Cuc­chi mo­rì all’ospe­da­le Per­ti­ni di Ro­ma do­po sei gior­ni di cu­sto­dia cau­te­la­re e di vio­len­ze su­bi­te, co­me è emer­so gio­ve­dì a pro­ces­so con la de­po­si­zio­ne di Fran­ce­sco Te­de­sco, ca­ra­bi­nie­re. E non è un ca­so, a par­ti­re da quel­lo stri­scio­ne ma non so­lo, che la fa­mi­glia Cuc­chi ab­bia scel­to an­che la pro­vin­cia di Ber­ga­mo per as­si­ste­re, in­sie­me al pub­bli­co, al­la pro­ie­zio­ne del film di Ales­sio Cre­mo­ni­ni, con Ales­san­dro Bor­ghi nei pan­ni di Ste­fa­no: «Sul­la mia pel­le». L’ap­pun­ta­men­to è per stasera al­le 20.30 al tea­tro Se­ras­si di Vil­la d’Al­mè, do­ve ci sa­ran­no Gio­van­ni Cuc­chi e Ri­ta.

«C’è un le­ga­me par­ti­co­la­re con Ber­ga­mo — rac­con­ta Ila­ria —. Le ti­fo­se­rie or­ga­niz­za­te ci so­no sta­te mol­to vi­ci­no in tut­ta Italia, ma de­vo ri­co­no­sce­re che quel­la ata­lan­ti­na l’ha fat­to in mo­do par­ti­co­la­re, con un so­ste­gno con­ti­nuo e una pre­sen­za co­stan­te nel­la no­stra bat­ta­glia per la ve­ri­tà». Ma non ci so­no so­lo la Cur­va Nord e al­tri grup­pi pre­sen­ti al­lo sta­dio, ad af­fian­ca­re il per­cor­so dei fa­mi­lia­ri e dell’As­so­cia­zio­ne Ste­fa­no Cuc­chi, fon­da­ta due an­ni fa: pre­sie­du­ta pro­prio da Ila­ria, ha due vi­ce pre­si­den­ti. Uno è l’av­vo­ca­to Fa­bio An­sel­mo, l’al­tra in­ve­ce è Ros­sa­na No­ris, 41 an­ni, di Ber­ga­mo. In pas­sa­to nell’as­sem­blea del Pa­cì Pa­cia­na, all’ini­zio del 2014 era sta­ta tra le fon­da­tri­ci dell’as­so­cia­zio­ne Acad, con­tro gli abu­si in di­vi­sa. Un im­pe­gno che ha poi man ma­no la­scia­to per de­di­car­si al­la real­tà ispi­ra­ta al­la vi­cen­da di Ste­fa­no Cuc­chi e al per­cor­so dei suoi fa­mi­lia­ri: «L’as­so­cia­zio­ne — com­men­ta Ila­ria — è na­ta due an­ni fa, con l’obiet­ti­vo di aiu­ta­re e es­se­re di sup­por­to a tut­ti “gli al­tri Ste­fa­no” che pos­so­no es­ser­ci: Ste­fa­no è mor­to da ul­ti­mo, so­lo, e il nostro im­pe­gno pun­ta a da­re un sup­por­to al­le per­so­ne che ri­schia­no di tro­var­si nel­la sua stes­sa si­tua­zio­ne».

Stasera al Se­ras­si era pre­vi­sta an­che la pre­sen­za di Ila­ria Cuc­chi e dell’av­vo­ca­to An­sel­mo. Ma non ci sa­ran­no. «Un’as­sen­za di cui mi scu­so — ag­giun­ge lei — e che di­pen­de da­gli ul­ti­mi e im­por­tan­ti svi­lup­pi del nuovo pro­ces­so e dell’in­chie­sta (tre nuo­vi in­da­ga­ti in un pro­ce­di­men­to a par­te per aver ten­ta­to una se­rie di de­pi­stag­gi, ndr), non sem­pli­ce­men­te dal­la mia vo­lon­tà. Rin­gra­zio ora chi sa­rà pre­sen­te, an­zi invito a par­te­ci­pa­re: ci pia­ce os­ser­va­re co­me, a dif­fe­ren­za di Ste­fa­no, la sua fa­mi­glia non è sta­ta mai la­scia­ta so­la. E invito a ve­de­re un film che ha re­sti­tui­to una per­so­na­li­tà a mio fra­tel­lo: sia chia­ro, sen­za far­gli nes­su­no scon­to, con i suoi pre­gi, i suoi di­fet­ti e i suoi pro­ble­mi, met­ten­do la ve­ri­tà al cen­tro. È un ri­trat­to che ho tro­va­to rea­le: un film che par­ten­do da lì, dal­la per­so­na­li­tà di Ste­fa­no, rac­con­ta co­me in quei sei gior­ni di de­ten­zio­ne sia­no sta­ti vio­la­ti i di­rit­ti di un es­se­re uma­no».

❞ È un film sul­la ve­ri­tà, che rac­con­ta an­che mio fra­tel­lo e la sua per­so­na­li­tà in mo­do rea­le, sen­za far­gli scon­ti Ila­ria Cuc­chi So­rel­la di Ste­fa­no

La pro­ie­zio­ne Sul­la mia pel­le al­le 20.30 a Vil­la d’Al­mè, con i ge­ni­to­ri del­la vit­ti­ma

Su­gli scher­mi Una lo­can­di­na del film Sul­la mia pel­le di Ales­sio Cre­mo­ni­ni, da set­tem­bre su Net­flix

In tri­bu­na­le L’av­vo­ca­to Fa­bio An­sel­mo mo­stra le fo­to di Ste­fa­no Cuc­chi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.