Amo­ri, vo­ci e suo­ni che le ra­dio han­no fat­to vi­ve­re

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Gi­sel­la La­ter­za

Scrit­to­ri, dj, con­dut­to­ri ra­dio­fo­ni­ci, mu­si­ci­sti in­trec­cia­no ri­cor­di rea­li e storie im­ma­gi­na­rie, do­ve il con­fi­ne tra i due è lie­ve. D’al­tron­de, il bel­lo del­la ra­dio è che, con pa­ro­le e no­te, crea mon­di con­di­vi­si, so­spe­si tra chi rac­con­ta e chi ascol­ta. Dopo il suc­ces­so del­la rac­col­ta «Vi­nyl – Storie di di­schi che cam­bia­no la vi­ta», ar­ri­va «On the ra­dio – Storie di ra­dio, dj e rock’n’roll», sem­pre per i ti­pi di Mo­rel­li­ni Edi­to­re, a cu­ra di Lu­ca Mar­ti­ni e Bar­ba­ra Pa­net­ta. Tra le storie, an­che quel­la del gior­na­li­sta di «Og­gi» Mas­si­mo La­ga­nà e di Vi­to Ri­bau­do, di­ret­to­re del­le ri­sor­se uma­ne Rcs, che già ave­va­no scrit­to un rac­con­to a quat­tro ma­ni per la pri­ma rac­col­ta, e ora re­cu­pe­ra­no il fi­lo, in­trec­cian­do nuo­va­men­te ri­cor­di e pos­si­bi­li­tà nel mon­do im­pal­pa­bi­le dell’ete­re. «In en­tram­bi i li­bri cor­re il fi­lo ros­so del­la me­mo­ria, del­la no­stal­gia e del ricordo — af­fer­ma La­ga­nà —. Da ra­gaz­zo ave­vo l’abi­tu­di­ne di ascol­ta­re le ra­dio­cro­na­che spor­ti­ve con mio pa­dre». Ed è at­tor­no a una par­ti­ta di cal­cio ascol­ta­ta al­la ra­dio che si svol­ge «La Do­me­ni­ca del­le Pal­me», tra un pran­zo di fa­mi­glia e un fi­na­le dol­cea­ma­ro (di cui pub­bli­chia­mo l’in­ci­pit qui sot­to) .

Spes­so l’an­to­lo­gia por­ta lo spet­ta­to­re «dall’al­tra par­te», in stu­dio, quan­do ini­zia la vi­ta mu­si­ca­le di chi al­la mu­si­ca de­di­che­rà tut­ta la vi­ta. Ci so­no i ri­cor­di di Leo Per­sua­der e Mas­si­mo So­lie­ri, tra i più stret­ti col­la­bo­ra­to­ri di Va­sco Ros­si al mo­men­to dell’esor­dio e del­la crea­zio­ne di Pun­to Ra­dio, una del­le pri­me emit­ten­ti li­be­re che ini­zia a tra­smet­te­re nel 1975. Il rac­con­to pe­rò non si svol­ge in ra­dio, ma in un lo­ca­le vi­ci­no a Bo­lo­gna. Qui si ri­tro­va­no gli ami­ci di una vi­ta, e ri­cor­da­no. Ri­cor­da­no «quel ma­gni­fi­co grup­po. Va­sco, ol­tre a tra­smet­te­re per ra­dio, scri­ve­va an­che can­zo­ni, ed era pu­re bra­vo, so­lo che era ti­mi­do e non vo­le­va far­le sen­ti­re a nes­su­no», e pro­se­gue tra storie di mu­si­ca e so­prat­tut­to di ami­ci­zia, fi­no all’in­ten­so fi­na­le. Gio­ca tra l’iro­nia del­la co­mu­ni­ca­zio­ne ra­dio­fo­ni­ca di un da­to im­per­fet­to e la per­fe­zio­ne di un caf­fè na­po­le­ta­no il rac­con­to «Udi­ne non per­ve­nu­ta», di Ric­car­do Cas­si­ni, au­to­re per il ci­ne­ma, il tea­tro e la ra­dio. È un viag­gio lun­go 40 anni di car­rie­ra il rac­con­to di Dr. Feel­good, al se­co­lo Mau­ri­zio Fau­li­si, dal 2009 ai mi­cro­fo­ni di Vir­gin Ra­dio. «Vai a ca­pi­re co­me sia na­ta la mia pas­sio­ne per il rock’n’roll — scri­ve —, non pos­so nem­me­no in­col­pa­re un fra­tel­lo mag­gio­re o un ami­co per aver­mi tra­smes­so il vi­rus di que­sta ma­lat­tia. De­ve es­se­re sta­ta la ra­dio, non riu­sci­vo a pas­sa­re un so­lo po­me­rig­gio sen­za de­di­car­le qual­che ora».

Pas­sio­ne che di­ven­ta me­stie­re, ma re­sta pas­sio­ne. Co­me scri­ve Lu­ca Bot­tu­ra, che ha la­vo­ra­to tra l’al­tro per il Cor­rie­re, Ra­dio Ca­pi­tal e Ra­dio Dee­jay, «pur ac­ca­rez­zan­do ognu­no dei miei tan­ti me­stie­ri — scri­ve­re per la tv, im­brat­ta­re i gior­na­li, sgom­be­ro can­ti­ne e so­lai — la ra­dio è la mia pas­sio­ne più pro­fon­da. Do­ve in­ter­rom­po le si­nap­si e mi tra­sfor­mo in un flus­so di co­scien­za. Che a vol­te spa­ven­ta, a vol­te tro­va so­vrap­po­ni­bi­li­tà con le co­scien­ze de­gli al­tri. Co­me una spe­cie di sen­ti­men­to. A vol­te se­rio, più spes­so cial­tro­ne». La ra­dio, in­som­ma, non è un sot­to­fon­do: è un si­gni­fi­ca­to. Non è un mez­zo per tra­smet­te­re un mes­sag­gio: è il mes­sag­gio. È ciò che dà sen­so al­le co­se. Co­me nel rac­con­to de­gli scrit­to­ri Mar­co Ba­lia­ni e Pao­lo Di Pao­lo, do­ve è lei a san­ci­re che la guer­ra è fi­ni­ta. E an­co­ra, è la ra­dio a spin­ge­re due co­niu­gi a ri­ve­la­re ter­ri­bi­li se­gre­ti, co­me nel­lo splen­di­do e sor­pren­den­te rac­con­to di An­drea Gu­gliel­mi­no. È la ra­dio a far tor­na­re chi si è per­so, a far par­la­re chi non c’è più, a da­re cor­po a fan­ta­smi di pau­re o di so­gni. «Pron­to. Qua­le can­zo­ne ti pia­ce­reb­be ascol­ta­re?»

Pas­sio­ne Nel­la rac­col­ta di rac­con­ti «On the ra­dio Storie di ra­dio, dj e rock’n’roll» (Mo­rel­li­ni Edi­to­re, a cu­ra di Lu­ca Mar­ti­ni e Bar­ba­ra Pa­net­ta) si ri­tro­va­no gli amo­ri, le sen­sa­zio­ni, le vo­ci e le mu­si­che che le ra­dio «so­no sta­te in gra­do di far vi­ve­re o ri­vi­ve­re»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.