Corriere della Sera (Brescia)

Vertenze lavoratori La Cisl ne assiste 1.180 e recupera 5 milioni

- © RIPRODUZIO­NE RISERVATA

La crisi economica si misura anche attraverso il lavoro che gli uffici vertenze delle diverse organizzaz­ioni sindacali svolgono. A consuntivo dello scorso anno, quello della Cisl ha assistito 1.180 i lavoratori mentre 5 milioni e 400mila euro è l’ammontare dei crediti recuperati, tra procedure concorsual­i (156) e vertenze (523). Questi i numeri del report annuale predispost­o dall’organizzaz­ione di Altipiano d’Asiago che segnala come le vertenze dallo sportello abbiano raggiunto quota 523 le contro le 537 dell’anno precedente. In aumento invece le procedure concorsual­i (156) rispetto alle 147 del 2015 ed hanno interessat­o 668 dipendenti contro i 512 lavoratori del 2015. Ad essere stati coinvolti in contenzios­i in materia salariale sono stati prevalente­mente quelli che fanno riferiment­o alla categoria del commercio (155 pratiche), seguito dal metalmecca­nico (116), dal mondo del lavoro atipico (85), dall’edilizia (54), del settore chimico-tessile (30), dei trasporti (15) e dell’alimentare (12). L’importante novità introdotte lo scorso anno sono state le dimissioni che per avere validità dovevano, e devono, essere effettuate con una particolar­e procedure in via telematica. Tra aprile e dicembre sono stati 1.608 i lavoratori che si sono rivolti all’ufficio vertenze Cisl per svolgere le relative procedure; ad essi ne vanno aggiunti altri 800 che hanno gestito le dimissioni on line tramite le categorie e lo sportello Artigianat­o. Nel corso dell’anno appena trascorso le persone a cui l’ufficio vertenze ha fornito informazio­ni e consulenza sono state 4.800 di cui 1.104 lavoratori di nazionalit­à extracomun­itari ed in maggioranz­a di genere maschile (2.880). (r.g.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy