Jack, il cam­pio­ne di ve­la pre­sta­to all’al­ta mo­da

Ca­val­li, pro­die­re che so­gna­va l’Olim­pia­de, è sta­to sco­per­to in ae­ro­por­to

Corriere della Sera (Brescia) - - FRONT PAGE - di Mau­ri­zio Ber­te­ra

So­gna­va la me­da­glia d’oro ai Gio­chi Olim­pi­ci e tut­to som­ma­to avreb­be po­tu­to pro­var­ci, vi­sti i ri­sul­ta­ti dell’ini­zio qua­drien­nio. Ma su una co­sa pos­sia­mo met­te­re la ma­no sul fuo­co. Gia­co­mo Ca­val­li – Jack per ami­ci e av­ver­sa­ri in ac­qua – non sa­reb­be fa­mo­so co­me lo è di­ven­ta­to ora, in un so­lo an­no di cam­pa­gne pub­bli­ci­ta­rie. Que­sto ra­gaz­zo bre­scia­no, a 24 an­ni, è sem­pre più il mo­del­lo del mo­men­to. At­tual­men­te è te­sti­mo­nial di Liu Jo per l’au­tun­no-in­ver­no 2018-19 per la li­nea Man. Ma ha già la­vo­ra­to per Nor­th, Dol­ce & Gab­ba­na, EA7, Bru­nel­lo Cu­ci­nel­li, Phi­lip­pe Plein, Ports e fa­cil­men­te nei pros­si­mi me­si lo ve­dre­mo in­dos­sa­re abi­ti di al­tre mai­son il­lu­stri. Riav­vol­gia­mo il na­stro: fi­glio di bra­vo ve­li­sta — Bep­pe Ca­val­li fu uno dei mi­glio­ri con l’As­so 99 nell’epo­ca d’oro del­la clas­se — e cre­sciu­to al Cir­co­lo Ve­la Gar­gna­no, Gia­co­mo è sta­to pro­die­re del ta­len­tuo­so tren­ti­no Rug­ge­ro Ti­ta: equi­pag­gio più che pro­met­ten­te se è ve­ro che nel 2015 fi­nì se­con­do al Mon­dia­le ju­nio­res dei 49er. Poi Ca­val­li de­ci­de di mol­la­re lo sport del­la scot­ta per con­cen­trar­si sul­lo stu­dio (si è lau­rea­to a Bre­scia in Eco­no­mia e Ge­stio­ne Azien­da­le, ora sta se­guen­do un Ma­ster in ma­na­ge­ment al­la Boc­co­ni) ma al tem­po stes­so di sfrut­ta­re un in­con­tro ca­sua­le in un ae­ro­por­to. «Era il 2014 e un p.r. del grup­po Ar­ma­ni mi scam­biò per il mo­del­lo canadese Si­mon Ness­man e scu­san­do­si per l’er­ro­re, mi con­si­gliò di ini­zia­re la stes­sa car­rie­ra – rac­con­ta – all’epo­ca ave­vo al­tro per la te­sta, vo­le­vo fa­re il ve­li­sta ma non but­tai il bi­gliet­to da vi­si­ta. Due an­ni do­po l’ho chia­ma­to e mi so­no but­ta­to, co­sì per pro­va­re: do­po il tour del­le agen­zie e la clas­si­ca ga­vet­ta ini­zia­le, ho po­sa­to per la pri­ma cam­pa­gna im­por­tan­te nel mag­gio 2017. Era de­sti­no che fos­se con Nor­th Sails, uno dei brand mi­ti­ci del­la ve­la». Il «gio­chi­no» è ora un la­vo­ro ben re­tri­bui­to, ov­via­men­te, ma con le sue dif­fi­col­tà. «Lo so co­sa pen­sa la gen­te: tan­ti sol­di, po­sti spa­zia­li, pra­ti­ca­men­te un hob­by. Per un la­to è co­sì ma al tem­po stes­so fi­ni­sci per sta­re 180-200 gior­ni lon­ta­no da ca­sa, da­gli af­fet­ti e sul set non so­no sem­pre ro­se e fio­ri, an­zi ci si an­no­ia fa­cil­men­te». L’am­bien­te? «Co­me in ogni la­vo­ro si tro­va di tut­to, cer­co di non per­de­re i va­lo­ri che mi han­no in­se­gna­to i miei ge­ni­to­ri. Quel­lo che mi col­pi­sce è la pre­sen­za di per­so­ne ma­ga­ri sen­za una buo­na cul­tu­ra di ba­se ma con un ta­len­to paz­ze­sco e una pro­fes­sio­na­li­tà da in­vi­dia­re. Tro­vi ve­ra­men­te un li­vel­lo ele­va­tis­si­mo, quan­do la­vo­ri con le mag­gio­ri mai­son ita­lia­ne». Ca­val­li ora vi­ve tra Mi­la­no e il mon­do, tor­na a Bre­scia («Sa­rei bu­giar­do a di­re che mi man­ca, c’è una men­ta­li­tà che mi sta stret­ta») so­lo per ri­tro­va­re i ge­ni­to­ri e i cin­que ami­ci di sem­pre che da un la­to lo pren­do­no in gi­ro e dall’al­tro, co­me in tut­te le com­pa­gnie ma­schi­li del mon­do, fa­reb­be­ro la fir­ma per es­se­re al suo po­sto. Fer­mo re­stan­do che sull’ar­go­men­to ami­che e/o fi­dan­za­te è più ri­ser­va­to di un mo­na­co trap­pi­sta.

«Par­lia­mo di ve­la piut­to­sto, for­se l’uni­co ram­ma­ri­co nel cuo­re è il non aver po­tu­to ini­zia­re la nuo­va cam­pa­gna olim­pi­ca con Pie­tro Si­bel­lo. Ave­vo tro­va­to pu­re gli spon­sor, ma poi ho ini­zia­to a la­vo­ra­re tan­to e fa­re le due co­se in­sie­me non era fat­ti­bi­le. Co­mun­que, la pri­ma re­ga­ta a Pal­ma di Ma­ior­ca l’ab­bia­mo vin­ta: lo scri­va». Re­sta una cu­rio­si­tà: una vol­ta con­clu­so il Ma­ster boc­co­nia­no («E su que­sto non si di­scu­te, an­che se tro­va­re tem­po per stu­dia­re è sem­pre più com­pli­ca­to» am­met­te), Jack co­sa fa­rà da gran­de: il ma­na­ger o il mo­del­lo? «Ne par­lia­mo, spe­ro, tra un an­no e mez­zo: avrò tem­po per ca­pi­re la mia stra­da» ri­spon­de. La sen­sa­zio­ne è che sa­rà co­mun­que quel­la giu­sta.

(fo­to a de­stra)

Il mo­del­loGia­co­mo «Jack» Ca­val­li, 24 an­ni sta sfi­lan­do per im­por­tan­ti brand (in al­to: fo­to di Giam­pao­lo Sgu­ra per Liu-Jo). Da ra­gaz­zo so­gna­va di vin­ce­re al­le Olim­pia­di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.