DE­CRE­SCI­TA CHE FU­TU­RO CI ASPET­TA?

Corriere della Sera (Brescia) - - FRONT PAGE - Di Mas­si­mo Te­de­schi

L’im­mi­gra­zio­ne ha im­boc­ca­to la chi­na del­la de­fla­zio­ne. An­che a Bre­scia. Quel che fi­no a po­co fa era una per­ce­zio­ne epi­der­mi­ca, un’in­tui­zio­ne oc­ca­sio­na­le, è di­ven­ta­ta cer­tez­za do­po che il Cir­mib (Cen­tro ini­zia­ti­ve e ri­cer­che sul­le mi­gra­zio­ni che ha se­de in Uni­ver­si­tà Cat­to­li­ca), no­to per ac­cu­ra­tez­za dei da­ti e se­rie­tà dell’ana­li­si, ha dif­fu­so il re­port sul­le mi­gra­zio­ni 2018. Ac­can­to al nu­me­ro com­ples­si­vo de­gli im­mi­gra­ti in pro­vin­cia di Bre­scia com­pa­re per il se­sto an­no con­se­cu­ti­vo il se­gno me­no (-1,56%). È dal 2011, quan­do gli im­mi­gra­ti nel bre­scia­no era­no 170.763, che la de­cre­sci­ta pro­se­gue, tan­to si è giun­ti que­st’an­no a quo­ta 156.068. Il da­to va in­ter­pre­ta­to: una par­te del­la di­mi­nu­zio­ne de­ri­va dal fat­to che al­cu­ne mi­glia­ia di im­mi­gra­ti han­no ot­te­nu­to la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na. C’è poi una quo­ta si­gni­fi­ca­ti­va di im­mi­gra­ti che ha per­so i re­qui­si­ti per la per­ma­nen­za le­ga­le in Ita­lia, ed è sci­vo­la­ta nel­la zo­na buia dell’il­le­ga­li­tà, del­la clan­de­sti­ni­tà: le sti­me del Cir­mib par­la­no di un tas­so di ir­re­go­la­ri­tà dell’8% pa­ri a cir­ca 12 mi­la uni­tà. Co­mun­que sia un bel pas­so in­die­tro ri­spet­to al 25% di clan­de­sti­ni sti­ma­to quin­di­ci an­ni fa. Fra im­mi­gra­ti che van­no or­mai con­si­de­ra­ti ita­lia­ni a tut­ti gli ef­fet­ti, quel­li che so­no tor­na­ti a ca­sa e clan­de­sti­ni in re­gres­so ri­spet­to al pas­sa­to, è evi­den­te che l’ap­por­to de­gli im­mi­gra­ti nel rim­pol­pa­re le esan­gui fi­la de­mo­gra­fi­che dei bre­scia­ni ha esau­ri­to, al­me­no per ora, la sua spin­ta pro­pul­si­va.

A fron­te di que­sto qua­dro c’è poi l’evo­lu­zio­ne del­la po­po­la­zio­ne ita­lia­na in pro­vin­cia. Sul­la te­sta dei bre­scia­ni pen­de una pre­vi­sio­ne dell’uf­fi­cio Sta­ti­sti­ca del Co­mu­ne di Bre­scia di al­cu­ni an­ni fa che sti­ma che nel 2031 i bre­scia­ni di Bre­scia sa­ran­no in to­ta­le 950mi­la, con una som­ma al­ge­bri­ca fra na­ti e mor­ti che por­te­rà al­la per­di­ta di qua­si 100mi­la uni­tà ri­spet­to ad og­gi. Un’emor­ra­gia de­mo­gra­fi­ca che scon­quas­se­rà la so­cie­tà bre­scia­na e mu­te­rà al­la ra­di­ce l’oriz­zon­te a cui sia­mo abi­tua­ti. Fa­re i con­ti con cen­to­mi­la bre­scia­ni in me­no e con una po­po­la­zio­ne di ul­traot­tan­ten­ni che pas­se­rà da 40mi­la a 67mi­la uni­tà, si­gni­fi­che­rà ri­di­se­gna­re il wel­fa­re, ri­scri­ve­re per­cor­si for­ma­ti­vi, uso de­gli spa­zi pub­bli­ci, va­lo­ri im­mo­bi­lia­ri. Ser­vi­ran­no ge­ria­tri e non pe­dia­tri, ba­dan­ti e non mae­stri, ca­se di ri­po­so e non asi­li, ca­se­co­mu­ni­tà e non al­log­gi pri­va­ti. A me­no che la sto­ria pre­pa­ri una del­le sue astu­zie, una in­spe­ra­ta ri­pre­sa del­la na­ta­li­tà. Di cui og­gi, pe­rò, non si ve­de trac­cia. Co­sì co­me non si ve­de trac­cia di po­li­ti­che che sap­pia­no in­co­rag­giar­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.